Cosa Non Amare nel Mondo per Ottenere L'Amore di Dio

11/18/2020 0 Commenti

1 Giovanni 2:15 (IRL) dà un'ammonizione specifica ai cristiani, spesso fraintesa da coloro che prendono il versetto alla lettera. Dice: Non amate il mondo né le cose che sono nel mondo. Se uno ama il mondo, l'amor del Padre non è in lui.

Si chiedono: "Come potrebbero non amare il mondo quando sono nel mondo e tutte le persone a loro care sono anche nel mondo?"

Apparentemente, questo non è ciò a cui si riferisce il versetto. In effetti, dobbiamo amare i nostri genitori e gli altri membri della nostra famiglia, i nostri amici, i nostri prossimi e persino i nostri nemici. Ma ci sono cose specifiche nel mondo che ci è proibito di amare, e amarle significherebbe che l'amore del Padre non è in noi. Cosa sono quelle?

1 Giovanni 2:16 (IRL) dice:

Poiché tutto quello che è nel mondo: la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita non è dal Padre, ma è dal mondo.

Giovanni ha indicato tre cose nel mondo che non dovremmo amare perché non vengono dal Padre. Sono la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita.

In altre parole, non dovremmo soccombere alla concupiscenza della carne e alla concupiscenza degli occhi, come guardare video pornografici, leggere materiale pornografico, sbirciare nei buchi e nelle fessure della camera da letto e del bagno di qualcun altro, indulgere nella sensualità e lascivia e fare avances sessuali su qualcuno che non è il nostro partner. Queste sono tra le cose al mondo che non dovremmo amare perché non sono del Padre.

Come la concupiscenza della carne e la concupiscenza degli occhi, anche la superbia della vita non viene dal Padre e, quindi, non dovremmo nemmeno amarla. Tuttavia, oggi, vediamo molte persone che sono superbe della loro vita, del loro status nella società, delle loro ricchezze e del loro potere e dei loro legami con persone influenti.

Non parlano altro che di presunzione e di vanagloria. Si considerano i migliori e di gran lunga superiori di tutti, ecco perché non accettano più suggerimenti e istruzioni dagli altri — non importa quanto siano buoni i suggerimenti, specialmente se provengono dai loro rivali.

Questo è molto comune tra i politici e i funzionari del governo. Invece di sostenersi e cooperare tra loro, spesso li vediamo litigare, se non obiettare e mettere in discussione determinati progetti e decisioni, non per i loro demeriti, ma semplicemente perché provengono da qualcuno appartenente a un partito politico rivale. Non c'è da stupirsi perché oggigiorno ci siano disordini e divisioni in molte nazioni.

Se non sono venuti dal Padre, da chi sono venute queste cose nel mondo?

Giacomo 3:16, 15 (IRL) dice:

16 Poiché dove sono invidia e contenzione, quivi è disordine ed ogni mala azione. 

15 Questa non è la sapienza che scende dall'alto, anzi ella è terrena, carnale, diabolica.

Sono venuti dal diavolo. In realtà, possiamo generalizzare in modo radicale che tutte le cose folli sulla terra — come la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi, la droga, la pornografia, la prostituzione, l'avidità di potere — provengono tutte dal diavolo. Questo è il motivo per cui ai cristiani è proibito amarli.

Ma non ci è stato mai proibito di amare i nostri genitori, fratelli, figli, amici e simili, anche i nostri nemici. Infatti, ai cristiani è comandato di amarli. Ma ovviamente, sopra ogni cosa, dovremmo amare Dio. 

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Il Motivo Triste e Dolente Per Cui Alcuni Credono che Cristo non sia Dio

11/18/2020 0 Commenti

C'è qualche verità nell'affermazione della Chiesa di Cristo di Manalo (INCM) secondo cui il Signore Gesù Cristo non è altro che un semplice essere umano? Per prima cosa, consideriamo cosa disse di Lui l'apostolo Giovanni.

1 Giovanni 5:20-21 (IRL) dice:

20 ma sappiamo che il Figliuol di Dio è venuto e ci ha dato intendimento per conoscere Colui che è il vero; e noi siamo in Colui che è il vero Dio, nel suo Figliuolo Gesù Cristo. Quello è il vero Dio e la vita eterna. 

21 Figliuoletti, guardatevi dagl'idoli.

Questo particolare versetto è uno dei tanti versetti equivocati dai ministri dell'INCM per far sembrare valida la loro affermazione: che il Signore Gesù Cristo non è un Dio, ma solo un uomo. Stanno cercando di far sembrare che il vero Dio menzionato nel versetto 20 sia il Padre.

Tuttavia, se vogliamo analizzarlo più a fondo, il vero Dio e la vita eterna a cui si riferisce è qualcuno che è venuto qui sulla terra, qualcuno che ha dato loro — gli apostoli — la comprensione. Questo non si applicherebbe al Padre perché non era venuto qui fisicamente. Indubbiamente, si riferisce a Suo Figlio, il Signore Gesù Cristo. Egli è "il vero Dio e la vita eterna".

Perché dare l'ammonimento "guardatevi dagli idoli" nel versetto 21? È perché qui sulla terra ci sono molti idoli o falsi dei. Ma Colui che è venuto qui, che aveva dato loro la comprensione, secondo gli apostoli, è il vero Dio e la vita eterna. Ed era il Signore Gesù Cristo. Si noti che il "vero Dio" era stato introdotto dall'articolo determinativo "il" — "il vero Dio e la vita eterna" — che denota specificazione.

Per dimostrare ulteriormente che la "vita eterna" era il Signore Gesù Cristo, 1 Giovanni 1:1-2 (IRL) dice:

1 Quel che era dal principio, quel che abbiamo udito, quel che abbiam veduto con gli occhi nostri, quel che abbiamo contemplato e che le nostre mani hanno toccato della Parola della vita 

2 (e la vita è stata manifestata e noi l'abbiam veduta e ne rendiamo testimonianza, e vi annunziamo la vita eterna che era presso il Padre e che ci fu manifestata),

La “vita eterna” era presso il Padre, ed è stata manifestata agli apostoli perché è venuta qui. Molto chiaramente si riferisce al Signore Gesù Cristo. Questa è una verità biblica che i ministri dell'INCM non possono cancellare né rimuovere dalla Bibbia.

Ora, quando Cristo venne qui sulla terra, questo è ciò che il Padre Gli disse:

Ebrei 1:8 (IRL) dice:

dice del Figliuolo: Il tuo trono, o Dio, è ne' secoli dei secoli, e lo scettro di rettitudine è lo scettro del tuo regno.

Anche in questo caso il versetto è stato distorto anche dai ministri dell'INCM. Nella loro intenzione di ridurre il Signore Gesù Cristo allo stato di un normale essere umano, hanno cambiato "Il tuo trono, o Dio", in "Il tuo trono, è Dio", dando luogo a un'idea che è molto umiliante per Dio. Hanno portato Dio a uno stato molto, molto inferiore; hanno fatto di Lui un trono su cui si può sedere. Non è assurdo?

Nel versetto citato in precedenza, il Padre era colui che parlava e chiamava Suo Figlio come Dio. Mettereste in dubbio la dichiarazione del Padre? Questa è la verità. Il Signore Gesù Cristo è Dio perché è il Figlio di Dio. Lui è venuto dal seno del Padre; il Padre Lo ha generato. Questa verità è qualcosa che i ministri dell'INCM trovano difficile da accettare: che il Padre ha generato l’unigenito Dio. Ma il loro rifiuto non cambierà la verità: che il Signore Gesù Cristo è l'unigenito Dio. Come scritto nei manoscritti greci, Lui è monogenes theos. 

In realtà, anche se ci sono molte prove che dimostrano la divinità del Signore Gesù Cristo, anche se gli stessi apostoli hanno testimoniato che: "Questo è il vero Dio e la vita eterna", e anche se il Padre, "... a Figlio egli dice: Il tuo trono, o Dio, è nei secoli dei secoli ”, dubito che quei ministri dell'INCM lascerebbero andare la loro convinzione di oltre un secolo che il Signore Gesù Cristo è solo un essere umano.

Non possiamo farci niente. È infatti inevitabile che ci siano davvero persone che non riconoscono la divinità di Cristo, non per una ragione valida e biblica, ma semplicemente per pura testardaggine e ostinazione. Ma dove li porterà la loro caparbietà e ostinazione? Dove altro se non alla perdizione!

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Dissipare Affermazioni Riguardanti il Ritorno di Cristo con Buon Senso e Semplice Logica

11/13/2020 0 Commenti

La Chiesa di Cristo di Manalo è una delle religioni che crede che quando il Signore Gesù Cristo tornerà, la terra sarà già bruciata. Infatti, in una delle loro trasmissioni televisive, Michael Sandoval, un ministro dell'INC di Manalo, ha blaterato che il regno millenario di Cristo sulla terra — che è diventato l'argomento di molti dei nostri raduni congregazionali — è altamente impossibile che accada perché secondo lui, quando il Signore Gesù Cristo tornerà, questa terra sarà già bruciata e distrutta. E poiché sarà già distrutta, non ci sarà più nessun posto dove Cristo potrà regnare.


Apparentemente, stava cercando di contestare ciò che avevo insegnato ai nostri fratelli nella Chiesa di Dio Internazionale, qualcosa su cui mi sono basato sul libro dell'Apocalisse, che dice che quando Cristo tornerà, risusciterà coloro che sono morti in Lui, e loro insieme con i Suoi fedeli servitori regneranno con Lui sulla terra per mille anni (Apocalisse 20:5-6). Mi chiedo perché si opponga a qualcosa che è chiaramente scritto nella Bibbia.

È evidente che la sua opposizione a quanto ho detto è stata motivata dalla sua ignoranza dei misteri biblici e delle dichiarazioni profetiche che noi della Chiesa di Dio Internazionale conosciamo e comprendiamo nonostante la nostra umile condizione - non attraverso i nostri sforzi ma attraverso la guida divina dello Spirito Santo.

Non è vero che la terra sarà distrutta o bruciata, quando il Signore Gesù Cristo tornerà. Anche se non neghiamo il fatto che questa cosa è destinata ad accadere, ma non accadrà al ritorno di Cristo. Secondo la Bibbia, quando il Signore Gesù Cristo tornerà, Lui insieme ai Suoi santi che saranno fatti sacerdoti, regnerà sulla terra per un millennio. Quindi, la terra esisterà ancora. E dato l'arco di mille anni, possiamo aspettarci che il Vangelo della salvezza possa essere predicato in tutto il mondo senza ostacoli perché, per tutto quel periodo, satana sarà incarcerato. Tuttavia, dopo il periodo di mille anni, sarà liberato dalla sua prigione.

APOCALISSE 20:7-8 (IRL) dice:

7 E quando i mille anni saranno compiti, Satana sarà sciolto dalla sua prigione 

8 e uscirà per sedurre le nazioni che sono ai quattro canti della terra, Gog e Magog, per adunarle per la battaglia; il loro numero è come la rena del mare.

Al termine dei mille anni, quando satana sarà stato liberato dalla sua prigione, sapendo di avere un tempo molto limitato, lavorerà doppiamente duramente per ingannare le nazioni ai quattro angoli del mondo. Pensateci: come può satana attraversare i quattro angoli della terra se questa terra non esistesse più? A parte questo, ci sarà ancora un Armageddon che dovrà accadere. Di nuovo, come può questa battaglia finale avvenire se al ritorno del Signore Gesù Cristo questa terra sarà già distrutta? Vedete la follia di Michael Sandoval e l'assurdità delle sue affermazioni?

In realtà, richiede solo una logica semplice e un po' di buon senso capire che quando il Signore Gesù Cristo tornerà, questa terra non sarà ancora bruciata perché Egli regnerà ancora su di essa per mille anni.

A quanto pare ai ministri dell'INC di Manalo, in particolare a Michael Sandoval, mancano la logica e il buon senso. Se li avessero, le loro dichiarazioni non avrebbero dovuto contraddire ciò che dice la Bibbia e non avrebbero dovuto mostrare la loro ignoranza e insensatezza alla televisione nazionale. Il loro ragionamento dimostra solo che non hanno alcuna idea del prossimo regno millenario del Signore Gesù Cristo e dei suoi santi qui sulla terra.

Ma non posso biasimarli completamente perché, sicuramente, i loro mentori non hanno insegnato loro nulla sul libro dell'Apocalisse — probabilmente perché anche loro non hanno capito questo particolare libro della Bibbia. È molto patetico! Il minimo che i ministri dell'INCM possono fare è essere abbastanza umili da ammettere la loro ignoranza, invece di vantarsi e fingere di essere a conoscenza delle verità bibliche come le dichiarazioni profetiche. In realtà, più si vantano e fingono, più diventa ovvio che sono privi di comprensione. Le stesse parole che escono dalla loro bocca sono quelle che li tradiscono. E siamo veramente dispiaciuti per loro, soprattutto per i loro fratelli in fede, che loro stanno conducendo alla perdizione. Possa Dio avere pietà di queste persone.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Cosa Aspettarsi Durante il Regno Millenario di Cristo

11/13/2020 0 Commenti

Non credere a nessun predicatore o religione che dica che il ritorno del Signore Gesù Cristo segna già il giorno del giudizio e la distruzione della terra. Non c'è verità in questo. Sì, il Signore Gesù Cristo tornerà, ma non per giudicare l'umanità e distruggere subito la terra, poiché c'è un altro tempo stabilito per compiere quelle cose.

Quando il Signore Gesù Cristo tornerà, risusciterà, non tutti i morti ma solo quelli che sono morti in Lui. Questa viene chiamata la prima risurrezione. E poi, coloro che Egli ha risuscitato e i Suoi fedeli servitori che sono ancora in vita durante quel periodo saranno rapiti tra le nuvole per incontrarLo fra le nuvole. Com’è scritto in 1 Tessalonicesi 4:16-17 (IRL):

16 perché il Signore stesso, con potente grido, con voce d'arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo, e i morti in Cristo risusciteranno i primi; 

17 poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo insieme con loro rapiti sulle nuvole, a incontrare il Signore nell'aria; e così saremo sempre col Signore.

Coloro che saranno inclusi nella prima risurrezione sono considerati benedetti perché la seconda morte non ha più potere su di loro. Saranno fatti sacerdoti e insieme a Cristo regneranno sulla terra per mille anni.

APOCALISSE 20:5-6 (IRL)

5 Il rimanente dei morti non tornò in vita prima che fosser compiti i mille anni. Questa è la prima risurrezione. 

6 Beato e santo è colui che partecipa alla prima risurrezione. Su loro non ha potestà la morte seconda, ma saranno sacerdoti di Dio e di Cristo e regneranno con lui quei mille anni.

In altre parole, ci sono due resurrezioni dei morti che avverranno. La prima risurrezione è esclusiva per coloro che sono morti in Cristo, e questo avverrà al ritorno del Signore Gesù Cristo; mentre la seconda risurrezione comprende tutti i morti che non sono inclusi nella prima risurrezione, e avverrà dopo il periodo di mille anni. Quindi, c'è un intervallo di mille anni tra la prima e la seconda risurrezione dei morti.

Quando tutti i morti saranno risorti, quello sarà il tempo in cui il Signore Gesù Cristo giudicherà sia i vivi che i morti. La Bibbia fece riferimento a Cristo come il giudice sia dei vivi che dei morti.

1 PIETRO 4:5 (IRL)

Essi renderanno ragione a colui ch'è pronto a giudicare i vivi ed i morti.

Un altro versetto, che dimostra che il Signore Gesù Cristo giudicherà sia i vivi che i morti, è 2 Timoteo 4:1 (IRL) che dice:

Io te ne scongiuro nel cospetto di Dio e di Cristo Gesù che ha da giudicare i vivi e i morti, e per la sua apparizione e per il suo regno:

Verrà un tempo in cui il Signore Gesù Cristo apparirà e la gloria del Suo regno sarà rivelata. Ma non sarà fino a dopo i mille anni, quando Egli emetterà il giudizio sia sui vivi che sui morti che sono risorti durante la seconda risurrezione.

In realtà, Giovanni, a cui furono date queste rivelazioni, ebbe un assaggio del giorno del giudizio; vide persino come il diavolo fu gettato nello stagno di fuoco e zolfo.

APOCALISSE 20:10 (IRL)

E il diavolo che le avea sedotte fu gettato nello stagno di fuoco e di zolfo, dove sono anche la bestia e il falso profeta; e saran tormentati giorno e notte, nei secoli dei secoli.

Dopo di che, anche Giovanni vide un grande trono bianco, e davanti al trono di Dio stavano tutti i morti che erano stati risuscitati per affrontare il giudizio.

APOCALISSE 20:11-12 (IRL)

11 Poi vidi un gran trono bianco e Colui che vi sedeva sopra, dalla cui presenza fuggiron terra e cielo; e non fu più trovato posto per loro. 

12 E vidi i morti, grandi e piccoli, che stavan ritti davanti al trono; ed i libri furono aperti; e un altro libro fu aperto, che è il libro della vita; e i morti furon giudicati dalle cose scritte nei libri, secondo le opere loro.

Quindi, è chiaro ora che il ritorno del Signore Gesù Cristo non segna il giorno del giudizio né la distruzione della terra, poiché queste cose accadranno dopo il Suo regno sulla terra per mille anni. Deve essere chiaro che il ritorno del Signore Gesù Cristo segna solo l'inizio del Suo regno millenario sulla terra.

Con il Signore Gesù Cristo che regna su tutti coloro che sono sulla terra, possiamo solo immaginare il tipo di giustizia, rettitudine e santità che prevarrà ovunque. Possiamo anche aspettarci che con Cristo regnante, sempre più persone si convertiranno, il che significa che sempre più persone avranno la possibilità di salvezza.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Guarigione: Falsa o Reale?

11/10/2020 0 Commenti

La Bibbia menziona diversi doni spirituali alla Chiesa e uno di questi è il dono della guarigione (1 Corinzi 12:4,9). In effetti, la chiesa cristiana del primo secolo divenne un recipiente di questo dono, motivo per cui all'epoca ci furono apostoli e membri della Chiesa che divennero strumenti per guarire le persone con infermità fisiche. E fino ad oggi, il dono della guarigione di Dio continua ad essere goduto dal Suo popolo.

A volte, la guarigione non avviene dovuto ad intervento umano ma per le preghiere ferventi. Per prima cosa, Dio offre guarigione a coloro che lo pregano con fervore. Conosco personalmente alcuni fratelli della Chiesa a cui erano state diagnosticate malattie che erano già allo stadio terminale, mentre altri erano affetti da malattie contagiose. Ma attraverso le nostre preghiere ferventi a Dio Onnipotente, queste persone sono state in grado di vivere oltre il limite di ciò che i dottori avevano loro posto. Ci sono stati anche quelli che, per difficoltà finanziarie, si erano rifiutati di sottoporsi a un intervento chirurgico e hanno semplicemente deciso di essere dimessi dall'ospedale, ma attraverso preghiere e suppliche sincere, Dio ha aggiunto molti altri anni alla loro vita.

Nella Chiesa di Dio Internazionale, ogni volta che soffriamo di qualsiasi disturbo o malattia, il primo provvedimento che prendiamo è inginocchiare, pregare e chiedere la misericordia e l'intervento di Dio. Non eseguiamo alcuna cerimonia o rituale. Non recitiamo alcun incantesimo. Preghiamo semplicemente con fervore. È nostra fede che Dio può fare più di ciò che possono fare i migliori medici specialisti e che Lui può fare meglio ciò che medici non possono fare.

Molti predicatori oggi si vantano di avere il dono della guarigione: che semplicemente imponendo le mani sui malati, coloro che sono malati guariranno sicuramente. Ovviamente, questa è un'affermazione assurda. È così facile affermare che hanno il dono della guarigione, ma provarlo è qualcosa che non sono riusciti a fare.

In realtà, ho visto un video di un predicatore spudorato che si suppone esegua un rituale di guarigione. Ma invece di posare la mano sulla donna malata, le mette sopra il piede. È evidente che fornire una guarigione "seria" non era davvero la sua preoccupazione principale; era più interessato a trarre vantaggio dalla donna malata che desiderava disperatamente guarire. Stava capitalizzando la sua posizione di predicatore e il suo autoproclamato dono di guarigione nel compiere atti di lascivia e oscenità, come mostrato nel video.

La donna nel video era effettivamente affetta da una malattia ovarica. Ma cosa ha fatto il pastore? Usando il piede, aveva toccato i genitali della donna; la stava praticamente aggredendo sessualmente. La Bibbia non ha mai parlato di alcun metodo di guarigione simile a quello utilizzato da questo stupido pastore. È stata una dimostrazione grossolana di lussuria e sensualità e, senza alcun dubbio, tale uomo non è di Dio, ma di satana.

Noi della Chiesa di Dio Internazionale non compiamo simili sciocchezze né pretendiamo di poter guarire le persone da tutte le loro malattie semplicemente imponendo loro le mani. Preghiamo Dio per la Sua guarigione perché crediamo sinceramente che sia Dio che guarisce, e la nostra fede è ancorata a ciò che disse in Esodo 15:26 (IRL), "...perché io sono l'Eterno che ti guarisco". Contiamo sempre sulle Sue dichiarazioni e sulla Sua abbondante misericordia.

In effetti, c'è un dono di guarigione dato alla Chiesa. Ci sono davvero alcuni membri della Chiesa a cui è stato conferito questo dono, come, ad esempio, ai nostri fratelli e sorelle che lavorano come medici, infermieri e massofisioterapisti. Come fisioterapisti, possono curare i gonfiori, riabilitare gli infortuni sportivi, alleviare la tensione e la rigidità muscolare e provvedere sollievo e comfort a chi soffre — non imponendo loro le mani — ma applicando vari gradi di pressione sulla parte del corpo interessata o sfregando e accarezzando tali aree con le mani. Quindi, nel loro piccolo modo, sono anche in grado di fornire guarigione.

Resta da vedere se una persona è stata guarita grazie alle preghiere o per l'intervento di un operatore sanitario, la nostra convinzione è che Dio e il Signore Gesù Cristo sono quelli che guariscono veramente. Coloro che hanno il dono della guarigione vengono semplicemente usati dal Padre e da Cristo per essere i loro strumenti nel guarire le persone. In realtà, è il potere di guarigione di Dio e del Signore Gesù Cristo che fa miracoli. La conclusione è che Dio e il Signore Gesù Cristo sono i nostri guaritori.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Sposarsi o Non Sposarsi: Lasciati Guidare dalle Prescrizioni di Dio

11/10/2020 0 Commenti

Dio vuole che l'uomo scelga sempre ciò che è buono, che si attenga ai Suoi insegnamenti e osservi le cose da fare e da non fare che aveva delineato in modo che l'uomo possa vivere una vita pacifica, sicura e felice. Tuttavia Lui non sta costringendo l'uomo a fare ciò che vuole né sta limitando la libertà di scelta dell'uomo. Eppure, Dio rivela i vantaggi e i benefici che l'uomo otterrà se sceglie di seguire la Sua volontà.

E come un padre che non vuole altro che il meglio per i suoi figli, Dio non manca mai di dare all'uomo le Sue prescrizioni e raccomandazioni che potrebbe usare come guida per fare scelte e decisioni nella vita, specialmente quando si tratta di questioni serie come trovare un coniuge e sposarsi, per esempio.

Il matrimonio è un'opzione data ad ogni uomo e donna. Coloro che vogliono costruire una propria famiglia possono sempre scegliere di sposarsi, ma quelli che vogliono perseguire una vita tranquilla, imperturbabile e divina possono sempre scegliere di non sposarsi. Ma se scelgono di sposarsi, è importante che consultino prima le prescrizioni di Dio scritte nella Bibbia riguardo a questo argomento in modo che non commettano un errore di cui si pentiranno in seguito.

Per quanto riguarda la donna, la Bibbia dice che se vuole una vita con minori preoccupazioni e responsabilità, e se vuole un tipo di vita che sia senza distrazioni nel suo servizio a Dio, è meglio per lei non sposarsi. Perché? Perché essere sposati è una carriera 24 ore su 24, 7 giorni su 7; richiede così tanto del suo tempo. E una volta sposata, non potrà più dedicare tutto il tempo che desidera per servire Dio. Sarà combattuta tra i suoi doveri verso Dio e quelli verso il marito e i figli.

A differenza di una donna non sposata che pensa principalmente a cose riguardanti la devozione e la santità, una donna sposata è assediata dalle preoccupazioni di questo mondo. Quindi, per non lasciarsi distrarre da queste cose, la Bibbia raccomanda che rimanga nubile.

1 CORINZI 7:32-35 (IRL) dice:

32 Or io vorrei che foste senza sollecitudine. Chi non è ammogliato ha cura delle cose del Signore, del come potrebbe piacere al Signore; 

33 ma colui che è ammogliato, ha cura delle cose del mondo, del come potrebbe piacere alla moglie. 

34 E v'è anche una differenza tra la donna maritata e la vergine: la non maritata ha cura delle cose del Signore, affin d'esser santa di corpo e di Spirito; ma la maritata ha cura delle cose del mondo, del come potrebbe piacere al marito. 

35 Or questo dico per l'utile vostro proprio; non per tendervi un laccio, ma in vista di ciò che è decoroso e affinché possiate consacrarvi al Signore senza distrazione.


In una tipica famiglia, il marito assume il ruolo di un capofamiglia, ma è la moglie che riceve la parte più pesante del fardello. È lei che concepisce e porta il bambino nel grembo per nove mesi; dopo nove mesi partorisce; e partorendo, la sua vita viene messa in grave pericolo. E dopo il parto, allatta e veglia su suo figlio per tutto il giorno, eccetera, eccetera. In pratica, i compiti che una madre deve svolgere non finiscono mai. Ciò senza menzionare i suoi doveri di moglie verso il marito e di custode della loro casa.

Con il suo pesante carico di lavoro ogni giorno, troverà sicuramente difficoltà nell'assegnare il tempo da dedicare al servizio di Dio. Ma se sceglierà di attenersi alla prescrizione di Dio — se sceglierà di rimanere nubile — sarà risparmiata da una vita molto faticosa e sarà in grado di servire Dio liberamente.

Questa particolare prescrizione di Dio è raccomandata anche all'uomo. Se vuole anche lui risparmiarsi i problemi di essere il capofamiglia — come guadagnare soldi per pagare le tasse scolastiche dei suoi figli, comprare latte e pannolini per il bambino e pagare l'affitto, i prestiti e altre bollette domestiche. E se vuole servire il Signore con tutto il cuore, è meglio che rimanga scapolo, come l'apostolo Paolo.

A volte ci sono persone speciali come l'apostolo Paolo, che sono state nominate da Dio per svolgere una funzione speciale. Nel caso di Paolo, lui lasciò che la volontà di Dio e non la sua scelta personale prevalesse nella sua vita. Sebbene agli apostoli non fosse proibito sposarsi, l'apostolo Paolo scelse di restare celibe perché voleva adempiere alla sua funzione e alle sue responsabilità in modo più fedele e senza ostacoli. Voleva anche dedicare tutta la sua vita al servizio del Signore, cosa che non avrebbe potuto fare se avesse avuto una moglie e dei figli a cui badare.

GALATI 1:13-15 (IRL)

13 Difatti voi avete udito quale sia stata la mia condotta nel passato, quando ero nel giudaismo; come perseguitavo a tutto potere la Chiesa di Dio e la devastavo, 

14 e mi segnalavo nel giudaismo più di molti della mia età fra i miei connazionali, essendo estremamente zelante delle tradizioni dei miei padri. 

15 Ma quando Iddio, che m'aveva appartato fin dal seno di mia madre e m'ha chiamato mediante la sua grazia, si compiacque

In realtà, anche mentre Paolo era ancora nel grembo di sua madre, Dio lo aveva già preordinato per essere un apostolo. E quando giunse il tempo fissato per il suo apostolato, si sottomise volentieri alla volontà di Dio.

Come per l'apostolo Paolo, anche Dio aveva programmato per Geremia un'altra funzione speciale sin dal tempo in cui era ancora nel grembo di sua madre. Dio aveva preordinato che Geremia fosse un profeta per le nazioni.

Ma a parte questi pochi casi eccezionali, le persone sono libere di scegliere il tipo di vita che desiderano. Sono libere di sposarsi, se lo desiderano; sono anche libere di rimanere celibi se questa è la loro scelta. E se decidono di sposarsi, è meglio che considerino prima le prescrizioni e le raccomandazioni di Dio.

Prima di tutto, è importante che l'uomo, o la donna, sia in grado di scegliere la persona giusta che diventerà il suo compagno di vita. Devono assicurarsi di innamorarsi della persona giusta. Perché? Perché il diavolo esorta anche le persone a innamorarsi, ma le spinge ad amare la persona sbagliata, anche qualcuno che è già sposato. Non credere a quello che dicono gli altri che una volta che Cupido ti colpisce con la sua freccia che va dritta al tuo cuore, vieni accecato dall'amore e che ti innamori anche di un uomo o una donna sposati. È una sciocchezza. In primo luogo, Cupido non è reale; esiste solo nella mitologia. Far innamorare una persona di qualcuno che è già sposato non è opera di Cupido ma del diavolo. E se cedi alla provocazione del diavolo, finirai per diventare uno sfascia-famiglie e un immorale.

Dio inoltre non vuole che tu sposi una persona di irascibile; infatti, Dio non vuole nemmeno che ti associ o che faccia amicizia con qualcuno che ha un brutto carattere o qualcuno che è sempre arrabbiato o furioso. Vuole che tu stia lontano da queste tipe di persone perché potrebbero influenzarti negativamente.

PROVERBI 22:24-25 (IRL) dice:

24 Non fare amicizia con l'uomo iracondo e non andare con l'uomo violento, 

25 che tu non abbia ad imparare le sue vie e ad esporre a un'insidia l'anima tua.

In realtà, questa qualità non è vista solo tra gli uomini poiché ci sono anche donne che sono irascibili e sono sempre contendenti e litigano con gli altri.

PROVERBI 21:19 (IRL)

Meglio abitare in un deserto, che con una donna rissosa e stizzosa.

Quindi, se vedi che la tua ragazza è rissosa e litiga sempre con te, è meglio fare marcia indietro. Altrimenti, se lei diventasse tua moglie non troveresti pace nella vita. E non potrai semplicemente abbandonarla o portarla via quando diventa molto fastidiosa e difficile da affrontare.

È contro la volontà di Dio che marito e moglie si separino. Il matrimonio dovrebbe essere duraturo — dovrebbe resistere alla prova del tempo e dovrebbe sopportare tutte le difficoltà. Affinché ciò avvenga, la relazione di marito-moglie dovrebbe essere fondata sull'amore genuino e sugli insegnamenti di Dio. E le parti contraenti nel matrimonio dovrebbero essere consapevoli che la loro relazione dura tutta la vita e solo la morte può separarle.

Se in altre chiese un matrimonio può essere annullato o dichiarato nullo, nella vera Chiesa di Dio il matrimonio è un impegno per tutta la vita e un contratto matrimoniale non perde mai la sua efficacia. Scade solo quando uno di loro muore.

E poiché noi della Chiesa di Dio internazionale non permettiamo alle coppie di separarsi, cerchiamo di controllare in primo luogo che l'uomo e la donna che vogliono sposarsi si amino veramente, che siano pronti ad adattarsi l'uno all'altro considerando il fatto che hanno avuto ambienti familiari diversi e sono stati cresciuti in modo diverso; che sono pronti ad affrontare le sfide e i problemi che potrebbero presentarsi; e che si sosterranno a vicenda in ogni momento e rimarranno fedeli l'uno all'altro per tutti i giorni della loro vita. E se mai sorgessero problemi e conflitti nel corso della loro vita coniugale, li aiutiamo anche a preservare il loro matrimonio. Li aiutiamo a sistemare le cose e risolvere i loro problemi usando la parola di Dio perché è volontà di Dio che mariti e mogli rimangano insieme fino alla fine.

Possiamo dire che in tutto ciò che facciamo e in ogni scelta e decisione che prendiamo, è sempre a nostro vantaggio essere guidati e seguire la volontà di Dio. Possiamo anche dire che il modo più saggio di usare il nostro libero arbitrio o la nostra libertà di scelta è scegliere di seguire la prescrizione di Dio, sia nel matrimonio che in altri aspetti della vita. Ricordate sempre, Dio sa cosa è meglio per noi e non vuole il meno del meglio per noi.

A Dio sia la gloria!

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Il Libero Arbitrio Mostra L'Amore Inesauribile di Dio per L'Uomo

11/01/2020 0 Commenti

La nostra vita viene da Dio ed esistiamo perché Lui lo ha voluto. Essendo il donatore della vita, Dio ha anche il potere di portarla via. La domanda è: tutte le morti sono volute da Dio? È volontà di Dio, ad esempio, che i bambini muoiano mentre sono ancora nel grembo materno?

Non possiamo davvero dare una risposta categorica sì o no a questa domanda. Innanzitutto, dobbiamo identificare la causa della morte del bambino. Perché e come è morto il bambino? Se il bambino è morto in modo naturale, cioè se non ci sono stati interventi umani, possiamo dire che la sua morte è stata voluta da Dio e sua madre non sarà ritenuta responsabile della morte del bambino. Ma se la madre ha volontariamente abortito suo figlio, sicuramente, la morte del bambino non è stata voluta da Dio perché abortire un bambino è un atto detestabile agli occhi di Dio. E chiunque lo commetta sarà reso responsabile della morte degli innocenti.

PROVERBI 6:16-17 (IRL)

16 Sei cose odia l'Eterno, anzi sette gli sono in abominio: 
17 gli occhi alteri, la lingua bugiarda, le mani che spandono sangue innocente,

Spargere sangue innocente è uno degli atti odiosi per Dio. E un modo in cui viene versato sangue innocente è attraverso l'aborto. L'aborto è contro la volontà di Dio.

Tuttavia, spargere sangue innocente non si limita solo all'aborto di un bambino nel grembo di una donna. Anche togliere la vita a bambini ignari, per qualsiasi motivo, è considerato spargimento di sangue innocente.

Questo è il motivo per cui Dio fu profondamente addolorato quando gli israeliti resero i loro figli e delle loro figlie come offerte sacrificali agli idoli di Canaan.

SALMI 106:38 (IRL)

e sparsero il sangue innocente, il sangue dei loro figliuoli e delle loro figliuole, che sacrificarono agl'idoli di Canaan; e il paese fu profanato dal sangue versato.

Immaginate, uccisero i propri figli, li bruciarono e fecero di loro un'offerta a falsi dei!

GEREMIA 7:31 (IRL)

Hanno edificato gli alti luoghi di Tofet, nella valle del figliuolo di Hinnom, per bruciarvi nel fuoco i loro figliuoli e le loro figliuole: cosa che io non avevo comandata, e che non m'era mai venuta in mente.

Far passare il proprio figlio o figlia attraverso il fuoco è contro i comandamenti di Dio; è un abominio per Lui.

DEUTERONOMIO 18:10-12 (IRL)

10 Non si trovi in mezzo a te chi faccia passare il suo figliuolo o la sua figliuola per il fuoco, né chi eserciti la divinazione, né pronosticatore, né augure, né mago, 
11 né incantatore, né chi consulti gli spiriti, né chi dica la buona fortuna, né negromante; 
12 perché chiunque fa queste cose è in abominio all'Eterno; e, a motivo di queste abominazioni, l'Eterno, il tuo Dio, sta per cacciare quelle nazioni d'innanzi a te.

Scientificamente parlando, durante il terzo o quarto mese di gravidanza di una donna, il bambino dentro di lei ha già un'identità. E già dalla seconda alla terza settimana di concepimento, un bambino ha già un sistema cardiovascolare. In realtà, il primo organo che si forma è il cuore; per Dio, il cuore è molto importante. Prima che un essere umano nasca, Dio conosce già il cuore che è in lui.

GEREMIA 1:5 (IRL)

'Prima ch'io ti avessi formato nel seno di tua madre, io t'ho conosciuto; e prima che tu uscissi dal suo seno, io t'ho consacrato e t'ho costituito profeta delle nazioni'.

Nel caso del profeta Geremia, Dio lo aveva già conosciuto anche prima che fosse formato nel grembo di sua madre — Dio lo aveva santificato prima che fosse partorito. E mentre era ancora nel grembo di sua madre, Dio aveva già ordinato a Geremia di essere un profeta per le nazioni. Alla luce di tutto ciò, possiamo solo immaginare quanto fosse grave il peccato che avrebbe potuto commettere la madre di Geremia se avesse deciso di abortire suo figlio quando aveva solo poche settimane nel suo grembo. Avrebbe potuto essere un ostacolo per l'adempimento del decreto di Dio a suo figlio.

Le donne che abortiscono i bambini e i medici che praticano l'aborto sono entrambi colpevoli di aver versato sangue innocente. A meno che non lo facciano per salvare la vita della madre. È una storia diversa se il bambino è stato abortito perché la vita della madre è stata messa in pericolo. In una situazione come questa, l'aborto diventa ammissibile.

Ma è un grande peccato per Dio se l'aborto viene eseguito semplicemente perché la donna vuole evitare la responsabilità o teme di essere messa in ridicolo perché è rimasta incinta fuori dal matrimonio; o che la gravidanza rovinerà la sua figura; o il bambino sarà un ostacolo per raggiungere la sua ambizione. In questi casi, non solo la donna che si è sottomessa all'aborto sarà ritenuta responsabile per aver versato sangue innocente, ma lo sarà anche il medico che ha eseguito l'aborto. Tenetelo a mente: abortire un bambino non fa parte della volontà di Dio.

Al momento esiste un'ideologia che promuove l'aborto perché, secondo i suoi sostenitori, è un modo per limitare la popolazione mondiale. Come previsto, i fautori di questa stupidità sono atei spudorati. Le persone che non credono in Dio sono dietro ogni programma e concetto volto ad accorciare la durata della vita delle persone e a ridurre la popolazione della terra. Queste persone sono anch’esse dietro l'invenzione delle armi di distruzione di massa e forse anche del virus che continua a infettare milioni di persone in tutto il mondo oggi. Dato che questo virus è abbastanza strano e straordinariamente forte, ho la tendenza a credere che non provenga dalla natura ma che sia prodotto dall'uomo.

Da quello che ho imparato nel mio studio sulla medicina alternativa, un virus si autolimita. Ciò significa che muore naturalmente dopo un breve periodo di tempo. A differenza di questo nuovo coronavirus che è fatale e duraturo perché rimane in vita per più di un mese e mezzo. Sorprendentemente, prospera fino a quarantanove giorni, non all'interno di un ospite ma al di fuori di esso. Questo è probabilmente uno di quelli che chiamano organismi geneticamente modificati (OGM). Questo potrebbe essere il risultato di un processo in cui il materiale genetico degli organismi viventi — come piante, animali e microrganismi inclusi i virus — viene alterato o manomesso dall'uomo.

Oggi, gli OGM sono apparentemente promossi dai ricchi, in particolare dai magnati degli affari, che hanno interferito con la composizione naturale delle colture e persino degli animali. Lo fanno per accumulare più ricchezza e, alla fine, raggiungere la supremazia mondiale.

Queste persone ricche stanno giocando con l'idea di avere un proprio governo mondiale nelle loro menti, che guiderebbero e darebbero loro l'opportunità di monopolizzare l'economia del mondo e imporre a tutte le persone. L'idea di questo tipo di governo mondiale è in realtà un concetto dell'anti-Cristo.

APOCALISSE 13:16-17 (IRL)

16 E faceva sì che a tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e servi, fosse posto un marchio sulla mano destra o sulla fronte; 
17 e che nessuno potesse comprare o vendere se non chi avesse il marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome.

È inevitabile che ci saranno persone davvero ricche e potenti che aspireranno al dominio del mondo; senza dubbio, le persone che hanno questo desiderio sono servitori e coorti del diavolo; non sono di Dio. Questo è il motivo per cui non hanno paura di alterare la composizione genetica delle creazioni di Dio.

Quello che voglio sottolineare è che non è volontà assoluta di Dio che le persone muoiano; non tutte le morti sono volute direttamente da Dio. Quando parliamo della volontà di Dio, dobbiamo capire che ci sono cose come la volontà permissiva e la volontà direttiva di Dio. La volontà direttiva di Dio si verifica quando ciò che accade è ciò che Dio vuole veramente che accada. D'altra parte, la volontà permissiva si verifica quando Dio concede o permette che una certa cosa accada perché è ciò che l'uomo vuole che accada; accade perché l'uomo ha esercitato il suo libero arbitrio.

Ne consegue quindi che se la morte è avvenuta in modo naturale — diciamo che una persona è morta a causa di una malattia o a causa della vecchiaia ed è avvenuta in un momento in cui la persona stava adempiendo diligentemente e fedelmente gli insegnamenti di Dio e del Signore Gesù Cristo — possiamo dire che la sua morte è stata voluta da Dio. Ma se una persona è morta nella sua sconsiderata ricerca della gratificazione personale, e se ha deliberatamente scelto di dare per scontato i comandamenti di Dio nonostante li conoscesse bene, allora possiamo dire che la sua morte è stata solo permessa da Dio, e ciò è avvenuto di conseguenza dalla sua incapacità di fare scelte sagge nella sua vita.

Una delle cose che ricordo fino ad ora dalla mia insegnante di scuola elementare è stata la sua citazione dell'adagio: “Sei il padrone del tuo destino; sei il capitano della tua anima. Significa che abbiamo una parte nel plasmare la vita che vogliamo vivere poiché siamo noi a prendere le nostre scelte e decisioni. Ed è a causa delle scelte e delle decisioni che prendiamo che diventiamo responsabili per le cose che abbiamo fatto in modo sbagliato e per il nostro totale disprezzo delle ammonizioni di Dio.

DEUTERONOMIO 30:19 (IRL)

Io prendo oggi a testimoni contro a voi il cielo e la terra, che io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione; scegli dunque la vita, onde tu viva, tu e la tua progenie,

Nella vita, vengono date due scelte all'uomo: o sceglie ciò che è buono o ciò che è male. Il bene e il male sono realtà che esistono nel mondo e ciò che Dio vuole è che l'uomo scelga ciò che è buono.

Purtroppo però, sin dai primi tempi, Dio aveva visto la tendenza dell'uomo a scegliere ciò che è male nonostante gli fosse stato insegnato tutto ciò che è buono. È a causa dell'arcinemico di Dio, satana, che continua ad esortare l'uomo a fare cose che sono contro gli insegnamenti di Dio.

Ma a causa del grande amore del Creatore per l'uomo e della Sua profonda preoccupazione per la salvezza dell'uomo, sta dando all'uomo la Sua prescrizione di scegliere la vita in modo che l'uomo e i suoi semi possano vivere. Tuttavia, la decisione deve ancora essere presa dall'uomo poiché gli è stato dato il libero arbitrio. Possiamo solo sperare che l'uomo eserciti la prudenza nell'esercizio del suo libero arbitrio. E possiamo solo sperare che scelga la vita, non la morte!

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Dio Redime, Dio Ricompensa

11/01/2020 0 Commenti

Il vero Dio introdotto nella Bibbia è un Dio che vede anche le cose che devono ancora avvenire. Grazie a questa capacità, è in grado di preparare misure che possono porre rimedio o contrastare il male che avverrà all'uomo.

Lasciate che vi dia un'illustrazione per dimostrare il mio punto. Un ingegnere che ha inventato una macchina o un motore ha piena conoscenza del potenziale, delle capacità e dei limiti della sua invenzione poiché è stato lui a progettare e mettere insieme tutte le sue parti. In qualità di produttore, conosce anche il modo corretto di usarlo e prendersene cura, quindi prepara un manuale di istruzioni che mira ad educare i suoi potenziali utenti affinché ottengano il meglio che la macchina può offrire. Cioè, seguendo le cose enumerate da fare e da non fare.

È evidente che ancora prima che l'ingegnere inventasse il suo prodotto finito, essendo una persona lungimirante, ha capito i problemi che potrebbero sorgere con l'invecchiamento della macchina e se il suo utente diventa sconsiderato e disobbediente alle sue istruzioni fornite. E in caso di guasto o malfunzionamento del motore, il manuale di istruzioni fornisce anche semplici suggerimenti per la risoluzione dei problemi e un elenco di centri di assistenza attendibili e affidabili che potrebbero risolvere il problema.

Anche Dio è un ingegnere, ma non è un ingegnere ordinario perché Lui è Colui che crea gli ingegneri. Essendo il Creatore dell'uomo, la Sua sapienza, ingegnosità, maestria e lungimiranza sono senza paragoni: non hanno eguali. E il Suo amore per l'uomo, il Suo capolavoro, è fuori discussione. Un esempio è che prima che Dio creasse l'uomo, si assicurò che l'uomo avesse una dimora favorevole in cui tutte le sue necessità fossero già disponibili e accessibili. E questa è la terra.

Dio voleva che la terra fosse l'abitazione dell'uomo. Com’è scritto in ATTI 17:26, (IRL):

Egli ha tratto da un solo tutte le nazioni degli uomini perché abitino su tutta la faccia della terra, avendo determinato le epoche loro assegnate, e i confini della loro abitazione,

Dio conosce la Sua creazione dentro e fuori, dai dettagli più importanti a quelli microscopici. Conosce ogni aspetto dell'uomo: i suoi punti di forza e di debolezza, le sue tendenze e i suoi limiti e persino il possibile piano d’azione che potrebbe intraprendere in una determinata circostanza o situazione.

Ma a differenza di un motore artificiale la cui funzione dipende in gran parte dall'intervento umano, l'uomo che Dio ha creato gode di un certo grado di libertà. Può fare le cose di sua spontanea volontà perché oltre a dotarlo di facoltà, Dio gli ha anche dato il libero arbitrio.

Tuttavia, la sua libertà non è veramente assoluta perché ci sono anche alcune cose da fare e da non fare che Dio gli ha posto davanti; Dio gli ha anche dato una serie di leggi che deve seguire e un elenco di avvertimenti e precauzioni a cui deve prestare attenzione. E tutto questo è scritto nel Suo “manuale di istruzioni”: la Bibbia. Contemporanea alla sua libertà è la consapevolezza che se disobbedisce, ci sono conseguenze corrispondenti, allo stesso modo in cui ci sono ricompense se sceglie di obbedire. Ma allo stesso modo, la decisione di obbedire o disobbedire è una sua prerogativa perché ha il libero arbitrio.

Dio aveva previsto la possibilità che l'uomo potesse usare impropriamente e abusare del suo libero arbitrio. Dobbiamo ricordare che uno degli attributi di Dio è che ha il potere di vedere le cose prima che accadano. In realtà, per quanto riguarda la storia dell'umanità, la conosce dall'inizio alla fine, anche se la fine deve ancora avvenire.

Com’è scritto in ISAIA 46:9-10 (IRL):

9 Ricordate il passato, le cose antiche: perché io son Dio, e non ve n'è alcun altro; son Dio, e niuno è simile a me; 

10 che annunzio la fine sin dal principio, e molto tempo prima predìco le cose non ancora avvenute; che dico: 'Il mio piano sussisterà, e metterò ad effetto tutta la mia volontà';

In questi versetti, Dio ha presentato Se Stesso, la Sua potenza e la Sua capacità come incomparabili. Come disse, non c'è nessuno come Lui. Nessuno può essere uguale a Lui in potenza, nemmeno Suo Figlio. Per esempio, solo Dio può dichiarare la fine dall'inizio.

Dio sa cosa succederà in futuro. Dio aveva previsto la possibilità che l'uomo non avrebbe usato il proprio libero arbitrio con prudenza, che avrebbe ignorato le Sue precauzioni e avvertimenti, disobbedito alle sue azioni e cose da non fare e, di conseguenza, cadere nel peccato. Ma a differenza dell'ingegnere ordinario la cui cura e preoccupazione per la sua creazione è limitata solo alla preparazione di un manuale di istruzioni e alla raccomandazione di centri di servizio, l'amore e la compassione di Dio per l'uomo sono oltre misura. Infatti, anche prima che l'uomo fosse creato, Dio non aveva preparato solo il suo luogo di abitazione, ma anche il sacrificio che è più che sufficiente per redimerlo quando lui cade nel peccato. E questo non è altro che il Signore Gesù Cristo.

Questa verità biblica porta inevitabilmente a porre questa domanda: "Significa forse che il Signore Gesù Cristo era stato predestinato per manifestarsi in carne fin dal principio per redimere l'uomo dai peccati?"

La risposta a questa domanda è data in APOCALISSE 5:9 (IRL), che dice:

E cantavano un nuovo cantico, dicendo: Tu sei degno di prendere il libro e d'aprirne i suggelli, perché sei stato immolato e hai comprato a Dio, col tuo sangue, gente d'ogni tribù e lingua e popolo e nazione,

I pronomi "tu" e "tuo" nel versetto si riferiscono al Signore Gesù Cristo. Lui fu ucciso e con il Suo sangue riscattò ogni stirpe e lingua, ogni popolo e nazione.

Quand’era stato ucciso?

APOCALISSE 13:8 (IRL)

E tutti gli abitanti della terra i cui nomi non sono scritti fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell'Agnello che è stato immolato, l'adoreranno.

L'Agnello, che simboleggia il Signore Gesù Cristo, "fu immolato fin dalla fondazione del mondo". La dichiarazione "dalla fondazione del mondo" si riferisce al tempo in cui Dio stava ancora creando la terra, il che significa che l'uomo ancora non esisteva durante quel tempo. Ma già allora Dio aveva previsto la necessità di un Redentore perché aveva visto la possibilità della futura trasgressione dell’uomo. Quel Redentore è l'Agnello, che rappresenta il Signore Gesù Cristo, che era stato destinato ad essere ucciso fin dalla fondazione del mondo.

Oltre ad avere la capacità di dichiarare la fine dall'inizio, Dio disse anche in Isaia 46:10: "Il mio piano sussisterà, e metterò ad effetto tutta la mia volontà"( My counsel shall stand, and I will do all my pleasure). Questa è una dichiarazione di Dio molto significativa perché quella "volontà" è il tema della nostra esistenza. È il motivo per cui esistiamo: per dare piacere al nostro Creatore.

APOCALISSE 4:11 (IRL)

Degno sei, o Signore, e Iddio nostro, di ricever la gloria e l'onore e la potenza: poiché tu creasti tutte le cose, e per la tua volontà esistettero e furon create.

Tutte le cose che esistono sono state create per la volontà del nostro Creatore. E sappiamo che la Sua volontà non ha nulla di male.

Ogni volta che i segretari di gabinetto vengono sfidati a dimettersi dai loro incarichi da cittadini insoddisfatti per le loro prestazioni, ma non vogliono dimettersi, spesso li sentiamo dire che prestano servizio per la volontà del presidente. Significa che solo il Presidente potrà rimuoverli dall'incarico poiché è stato lui a metterli lì. Ma a differenza della volontà di un presidente che può essere sbagliato,la volontà dell'Onnipotente Dio non può mai essere sbagliato. Saremo sempre al sicuro se esistiamo per la volontà del nostro Creatore.

Come creazioni di Dio, il meglio che possiamo fare è mostrarGli la nostra gratitudine per la nostra esistenza e per l'Agnello che ebbe preparato, che fu ucciso dalle fondazioni del mondo. Perché attraverso il Suo sangue, siamo stati salvati dai peccati. Ancora una volta, l'Agnello simboleggia il Figlio di Dio, il Signore Gesù Cristo.

Ma la grazia di Dio non finisce qui. Ha anche preparato una ricompensa per coloro che continueranno a vivere la loro vita per la Sua volontà e per coloro che si atterranno fedelmente alle Sue cose da fare e da non fare scritte nel suo "manuale di istruzioni", la Bibbia. E anche la Sua ricompensa è senza misura: una vita eterna. Possano tutti essere trovati meritevoli della Sua promessa ricompensa. Amen.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Da Schernitore a Credente: L'Illuminazione del Ladro sulla Croce

11/01/2020 0 Commenti

Ogni volta che i lettori normali della Bibbia si imbattono in Matteo 27:44, Marco 15:32 e Luca 23:39-40, a volte si confondono sul modo in cui i ladri crocifissi insieme al Signore Gesù Cristo lo trattarono effettivamente mentre erano appesi sulla croce. La loro confusione deriva da quella che sembra essere una contraddizione tra i racconti di Matteo e Marco e il racconto di Luca.

MATTEO 27:44 (IRL)

E nello stesso modo lo vituperavano anche i ladroni crocifissi con lui.

MARCO 15:32 (IRL)

Il Cristo, il Re d'Israele, scenda ora giù di croce, affinché vediamo e crediamo! Anche quelli che erano stati crocifissi con lui, lo insultavano.

Nei versetti citati, Matteo e Marco hanno entrambi detto che i due ladri avevano entrambi deriso e insultato Cristo mentre erano sulla croce. D'altra parte, Luca ha menzionato che uno dei ladri aveva rimproverato il suo compagno ladro per aver deriso il Signore Gesù Cristo.

LUCA 23:39-40 (IRL) dice:

39 E uno de' malfattori appesi lo ingiuriava, dicendo: Non se' tu il Cristo? Salva te stesso e noi! 

40 Ma l'altro, rispondendo, lo sgridava e diceva: Non hai tu nemmeno timor di Dio, tu che ti trovi nel medesimo supplizio?

In realtà, non c'è nulla su cui essere confusi; inoltre, non vi è alcuna contraddizione nei loro rispettivi racconti. Tutti i loro resoconti sono corretti e veri.

Apparentemente, la confusione nasce perché alcuni lettori non riescono a considerare l'elemento temporale coinvolto nell'intero scenario. Hanno trascurato il fatto che i due ladri e il Signore Gesù Cristo erano appesi sulla croce, non solo per un paio di minuti, ma per circa sei-otto ore. E dato quel lasso di tempo, erano successe molte cose che hanno aperto il cuore di uno dei ladri, cosa che gli ha fatto cambiare atteggiamento verso il Signore Gesù Cristo.

È vero che entrambi avevano insultato il Signore Gesù Cristo e gli avevano lanciato parole offensive, ma ciò è accaduto durante le prime ore della loro crocifissione.

Con il passare delle ore, dopo aver assistito a una serie di cose che erano accadute, uno di loro aveva cambiato idea; divenne compassionevole verso Cristo e alla fine si rese conto che Cristo non meritava di trovarsi in quella situazione — a differenza di entrambi che meritavano giustamente una pena capitale per il loro crimine.

Uno dei casi che potè invertire l'impressione del ladro verso Signore Gesù Cristo, era stato quando vide quanto Cristo fosse premuroso e amorevole come figlio verso Maria. Il ladro aveva sentito come Cristo aveva affidato Sua madre, Maria, alle cure del Suo amato apostolo, Giovanni. Anche se Cristo si trovava in quella situazione molto difficile, stava ancora pensando al benessere di Sua madre e si assicurò che qualcuno si sarebbe preso cura di lei quando se ne sarebbe andato.

GIOVANNI 19:26-27 (IRL)

26 Gesù dunque, vedendo sua madre e presso a lei il discepolo ch'egli amava, disse a sua madre: Donna, ecco il tuo figlio! 

27 Poi disse al discepolo: Ecco tua madre! E da quel momento, il discepolo la prese in casa sua.

Il Signore Gesù Cristo poteva vedere il cuore degli uomini e aveva visto quanto era di buon cuore Giovanni. Ecco perché Cristo gli affidò Maria, Sua madre. Quello stesso giorno, Giovanni portò Maria a casa sua dove fu trattata come un membro della sua famiglia.

Il ladro aveva anche visto come Cristo sopportò tutti gli insulti e gli scherni delle persone intorno a loro. A parte questo, aveva anche assistito a come il Signore Gesù Cristo rimase rimasto mite nonostante il trattamento scortese che i soldati gli riservarono quando ebbe sete — invece dell'acqua, gli diedero l'aceto.

GIOVANNI 19:28-30 (IRL)

28 Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni cosa era già compiuta, affinché la Scrittura fosse adempiuta, disse: Ho sete. 

29 V'era quivi un vaso pieno d'aceto; i soldati dunque, posta in cima a un ramo d'issopo una spugna piena d'aceto, gliel'accostarono alla bocca. 

30 E quando Gesù ebbe preso l'aceto, disse: È compiuto! E chinato il capo, rese lo spirito.

Il ladro aveva anche ascoltato Cristo pregare il Padre di perdonare coloro che Lo avevano trattato malamente, perché non sapevano quello che stavano facevano (Luca 23:34) — una preghiera che può essere pronunciata solo da qualcuno cui cuore trabocca di amore, misericordia e magnanimità.

L'altro incidente accaduto che aveva colpito l'attenzione del ladro era stato quando il sole si oscurò durante le loro ultime ore.

MARCO 15:33 (IRL)

E venuta l'ora sesta, si fecero tenebre per tutto il paese, fino all'ora nona.

L'oscurità avvolse l'intera terra dalla sesta ora, o mezzogiorno alle dodici, fino alla nona ora, o alle tre del pomeriggio.

Tenete presente che queste cose non erano accadute in pochi minuti. Erano accaduti a intervalli, nell'arco di sei-otto ore. Ciò implica che il cambiamento nell'atteggiamento di uno dei ladri verso il Signore Gesù Cristo non avvenne con uno schiocco di dita; il cambiamento è stato mosso dalle cose che aveva visto e sentito. Dopo aver assistito a queste cose, il ladro che in precedenza aveva insultato e aveva schernito il Signore Gesù Cristo sperimentò una conversione: da oltraggiatore, divenne un credente, che Cristo è veramente il Figlio di Dio.

LUCA 23:34-43 (IRL) dice:

34 E Gesù diceva: Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno. Poi, fatte delle parti delle sue vesti, trassero a sorte. 

35 E il popolo stava a guardare. E anche i magistrati si facean beffe di lui, dicendo: Ha salvato altri, salvi se stesso, se è il Cristo, l'Eletto di Dio! 

36 E i soldati pure lo schernivano, accostandosi, presentandogli dell'aceto e dicendo: 

37 Se tu sei il re de' Giudei, salva te stesso! 

38 E v'era anche questa iscrizione sopra il suo capo: QUESTO È IL RE DEI GIUDEI. 

39 E uno de' malfattori appesi lo ingiuriava, dicendo: Non se' tu il Cristo? Salva te stesso e noi! 

40 Ma l'altro, rispondendo, lo sgridava e diceva: Non hai tu nemmeno timor di Dio, tu che ti trovi nel medesimo supplizio? 

41 E per noi è cosa giusta, perché riceviamo la condegna pena de' nostri fatti, ma questi non ha fatto nulla di male. 

42 E diceva: Gesù, ricordati di me quando sarai venuto nel tuo regno!

43 E Gesù gli disse: Io ti dico in verità che oggi tu sarai meco in paradiso.

Inevitabilmente, il ladro sviluppò un sentimento di rimorso e pentimento per ciò che disse e fece poc’anzi quel giorno, poiché la fede gli stava sorgendo nel cuore. Ecco perché quando il suo compagno ladro parlò ancora a Cristo con sarcasmo e mancanza di rispetto, lo rimproverò. Fino al punto in cui implorò il Signore Gesù Cristo: "Gesù, ricordati di me quando sarai venuto nel tuo regno!".

Possiamo dire che quel ladro fu molto fortunato perché prima di morire, aveva potuto riconoscere Cristo. E soprattutto, gli venne assicurato di meritare la beatitudine del paradiso quando il Signore Gesù Cristo gli rispose: "sarai con me in paradiso".

Quindi, molto chiaramente, non ci sono idee contraddittorie nei racconti forniti dagli scrittori del Vangelo. I lettori devono solo rendersi conto che ci sono sei o otto ore nella serie di eventi che erano accaduti. E date quelle sei o otto ore, sarebbero potute accadere molte cose meravigliose. Non si può negare che all'inizio entrambi inveirono contro il Signore Gesù Cristo ma, in seguito, uno di loro fu commosso dalle cose a cui aveva assistito. Fu illuminato. E questa illuminazione lo portò a credere in Dio e nel Signore Gesù Cristo.

Sviluppare la fede in Dio e in Cristo e supplicare il Signore Gesù Cristo di ricordarsi di lui quando Cristo andrà nel Suo regno erano sicuramente le cose migliori che questo ladro avesse fatto nella sua vita. A causa di questi, lui è diventato un erede del cielo. È solo un peccato che l'altro ladro non abbia sperimentato l'illuminazione e la realizzazione che lui aveva provato.

Per concludere, lasciatemi solo sottolineare che non ci sono contraddizioni nelle Scritture ispirate. Se ci sono versetti che sembrano contraddirsi a vicenda, il lettore deve solo considerare la storia di fondo e le circostanze contingenti della situazione data. E per evitare confusione e interpretazioni errate, è meglio invocare prima la guida dello Spirito Santo quando si legge la Bibbia.

Che Dio ci benedica tutti!

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Lo Scopo e il Significato della Vita

11/01/2020 0 Commenti

Tutte le creature esistono per uno scopo definito, ed è nell'adempimento di tale scopo che le loro vite diventano significative. Se sei un acuto osservatore delle diverse creature intorno a te, arriverai a capire che ognuna di loro è consapevole dello scopo stesso della loro esistenza e che sono pronte a realizzare il loro scopo, non importa quanto ci voglia.

Prendiamo il caso delle api domestiche. Un'ape maschio, o un fuco, sa che il suo scopo o dovere è quello di accoppiarsi e impregnare l'ape regina. E poiché sa qual è il suo dovere, lo compie nonostante sia a conoscenza che, così facendo, perderebbe la vita perché dopo l'accoppiamento con la regina è destinato a morire. Quindi, lo chiamano suicidio sessuale.

Di seguito è riportato un estratto di un articolo intitolato "Sexual Suicide by Honey Bees: The tragic Plight of the Male Honey Bee".

Suicidio Sessuale dalle Api Domestiche: Il Destino Tragico del Maschio Ape Domestiche:

“L'ape maschio, chiamato fuco o pecchione, esiste solo per una ragione: accoppiarsi con la regina. È completamente sacrificabile una volta fornito questo servizio alla colonia ..."

Il fuco, tuttavia, prende sul serio la sua missione e cede la propria vita per la causa. L'accoppiamento delle api domestiche è uno degli esempi più drammatici di suicidio sessuale nel mondo degli insetti. Il sesso delle api domestiche avviene a mezz'aria quando la regina vola fuori in cerca di compagni. I fuchi competono per la possibilità di accoppiarsi con la loro regina, sciamando intorno a lei mentre vola.

Alla fine, un fuco coraggioso farà la sua mossa. Mentre afferra la regina, il fuco espelle il suo pene usando una contrazione dei suoi muscoli addominali e la pressione emostatica e lo inserisce saldamente nel tratto riproduttivo della regina. Immediatamente eiacula con una forza così esplosiva che la punta del suo pene si rompe e viene lasciato all'interno della regina. Il fuco cade a terra, dove muore poco dopo ... "

Da questo, vediamo come l'ape maschio stia prendendo molto sul serio la sua missione, anche se gli costa la vita.

Si può dire che la vita del fuco diventa significativa perché è in grado di realizzare lo scopo della sua esistenza e diventa uno strumento nella proliferazione, o nascita, di più api domestiche. Se l'ape maschio, o il fuco, desse per scontato il suo dovere, le api della loro specie sarebbero probabilmente già in pericolo o potrebbero essere estinte. Ma a motivo dei loro incontri sessuali, la regina depone molte uova di api, che in seguito si schiuderanno e diventeranno giovani api.

Non è solo l'ape maschio, o il fuco, che ha un compito specifico da eseguire. In realtà, ogni membro della colonia delle api ha il dovere di adempiere. La regina, ad esempio, ha il compito di proteggere l'intera colonia di api; è sua responsabilità difendere la loro colonia dagli intrusi. E poiché si assume una responsabilità enorme, non è obbligata a uscire per cercare il proprio cibo. Quel dovere appartiene alle api operaie.

Le api operaie sono quelle che escono, librandosi da un fiore all'altro per raccogliere il nettare per la regina. Le api operaie raccolgono il nettare dai fiori succhiandolo e quindi portandolo all'alveare in modo che la regina abbia la certezza di un rifornimento costante di cibo. Man mano che il nettare passa attraverso la loro bocca, si trasforma gradualmente in miele, che le api operaie immagazzinano in celle a nido d'ape. Poiché l'ape regina non può consumare tutto il miele che è stato immagazzinato per lei, l'eccesso viene consumato dagli umani.

Il miele, in particolare il favo, non solo ha un sapore dolce, ma è anche molto benefico per la salute dell'uomo. In effetti, mangiare il miele viene raccomandato dalla Bibbia.

PROVERBI 24:13 (IRL) dice:

Figliuol mio, mangia del miele perché è buono; un favo di miele sarà dolce al tuo palato.

Possiamo sempre contare su ogni dichiarazione di Dio scritta nella Bibbia. Il miele, infatti, è buono; in realtà, è considerato un alimento completo poiché contiene tutti i minerali e le vitamine essenziali di cui il corpo umano ha bisogno. La sua completezza può essere paragonata al latte, considerato anche l’alimento completo per i neonati.

Va ricordato che quando Dio liberò gli israeliti dal paese d'Egitto, promise di portarli in un paese dove scorre latte e miele.

ESODO 3:8 (IRL)

e sono sceso per liberarlo dalla mano degli Egiziani, e per farlo salire da quel paese in un paese buono e spazioso, in un paese ove scorre il latte e il miele....

Ciò significa che al popolo di Dio non sarebbe mancato il nutrimento in quella terra; sia i giovani che gli anziani avrebbero avuto una scorta di cibo completo: latte per bambini e miele per adulti. Tuttavia, il miele non dovrebbe essere somministrato ai neonati o ai bambini di età inferiore a un anno, poiché potrebbe essere dannoso per la loro vita. Quindi, invece del miele, dovrebbe essere dato loro del latte. Anzi, si consiglia anche agli adulti di assumere la giusta quantità di miele.

Secondo la Bibbia, l'uomo dovrebbe mangiare solo una quantità sufficiente di miele, non eccessivamente.

PROVERBI 25:16 (IRL)

Se trovi del miele, mangiane quanto ti basta; che, satollandotene, tu non abbia poi a vomitarlo.

Se ingerisci miele più della quantità adeguata, il tuo livello di glicemia aumenta e potrebbe indurti a vomitare.

Il punto che voglio sottolineare è questo. Se le api domestiche non fossero state fedeli nel realizzare lo scopo della loro esistenza, cioè se l'ape maschio rifiutasse di rischiare la vita nell'accoppiamento con l'ape regina, se le api operaie, allo stesso modo, non raccogliessero e conservassero il nettare per la regina, e se la regina non riuscisse a deporre e covare uova che diventano giovani api, sicuramente, non solo la loro colonia sarebbe perita ma, soprattutto, gli esseri umani non avrebbero la possibilità di beneficiare delle proprietà salutari e curative del miele. Apparentemente, sebbene il miele sia originariamente destinato al consumo della loro regina, anche gli umani ne traggono beneficio. In altre parole, gli uomini sono diventati i beneficiari finali dello svolgimento diligente delle api verso i loro rispettivi doveri.

In realtà, anche se parliamo di altre creazioni come alberi, bovini, pesci, maiali e galline, vi renderete conto che i beneficiari finali della loro esistenza sono anche gli uomini. Esistono allo scopo di sostenere gli uomini del loro bisogno di nutrimento; e la loro esistenza diventa significativa perché sono in grado di realizzare quello scopo.

Ora, se le creature non umane esistono per uno scopo preciso e nobile, la stessa cosa deve essere vera con gli umani. Anche l'uomo esiste per uno scopo o dovere specifico, che anche lui dovrebbe eseguire. E quel dovere è servire Dio. L'uomo non deve trascorrere la sua vita senza scopo e inutilmente; invece, deve spenderlo per onorare Dio e osservare i Suoi comandamenti perché questo è tutto il suo dovere.

Come è scritto in ECCLESIASTES 12:13 (ND):

Ascoltiamo dunque la conclusione di tutto il discorso: «Temi DIO e osserva i suoi comandamenti, perché questo è il tutto dell'uomo».

L'intero dovere dell'uomo è servire Dio, il Creatore della vita. Gli dobbiamo la nostra vita e il nostro essere.

ATTI 17:28 (IRL) dice:

Difatti, in lui viviamo, ci moviamo, e siamo ...

Quindi, è giusto che le nostre vite siano spese per servire il nostro Creatore, perché senza di Lui non avremmo potuto esistere qui sulla terra.

Purtroppo, le persone in passato non se ne rendevano conto, così Lo uccisero — il Figlio di Dio e l'Autore della vita.

ATTI 3:15 (IRL)

e uccideste il Principe della vita, che Dio ha risuscitato dai morti; del che noi siamo testimoni.

Invece di mostrare amore e gratitudine al Signore Gesù Cristo e invece di servirLo, anzi Lo uccisero.

In effetti, sarebbe una disgrazia se non riuscissimo a capire lo scopo della nostra esistenza e se non fossimo in grado di scoprire il significato delle nostre vite, per timore di finire come fannulloni e oziosi, o forse edonisti.

Comprendere il significato della vita significa, conoscere prima lo scopo della nostra esistenza e i doveri che dobbiamo adempiere. Ed è nell'adempimento dei nostri doveri e nel servire il nostro scopo che le nostre vite diventano significative.

In quanto esseri umani, il nostro scopo e tutto il nostro dovere è servire Dio. Quel dovere è ciò che dà significato alle nostre vite — senza di esso, le nostre vite diventano senza scopo e senza significato. Quindi, se vogliamo che le nostre vite siano intenzionali e significative, dobbiamo spenderle per servire Dio. E servire Dio significa onorarLo e osservare i Suoi comandamenti.

Che Dio vi benedica!

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Le Voci Più Dolci di Sempre

10/26/2020 0 Commenti

Una delle dottrine fondamentali che la Bibbia insegna ai servitori di Dio è di cantare inni di lode a Lui. La pratica di cantare inni a Dio risale dal tempo degli israeliti, i primi servitori di Dio. E secondo i racconti biblici, usavano persino alcuni strumenti musicali, come la cetra, l'arpa e gli strumenti a dieci corde per accompagnarli nel canto.

SALMI 92:1,3 (IRL)

1 Buona cosa è celebrare l'Eterno, e salmeggiare al tuo nome, o Altissimo;

3 sul decacordo e sul saltèro, con l'accordo solenne dell'arpa!

Allo stesso modo i cristiani sono esortati a cantare salmi, inni e canti spirituali a Dio. Questi canti sono anche un mezzo per edificare, incoraggiare ed ispirare i fratelli.

COLOSSESI 3:16 (IRL)

La parola di Cristo abiti in voi doviziosamente; ammaestrandovi ed ammonendovi gli uni gli altri con ogni sapienza, cantando di cuore a Dio, sotto l'impulso della grazia, salmi, inni, e cantici spirituali.

E ogni volta che cantiamo a Dio, dobbiamo farlo con grazia nei nostri cuori. Gli uomini, in generale, sono amanti intrinseci della musica. La prova di ciò è l'enorme numero di canzoni che vengono scritte e cantate praticamente per tutti e per tutto il resto.

Ad esempio, ci sono canzoni pensate per il proprio paese in cui si esprimono patriottismo, amore e lealtà alla propria patria. In effetti, ogni nazione ha il proprio inno nazionale che i suoi cittadini, giovani e meno giovani, cantano prima dell'inizio di cerimonie o programmi importanti. Ci sono anche canzoni dedicate ai nostri amati genitori per il loro amore incondizionato e per i loro sacrifici. I cattolici, d'altra parte, hanno molti canti intesi ad esaltare Maria. Ci sono canzoni che esprimono stupore e meraviglia per la bellezza della natura e dell'universo. E ci sono anche milioni di canzoni che le persone cantano per i loro amici e per i loro cari.

Se cantiamo canzoni per tutti loro, con sentimenti ed entusiasmo, non è tanto più appropriato cantare inni al nostro Creatore per esprimere la nostra fede, gratitudine, lodi e apprezzamento per la Sua benignità? Non importa se non abbiamo voci di canto molto piacevoli, o se cantiamo stonati; ciò che conta è che cantiamo a Dio con sincerità e grazia nei nostri cuori.

Possiamo essere sicuri che anche Cristo e gli apostoli cantarono inni a Dio. La Bibbia non ci dà alcuna conferma che gli apostoli avessero delle belle voci cantanti, ma credo veramente che il Signore Gesù Cristo abbia avuto una voce dolce e affascinante, più dolce e affascinante di qualsiasi altra voce che l'uomo abbia mai sentito.

Oltre ad essere dolce, la voce del Signore Gesù Cristo porta con sé un certo fascino irresistibile e un'autorità che viene riconosciuta e obbedita dal Suo gregge di pecore.

GIOVANNI 10:3-5 (IRL)

3 A lui apre il portinaio, e le pecore ascoltano la sua voce, ed egli chiama le proprie pecore per nome e le mena fuori. 

4 Quando ha messo fuori tutte le sue pecore, va innanzi a loro, e le pecore lo seguono, perché conoscono la sua voce. 

5 Ma un estraneo non lo seguiranno; anzi, fuggiranno via da lui perché non conoscono la voce degli estranei.

Le pecore riconoscono, ascoltano e prestano attenzione alla voce del Signore Gesù Cristo, una manifestazione che Lo riconoscono come il loro Pastore.

C'è un video di un test scientifico che dimostra la familiarità e l'obbedienza delle pecore fisiche alla voce del loro pastore, e che non obbedirebbero alla voce di uno sconosciuto ma solo alla voce del loro vero pastore.

 Tre persone hanno tentato di chiamare le pecore al pascolo nel prato. Sebbene le persone fossero a distanza di ascolto, nessuna pecora fu allarmata dal richiamo; nessuna di loro ha manifestato alcun segno di riconoscere le voci di tali persone e nemmeno la minima risposta corporea da nessuna di loro. Ma quando il loro vero pastore le ha chiamate, hanno immediatamente risposto alla sua chiamata; gli hanno obbedito perché conoscevano la sua voce.

La "voce" di Cristo menzionata in GIOVANNI 10:3-5 non si riferisce effettivamente alla voce udibile effettiva; la voce simboleggia i Suoi insegnamenti e comandamenti.

L'obbedienza delle pecore letterali alla voce del loro pastore letterale può essere paragonata all'obbedienza dei seguaci del Signore Gesù Cristo alla Sua voce o ai Suoi insegnamenti. In altre parole, i veri seguaci di Cristo o i veri cristiani, non ascoltano solo la Sua voce o i Suoi insegnamenti e comandamenti, ma li seguono anche. E non avrebbero seguito nessun altro insegnamento tranne quello di Cristo.

Vengo da una famiglia di devoti cattolici. Mia madre usava camminare in ginocchio dall'ingresso della chiesa di Baclaran fino all'altare. Anche mio padre e i miei nonni, che provenivano da Naguilian, La Union, erano devoti cattolici.

Per tutta la sua vita da cattolica, mia madre era stata abituata a preti che leggevano un paio di versetti durante le messe senza dare alcuna spiegazione ai versetti letti, e poi procedevano con la loro narrazione. Ma quando mia madre aveva sentito la voce di Cristo, cioè quando aveva ascoltato i Suoi insegnamenti che non aveva mai sentito dai sacerdoti della Chiesa cattolica, aveva risposto immediatamente alla voce di Cristo. Si è separata dalla Chiesa cattolica e si è battezzata nella Chiesa di Dio, dove ha continuato ad adempiere ciò che dice la voce di Cristo. Dimostrando solo che se una persona è tra il gregge di pecore di Cristo, lui o lei riconoscerà sicuramente la Sua voce e, senza esitazione, quella persona Lo seguirà.

Sono certo che la voce di Cristo è sia dolce che accattivante — ecco perché l'interesse di mia madre è stato prontamente catturato; non ha saputo resistere.

D'altra parte, non ho idea se anche gli apostoli possedessero voci dolci. Ma quello di cui sono sicuro è che cantarono anche inni e canti di lode a Dio.

MATTEO 26:29-30 (IRL) dice:

29 Io vi dico che d'ora in poi non berrò più di questo frutto della vigna, fino al giorno che lo berrò nuovo con voi nel regno del Padre mio. 

30 E dopo ch'ebbero cantato l'inno, uscirono per andare al monte degli Ulivi.


Questo è un esempio in cui Cristo e gli apostoli cantarono un inno, dopo di che andarono al Monte degli Ulivi. Questa fu la notte in cui il Signore Gesù Cristo fu tradito da Giuda Iscariota.

Nonostante non abbiamo sentito personalmente la voce udibile di Cristo, credo fermamente che la voce del Signore Gesù Cristo sia la voce più bella che il mondo possa mai sentire. E la bellezza della voce di Cristo può essere superata solo dalla grandezza e dalla magnificenza della voce del Padre. Pietro, Giacomo e Giovanni furono in grado di sentire la voce del Padre; e fu anche sentito da Giovanni Battista quando battezzò il Signore Gesù Cristo al fiume Giordano, dove disse: "... Questo è il mio diletto Figliuolo, nel quale mi sono compiaciuto." (Matteo 3:17, IRL)

Una verità che nessuno può contestare è che le voci del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo sono le voci più dolci, più sublimi, più affettuosi e più accattivanti che si possano mai sentire. E tali qualità si riflettono chiaramente nei Loro insegnamenti. Amen.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Lo Spirito Santo è Semplicemente una Forza Attiva? La Bibbia dice il Contrario

10/26/2020 0 Commenti

Sebbene la maggior parte delle persone abbia una chiara comprensione della divinità del Padre e del Signore Gesù Cristo, molti sono ancora incerti se lo Spirito Santo possieda lo stesso attributo e se anche lo Spirito Santo debba essere adorato e riverito nel modo in cui adoriamo e veneriamo il Padre e il Signore Gesù Cristo.

In realtà, anche i leader religiosi si differiscono a riguardo dello Spirito Santo. Ci sono gruppi che dicono che lo Spirito Santo è il Consolatore, mentre ci sono anche quelli che credono che sia solo una forza attiva.

Ma prima di trarre conclusioni sul fatto che lo Spirito Santo sia o meno un dio, vi invito prima a guardare la questione da una prospettiva più ampia.

Cominciamo con le dichiarazioni profetiche del profeta Isaia.

ISAIA 53:1-5 (IRL) dice:

1 Chi ha creduto a quel che noi abbiamo annunziato? e a chi è stato rivelato il braccio dell'Eterno? 

2 Egli è venuto su dinanzi a lui come un rampollo, come una radice ch'esce da un arido suolo; non avea forma né bellezza da attirare i nostri sguardi, né apparenza, da farcelo desiderare. 

3 Disprezzato e abbandonato dagli uomini, uomo di dolore, familiare col patire, pari a colui dinanzi al quale ciascuno si nasconde la faccia, era spregiato, e noi non ne facemmo stima alcuna. 

4 E, nondimeno, eran le nostre malattie ch'egli portava, erano i nostri dolori quelli di cui s'era caricato; e noi lo reputavamo colpito, battuto da Dio, ed umiliato! 

5 Ma egli è stato trafitto a motivo delle nostre trasgressioni, fiaccato a motivo delle nostre iniquità; il castigo, per cui abbiam pace, è stato su lui, e per le sue lividure noi abbiamo avuto guarigione.

Nei versetti forniti, il Signore Gesù Cristo era stato indicato come "il braccio del Signore". In particolare, Lui fu il braccio che liberò gli israeliti dalla terra d'Egitto.

Com’è scritto in DEUTERONOMIO 5:15 (IRL):

E ricordati che sei stato schiavo nel paese d'Egitto, e che l'Eterno, l'Iddio tuo, ti ha tratto di là con mano potente e con braccio steso...

Gli israeliti furono fatti uscire dal paese d'Egitto con mano potente e braccio teso. Tutti noi sappiamo cos'è un braccio e cos'è una mano; sono parti del corpo umano. Il braccio e la mano sono collegati tra loro in modo che la mano non possa funzionare senza il braccio.

In un altro versetto, questo è ciò che si dice:

LUCA 11:20 (IRL)

Ma se è per il dito di Dio che io caccio i demonî, è dunque pervenuto fino a voi il regno di Dio.

Secondo il Signore Gesù Cristo, Lui stava scacciando i demoni usando il dito di Dio. Il “dito di Dio”, che Cristo usò per scacciare i demoni, non dovrebbe essere preso alla lettera perché era stato usato per rappresentare qualcos'altro.

In MATTEO 12:28 (IRL) si dice:

Ma se è per l'aiuto dello Spirito di Dio che io caccio i demonî, è dunque pervenuto fino a voi il regno di Dio.

Il dito di Dio simboleggia lo Spirito di Dio o lo Spirito Santo. In altre parole, è lo Spirito Santo che il Signore Gesù Cristo aveva usato per scacciare i demoni o diavoli.

Ciò che intendo dire è questo: il Signore Gesù Cristo è la Parola, che all'inizio era con Dio, e secondo la Bibbia, la Parola era Dio.

APOCALISSE 19:13 (IRL)

Era vestito d'una veste tinta di sangue, e il suo nome è: la Parola di Dio.

GIOVANNI 1:1 (IRL)

Nel principio era la Parola, e la Parola era con Dio, e la Parola era Dio.

Ora, se il Signore Gesù Cristo, che è stato chiamato o il cui nome è la Parola e il braccio di Dio, è Dio, non ci sbaglieremmo se credessimo e considerassimo anche lo Spirito Santo come Dio, poiché Esso è il dito di Dio, anche una parte di Dio. Se il "braccio" di Dio è Dio, allora anche il "dito" di Dio deve essere Dio. (Spero che riusciate a seguire l'equazione.) In primo luogo, non potrebbe mai esserci una parte di Dio che non sia Dio.

Proprio come un albero di guava, non c'è parte di un albero di guava che non sia guava. Dalle sue radici, ai suoi rami e foglie, fino ai suoi frutti, sono tutti guava. Quello che dico non è semplicemente il punto di vista di un sofista perché c'è saggezza biblica nella mia argomentazione.

ROMANI 11:16 (IRL)

E se la primizia è santa, anche la massa è santa; e se la radice è santa, anche i rami son santi.

Qui, l'apostolo Paolo aveva usato l'olivo in senso figurato; e aveva anche fatto riferimento alle parti di un olivo. Le sue radici, rami, foglie e frutti condividono un attributo comune perché sono tutti componenti di un albero particolare.

Dio è un potere vasto, enorme, incommensurabile e insondabile di cui lo Spirito Santo fa parte, essendo il dito di Dio; anche Cristo è una parte di Dio perché Lui è il braccio di Dio ed è anche la Parola. Ancora una volta, lasciatemi ribadire, se il Signore Gesù Cristo, che è la Parola e il braccio di Dio, è Dio, ne consegue che lo Spirito Santo, che è il dito di Dio, è allo stesso modo Dio. Tutte le parti dell'unica persona che la Bibbia chiama Dio, è Dio; nessuna parte di Lui non è Dio.

Non credo che sia difficile da capire. Solo pastori deboli direbbero che lo Spirito Santo è semplicemente una forza attiva, e non Dio, proprio come i pastori dei Testimoni di Geova. Non solo stanno sminuendo lo Spirito Santo, ma lo stanno anche insultando.

Lo Spirito Santo fa parte della divinità di Dio e ha una persona separata, motivo per cui preghiamo anche ad Esso.

GIUDA 1:20 (IRL)

Ma voi, diletti, edificando voi stessi sulla vostra santissima fede, pregando mediante lo Spirito Santo,

Sicuramente, Giuda non ammonirebbe i cristiani a pregare lo Spirito Santo se non avesse una persona e se non esistesse. Non preghiamo a qualcosa che non esiste e non ha essere. Preghiamo il Padre e il Signore Gesù Cristo perché hanno i loro rispettivi esseri; preghiamo anche lo Spirito Santo perché anch'Esso ha un essere distinto da quello del Padre e di Cristo.

Questo è il motivo per cui lo Spirito Santo fu mandato agli apostoli: perché avessero un altro Consolatore. Quando il Signore Gesù Cristo era ancora con gli apostoli e i primi cristiani, era Lui il Consolatore. Poiché Cristo non poteva stare con loro per molto più tempo, prima di ascendere al cielo disse agli apostoli che avrebbe pregato il Padre di inviare loro un altro Consolatore.

GIOVANNI 14:16 (IRL)

E io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro Consolatore, perché stia con voi in perpetuo, In verità, il Consolatore ora è lo Spirito Santo, chiamato anche Spirito Santo.

GIOVANNI 14:26 (IRL) 

ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, egli v'insegnerà ogni cosa e vi rammenterà tutto quello che v'ho detto. 

In qualità di Consolatore, lo Spirito Santo insegnerà agli apostoli e ricorderà loro tutte le cose che il Signore Gesù Cristo aveva detto loro.

In pratica, non c'è davvero motivo per noi di dubitare della divinità dello Spirito Santo. Ricordate, sia lo Spirito Santo che il Signore Gesù Cristo fanno parte degli Elohim (in ebraico) o Theotes (in greco), che significa dei o divinità. Quindi, se il Signore Gesù Cristo è Dio, lo è anche lo Spirito Santo.

Che Dio ci benedica tutti!

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti: