Metterci un Anello o No: Le Coppie Cristiane Dovrebbero Indossare le Fedi Nuziali?

7/02/2019 0 Commenti


Diverse religioni osservano diverse tradizioni e cerimonie nuziali. Molti di loro usano oggetti diversi per simbolizzare certe cose che mirano tutte a dare ad entrambi marito e moglie una relazione forte, duratura e piena d'amore. E uno di questi oggetti è l'anello nuziale.

Credendo di simboleggiare un amore sconfinato e infinito, un anello viene dato dagli sposi l'uno all'altro dopo aver recitato i loro voti che, indipendentemente da ciò che accadrà, staranno insieme e che solo la morte potrebbe separarli.

Ma la domanda è: quanto è importante una fede nuziale nell'unione di un uomo e una donna sposati? Noi, nella Chiesa di Dio, aderiamo alla convinzione delle altre religioni che una fede nuziale è un elemento importante del matrimonio, perché rappresenta l'impegno per tutta la vita e l'amore delle parti contraenti l'una per l'altra?

Prima di tutto, vorrei sottolineare che nella Chiesa di Dio mettiamo la spiritualità molto al di sopra di tutto ciò che è naturale e materiale. Ciò significa che valutiamo di più le cose che non si vedono piuttosto che le cose che si vedono.

Come tutti sappiamo, gli apostoli, come Paolo, furono diretti destinatari dello spirito, degli insegnamenti e dei principi che venivano dal Padre celeste attraverso il nostro Signore Gesù Cristo. E questo è quanto disse l'apostolo Paolo in 2 CORINZI 4:18:

mentre abbiamo lo sguardo intento non alle cose che si vedono, ma a quelle che non si vedono; poiché le cose che si vedono son solo per un tempo, ma quelle che non si vedono sono eterne.

Sicuramente, per quanto riguarda gli umani comuni, questo sembrerebbe sciocco. Probabilmente risponderebbero, "Come puoi guardare le cose che non si vedono?"

Dobbiamo capire che in quel versetto particolare, l'apostolo Paolo stava cercando di sottolineare la maggiore importanza dell'invisibile, o delle cose che non si vedono, in confronto alle cose che si vedono. Perché, secondo lui, le cose che non si vedono sono eterne, mentre le cose che si vedono sono solo temporali.

Dire che "le cose che si vedono son solo per un tempo" è sia biblico che scientifico. Sappiamo che le cose che si vedono sono materiali o materia. La materia o tutto ciò che è materiale subisce il processo di ossidazione. A causa dell'ossidazione, dopo un certo periodo di tempo, una cosa può apparire diversa dall'aspetto precedente. Per esempio, l'oro, per quanto resistente, si arrugginirà nel tempo. La sua consistenza e il colore cambieranno a causa dell'ossidazione.

E poiché le cose materiali sono solo temporanee, i cristiani del primo secolo sono stati ammoniti a dare maggiore importanza alle cose che non si vedono, invece delle cose che si vedono, come una fede nuziale.

In molti paesi del mondo, la presenza di un anello nuziale sul dito di un uomo o di una donna è un'ammissione pubblica che lui o lei è già sposata. A quanto pare, le fedi nuziali servono come prova tangibile che un uomo è già il marito di una donna in particolare, e una donna è già la moglie di un uomo in particolare. Non solo, ma molti lo considerano anche qualcosa di sacro.

D'altra parte, se vogliamo esaminare i resoconti biblici, scopriremo che Sarah e Abramo non avevano anelli di nozze; non indossavano fedi nuziali. Ma nonostante ciò, Sarah divenne una moglie leale e servile ad Abramo per tutti gli anni della sua vita.

La stessa cosa è vera con Maria e Giuseppe. Allo stesso modo, non indossarono fedi nuziali perché sapevano che non avrebbero dovuto mettere il cuore sulle cose che si vedono; e non avrebbero dovuto fare affidamento su di essi.

COLOSSESI 3:1-2 dice:

1 Se dunque voi siete stati risuscitati con Cristo, cercate le cose di sopra dove Cristo è seduto alla destra di Dio.
2 Abbiate l'animo alle cose di sopra, non a quelle che son sulla terra;

1 PIETRO 3:3-6 dice:

3 Il vostro ornamento non sia l'esteriore che consiste nell'intrecciatura dei capelli, nel mettersi attorno dei gioielli d'oro, nell'indossar vesti sontuose
4 ma l'essere occulto del cuore fregiato dell'ornamento incorruttibile dello spirito benigno e pacifico, che agli occhi di Dio è di gran prezzo.
5 E così infatti si adornavano una volta le sante donne speranti in Dio, stando soggette ai loro mariti,
6 come Sara che ubbidiva ad Abramo, chiamandolo signore; della quale voi siete ora figliuole, se fate il bene e non vi lasciate turbare da spavento alcuno.

Sarah non indossò l'oro!

Questo è il pensiero dei veri cristiani. Non considerano le cose terrene più alte di quelle spirituali perché sono consapevoli che la vera intenzione del Signore Gesù Cristo è di distaccarci dal mondo e dalle cose del mondo. E non vuole che pensiamo allo stesso modo in cui pensa il mondo.

ROMANI 12:2 dice:

E non vi conformate a questo secolo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza qual sia la volontà di Dio, la buona, accettevole e perfetta volontà.

Non mi aspetto che tutti capiscano subito cosa sto cercando di dire. È Dio che apre il cuore e la comprensione di una persona. Non è in mio potere far comprendere a una persona l'importanza spirituale della fede in cose che non si vedono.

EBREI 11:1 ci dà la definizione di fede. Dice:

Or la fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di cose che non si vedono.

Nel firmare documenti, contratti e accordi, ci si aspetta che qualsiasi clausola, disposizione o condizione concordata, che è riportata nei documenti, debba essere osservata fedelmente dalla persona che appone la propria firma su di essa. Significa che nel momento in cui una persona firma un documento, sia esso un contratto o qualsiasi altra cosa, in effetti sta entrando in un accordo e si sta impegnando in tutto ciò che è previsto in quel documento.

Cosa sto cercando di dire?

Quando una coppia firma un contratto di matrimonio, promettendo di amarsi e tenere cura l'un l'altro, in malattia o in salute, e anche fino alla morte, è tenuto ad osservare al massimo il contratto che ha firmato. Ma questo non accade perché dopo diversi anni, il contratto di matrimonio che hanno firmato sembra aver perso la sua efficacia, e i voti e le promesse che si sono fatti l'un l'altro dinanzi all'altare sono stati tutti dimenticati. L'amore sconfinato che la loro fede nuziale doveva simboleggiare ha trovato il suo limite, e la loro promessa "finché morte non ci separi" era una mera promessa vuota e una semplice affermazione della bocca.

Ma un vero cristiano non è così. Per un vero cristiano, ciò che conta di più non sono i documenti, ma le sue parole e la sincerità del suo cuore. C'è sempre la possibilità che i documenti possano dire qualcosa di diverso da ciò che è nel cuore di una persona, o la persona che firma il documento nasconda qualcosa nel suo cuore. Ecco perché, per Dio, ciò che conta di più è ciò che è nel cuore e nella mente di una persona, e non ciò che è affermato nel documento.

Inoltre, si può fare affidamento sulla parola di un vero cristiano.

MATTEO 5:37 dice:

Ma sia il vostro parlare: Sì, sì; no, no; poiché il di più vien dal maligno.

Ci viene insegnato dal Signore Gesù Cristo che i nostri sì siano sì, e i nostri no siano no. Questo è il motivo per cui a Dio, il tuo sì sincero, onesto e veritiero è più importante di una fede nuziale tempestata di diamanti.

In verità, i mariti e le mogli possono vivere felici e contenti anche senza una fede nuziale.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Cosa C'è di Sbagliato nel Truccarsi?

7/02/2019 0 Commenti


La legge degli uomini dice: "L'ignoranza della legge non scusa nessuno". Per me, questo è molto illogico, molto duro, molto crudele, molto disumano e molto diverso dalla legge di Dio.

La legge di Dio, anche se la si guarda da diverse angolazioni, è molto razionale, molto premurosa e molto compassionevole.

Biblicamente parlando, la tua ignoranza della legge non ti imputa alcun obbligo o responsabilità nel caso in cui ti capiti di violarne qualcuno. Non sei considerato peccatore se commetti un atto peccaminoso per la tua ignoranza della legge. 1 TIMOTEO 1:13 dice:

che prima ero un bestemmiatore, un persecutore e un oltraggiatore; ma misericordia mi è stata fatta, perché lo feci ignorantemente nella mia incredulità;

Questa fu una confessione dell'apostolo Paolo ai cristiani del I secolo. Ammise tutti i peccati che aveva commesso prima. Tuttavia, ottenne misericordia e fu perdonato perché li commise tutti ignorantemente nella mancanza di fede. 

Quanto erano gravi i peccati commessi dall'apostolo Paolo?

Nel libro degli ATTI 22:4 disse:

e perseguitai a morte questa Via, legando e mettendo in prigione uomini e donne,

L'apostolo Paolo fu un persecutore dei cristiani del I secolo. E più tardi, in Galati 1:13, aveva confessato:

Difatti voi avete udito quale sia stata la mia condotta nel passato, quando ero nel giudaismo; come perseguitavo a tutto potere la Chiesa di Dio e la devastavo,

Fu molto crudele con i cristiani del I secolo. Ma poiché lo aveva fatto nella sua ignoranza della legge e nella mancanza di fede, nel senso che non era ancora sotto la legge, ottenne misericordia da Dio.

Lo stesso principio dovrebbe essere applicato a tutti. Prima che una persona sia considerata peccatrice perché sta violando una legge, dobbiamo prima scoprire se quella persona è sotto la legge o no. 

ROMANI 3:19 dice:

Or noi sappiamo che tutto quel che la legge dice, lo dice a quelli che son sotto la legge. . .

Dobbiamo accettare la verità che ci sono persone che non sono sotto la legge. Sono ignoranti della legge; sono ignoranti delle regole. Commetteremmo un grave errore se li accusassimo di commettere un peccato quando non sono sotto la legge.

Ad esempio, non puoi accusare una donna che si trucca di trasgredire la legge quando non è ancora sotto la legge. In realtà, non c'è nulla di sbagliato nel truccarsi e non lo vietiamo nella nostra congregazione. Ciò che proibiamo è l'uso del trucco eccessivo, che praticamente nasconde le caratteristiche fisiche date da Dio.

È un fatto che ci sono donne che cercano di nascondere il loro aspetto fisico naturale indossando trucco pesante e indossando ornamenti. Questo è ciò che la Bibbia dice di quelle donne:

OSEA 2:13 dice:

E la punirò a motivo de' giorni de' Baali, quando offriva loro profumi, e s'adornava de' suoi pendenti e de' suoi gioielli e se n'andava dietro ai suoi amanti, e mi dimenticava, dice l'Eterno.

Ciò che Dio vuole è la semplicità; preferisce il naturale. Ma a causa degli ornamenti eccessivi che quelle donne avevano indossato, si arrivò persino al punto che dimenticarono Dio.

ISAIA 3:16-25 dice:

16 L'Eterno dice ancora: Poiché le figliuole di Sion sono altere, sen vanno col collo teso, lanciando sguardi provocanti, camminando a piccoli passi e facendo tintinnare gli anelli de' lor piedi,
17 il Signore renderà calvo il sommo del capo alle figliuole di Sion, e l'Eterno metterà a nudo le loro vergogne.
18 In quel giorno, il Signore torrà via il lusso degli anelli de' piedi, delle reti e delle mezzelune;
19 gli orecchini, i braccialetti ed i veli;
20 i diademi, le catenelle de' piedi, le cinture, i vasetti di profumo e gli amuleti;
21 gli anelli, i cerchietti da naso;
22 gli abiti da festa, le mantelline, gli scialli e le borse;
23 gli specchi, le camicie finissime, le tiare e le mantiglie.
24 Invece del profumo s'avrà fetore; invece di cintura, una corda; invece di riccioli, calvizie; invece d'ampio manto, un sacco stretto; un marchio di fuoco invece di bellezza.
25 I tuoi uomini cadranno di spada, e i tuoi prodi, in battaglia.

Dio stava parlando della indecenza delle figlie di Sion o di Israele. Non pensavano nemmeno più a piegare le loro teste a Dio. Camminavano col collo teso, lanciando sguardi provocanti. Sembrava che fossero molto orgogliose di se stesse. Immagina, dalla testa ai piedi, erano eccessivamente decorate e ornate come alberi di Natale.

E come maledizione, come affermato nel versetto 24, il Signore disse: Invece del profumo s'avrà fetore;. . . Questo è il motivo per cui molte donne ora vengono colpite da diversi tipi di malattie, specialmente quelle trasmesse per via sessuale. È a causa della maledizione di Dio; Lui non voleva che le donne fossero molto orgogliose.

Ma nel tempo dei cristiani del primo secolo, questo è ciò che 1 TIMOTEO 2:9-10 dice:

9 Similmente che le donne si adornino d'abito convenevole, con verecondia e modestia: non di trecce e d'oro o di perle o di vesti sontuose,
10 ma d'opere buone, come s'addice a donne che fanno professione di pietà.

Non è stato solo l'apostolo Paolo a scrivere su come le donne, le donne cristiane, dovrebbero adornare se stesse, ma anche l'apostolo Pietro.

In 1 PIETRO 3:3, dice:

Il vostro ornamento non sia l'esteriore che consiste nell'intrecciatura dei capelli, nel mettersi attorno dei gioielli d'oro, nell'indossar vesti sontuose

In alcune traduzioni, era stato specificato come abbigliamento costoso.

Questa ammonizione può sembrare difficile, e molte donne potrebbero non gradirla, ma è una parte del Vangelo. Sfortunatamente, molti capi religiosi non insegnano questa particolare dottrina. Invece, parlano di se stessi, cercando la propria gloria, ma non la gloria di Dio Onnipotente.

GIOVANNI 7:17-18 dice:

17 Se uno vuol fare la volontà di lui, conoscerà se questa dottrina è da Dio o se io parlo di mio.
18 Chi parla di suo cerca la propria gloria; ma chi cerca la gloria di colui che l'ha mandato, egli è verace e non v'è ingiustizia in lui.

Oggi la maggior parte dei predicatori parla solo di se stessi. Abbandonano deliberatamente o mettono da parte un intero versetto della Bibbia, che è un atto di sfida a ciò che Dio disse in GEREMIA 26:2:


Così parla l'Eterno: Preséntati nel cortile della casa dell'Eterno, e di' a tutte le città di Giuda che vengono a prostrarsi nella casa dell'Eterno, tutte le parole che io ti comando di dir loro; non ne detrarre verbo.

Crediamo che i cristiani dovrebbero aderire alla parola di Dio sia facile o difficile, morbida o dura, dolce o amara, leggera o pesante. E in quanto predicatore di Dio, è contro la mia coscienza portare via una parola, ancora di più, un versetto o versetti della Bibbia.

Ma vorrei ribadire che la legge si applica solo a coloro che sono sotto la legge.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti: