La Pura e Semplice Verità sui 73 Libri della Bibbia Cattolica

2/27/2021 0 Commenti

 

Sebbene la Bibbia abbia parole forti e un severo avvertimento per coloro che avrebbero osato di aggiungere o di dedurre da ciò che era stato scritto (Apocalisse 22:18-19), la Chiesa cattolica ha avuto nonostante ciò il coraggio di aggiungere non solo parole, paragrafi e capitoli alla Bibbia, ma libri. Non uno, non due, ma sette libri.

Come la maggior parte delle persone sa, le versioni più affidabili della Bibbia, come la versione di Re Giacomo, la versione Revised Standard e la versione the American Standard; sono composti da sessantasei (66) libri - 39 dei quali sono contenuti nell'Antico Testamento (dalla Genesi a Malachia) - mentre gli altri 27 libri sono nel Nuovo Testamento (da Matteo all'Apocalisse).

Stranamente, the Good News Bible della Chiesa Cattolica è composta da settantatre (73) libri. Ci sono altri sette libri aggiunti ai 66 libri originali: Tobia, Giuditta, 1 Maccabei, 2 Maccabei, Sapienza di Salomone, Siracide e Baruc.

Com’è successo? In primo luogo, dobbiamo capire che gli scrittori usati da Dio per scrivere le Sacre Scritture furono ebrei. Quindi, è saggio e logico credere che la lingua originale in cui era stata scritta la Bibbia fosse in ebraico ed era dedicata al popolo ebraico.

I resoconti storici ci dicono che nel IV secolo Girolamo fu incaricato di fare una traduzione Vulgata dell'Antico Testamento. Ovvero, dall'ebraico, la lingua originale in cui erano scritte le Sacre Scritture, la tradusse in latino. E mentre Girolamo stava lavorando alla traduzione della Vulgata, separò sette libri dall'effettiva compilazione dei libri dell'Antico Testamento.

Questo è ciò che dice la prefazione della Bibbia Good News della Chiesa Cattolica: 

 

Secondo la prefazione della Bibbia della the Good News, nel 1546, più di millecinquecento (1500) anni dopo che la Bibbia era stata completata o dopo che i libri che erano stati scritti dagli apostoli e dagli evangelisti erano stati inclusi nella Bibbia, la Chiesa cattolica tirò fuori una dichiarazione che i sette libri che erano stati separati da Girolamo erano sacri e canonici, e meritavano di essere accettati con uguale devozione e riverenza.

Questo ci dà l'impressione che prima della dichiarazione al Concilio di Trento, quei libri non fossero accettati e venerati dalla Chiesa cattolica, e i suoi dirigenti non erano sicuri che quei sette libri fossero autentici e divinamente ispirati. Altrimenti, avrebbero dovuto accettarli e venerarli anche prima del 1546.

Da parte nostra, siamo fiduciosi che quei sette libri non sono parti originali dell'Antico Testamento, non sono ispirati divinamente e non sono canonici. E abbiamo ragioni valide e concrete per crederlo.

Prima di tutto, i libri dell'Antico Testamento erano spesso citati da apostoli ed evangelisti come Matteo, Marco, Luca, Giovanni e Paolo, nei loro scritti. Quando scrissero i loro rispettivi libri nel Nuovo Testamento, citarono i libri dell'Antico Testamento.

In realtà, anche il Signore Gesù Cristo stesso citò più volte i libri dell'Antico Testamento quando predicava. In un caso disse: "Non hai letto, nel principio Iddio li creò, maschio e femmina?" Si riferiva al Libro della Genesi. E ogni volta che esprimeva la sua non conformità su ciò che gli scribi e i farisei dicevano e facevano, diceva sempre: "Non avete letto ...?" o "È scritto ..." Si riferiva, ovviamente, agli scritti dell'Antico Testamento.

Ad esempio, in Matteo 21:15-16 (IRL), si dice:

15 Ma i capi sacerdoti e gli scribi, vedute le maraviglie che avea fatte, e i fanciulli che gridavano nel tempio: Osanna al figliuol di Davide, ne furono indignati, e gli dissero: Odi tu quel che dicono costoro?
16 E Gesù disse loro: Sì. Non avete mai letto: Dalla bocca dei fanciulli e de' lattanti hai tratto lode?

Quando i bambini nel tempio gridavano "Osanna al figliuol di Davide!" gli scribi e i farisei ne erano seccati perché erano chiassosi. Volevano impedire loro di gridare, ma il Signore Gesù Cristo disse loro: “Sì. Non avete mai letto: Dalla bocca dei fanciulli e de' lattanti hai tratto lode?" Si riferiva alle scritture dell'Antico Testamento.

Il Signore Gesù Cristo aveva fatto in modo di citare sempre gli scritti dell'Antico Testamento ogni volta che voleva insegnare qualcosa agli scribi e ai farisei. Perché? Durante il tempo di Cristo, gli scribi e i farisei avevano la reputazione di essere uomini dotti poiché avevano padronanza della legge; erano ben istruiti quando si trattava della Legge di Mosè.

Gli scribi scrivevano la Legge di Mosè mentre i Farisei erano i difensori della Legge di Mosè. Ecco perché ogni volta che Cristo rispondeva loro, o ogni volta che contestava o rettificava le loro dichiarazioni, citava loro sempre i libri dell'Antico Testamento. Era come dare loro una dose della loro stessa medicina.

Ma ciò che è molto evidente è che durante tutto il tempo in cui il Signore Gesù Cristo aveva predicato, non aveva mai citato, nemmeno una volta, il Libro di Giuditta o il Libro dei Maccabei o nessuno dei sette libri che la Chiesa cattolica ha aggiunto alla Bibbia nel 1546.

Gli apostoli non menzionarono mai quei libri quando avevano predicato e anche quando avevano scritto i loro rispettivi libri ed epistole. Nessuno di loro aveva citato il libro di Tobia, Siracide, Baruc o uno qualsiasi dei sette libri perché non erano realmente parte dell'Antico Testamento e non erano canonici. Perché se lo fossero stati, sicuramente Cristo, gli apostoli e gli evangelisti li avrebbero citati. D'altra parte, hanno fatto numerose citazioni dei libri legittimi dell'Antico Testamento come il Libro dei Salmi, Giobbe, Genesi e i profeti, tra gli altri, perché quei libri erano, infatti, parte integrante della Bibbia e gli apostoli e gli evangelisti li avevano riconosciuti.

Un'altra prova che quei libri non sono canonici è il fatto che la Chiesa cattolica non ha alcuna dottrina che usi quei libri come riferimento o base.

I sacerdoti e i capi della Chiesa cattolica citano il Libro dei Maccabei o il Libro di Giuditta per dimostrare che il battesimo deve essere pagato? Citano quei libri per difendere e giustificare la loro pratica di pregare ripetutamente o di pregare il rosario? Li citano per difendere la loro fede nei loro cosiddetti sette sacramenti? Mai! Non li usano per difendere la loro fede.

La verità è che non leggono nemmeno quei libri durante le loro messe e altre cerimonie in chiesa. Se quei libri fossero stati autentici e divinamente ispirati, perché non li usano? Ciò prova solo che loro stessi dubitano dell'integrità di quei libri. Chiaro e semplice.

Che Dio ci benedica tutti!

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

La Bibbia Mette in Guardia Contro i Pastori Che Sviano le Persone

2/27/2021 0 Commenti


È un dato di fatto che non tutti i predicatori sono dotati di comprensione biblica; molti di loro fingono semplicemente di essere di Dio. In realtà, puoi riconoscerli facilmente perché non solo la loro ignoranza della Bibbia è molto ovvia, ma predicano anche cose che loro stessi non capiscono.

Com’è scritto in 1 Timoteo 1:7 (IRL):

volendo esser dottori della legge, quantunque non intendano quello che dicono, né quello che danno per certo.

Desiderano essere predicatori o insegnanti della legge nonostante non abbiano comprensione della Bibbia, proprio come i ministri dell'Iglesia ni Cristo ni Manalo (INCM) - Chiesa di Cristo di Manalo. Permettetemi di citare una parte di un articolo pubblicato sul Pasugo, la pubblicazione ufficiale dell'INCM, per mostrarvi che i loro ministri, compreso lo stesso Manalo, non capiscono la Bibbia e non sanno di cosa stanno parlando.

 

[In Romani 16:16, si dice: "Salutatevi a vicenda con un santo bacio. Le chiese di Cristo ti salutano." Il nome “Iglesia ni Cristo” (Chiesa di Cristo) è il nome ufficiale perché è il saluto che tutti sono comandati di usare nel salutarsi (l'un l'altro). Non è il nome di una razza, o di un luogo, né riguarda ad una caratteristica individuale, ma si riferisce a tutti. Si riferisce anche a una condizione o uno stato.]

Questo articolo dimostra come l'INCM ha grossolanamente frainteso e interpretato male Romani 16:16.

Molto chiaramente, il versetto comanda ai fratelli di salutarsi l'un l'altro con un santo bacio; è con il santo bacio che i fratelli nella chiesa dovrebbero salutarsi. Ma nell'interpretazione dell'INCM, è con il nome della loro chiesa, Iglesia ni Cristo, che dovrebbero salutare o salutarsi a vicenda. Che stupidità! Non ha alcun senso.

Se consideriamo le epistole scritte dagli apostoli, i fratelli nella chiesa, come i fratelli di Corinto, ricevettero l'ammonizione di salutarsi l'un l'altro con un santo bacio.

1 Corinzi 16:20 (IRL) dice:

Tutti i fratelli vi salutano. Salutatevi gli uni gli altri con un santo bacio.

In realtà, non solo ai fratelli a Roma e a Corinto fu comandato di salutarsi con un santo bacio. Anche ai fratelli a Ponto, in Galazia, in Cappadocia, in Asia e in Bitinia ricevettero le stesse istruzioni dall'apostolo Pietro.

1 Pietro 1:1 (IRL) dice:

Pietro, apostolo di Gesù Cristo, agli eletti che vivono come forestieri nella dispersione del Ponto, della Galazia, della Cappadocia, dell'Asia e della Bitinia,

I fratelli di quei luoghi si dispersero perché avevano subito una grave persecuzione. Così l'apostolo Pietro inviò loro una lettera in cui diceva loro di salutarsi l'un l'altro con un bacio d’amore, o un santo bacio.

1 Pietro 5:14 (IRL) dice:

Salutatevi gli uni gli altri con un bacio d'amore. Pace a voi tutti che siete in Cristo.

Anche i Tessalonicesi ricevettero un'istruzione simile dall'apostolo Paolo.

1 Tessalonicesi 5:26 (IRL) dice:

Salutate tutti i fratelli con un santo bacio.

È semplicemente strano che solo l’INCM salutino i loro fratelli con il nome "Iglesia ni Cristo", invece di un santo bacio — una chiara prova che non capiscono la Bibbia.

Cosa dicono del "santo bacio"? Qual è l'interpretazione dell'INCM sul santo bacio, secondo i loro ministri?

Invece di fornire la propria interpretazione sul "santo bacio" menzionato in Romani 16:16, i ministri dell'INCM hanno fatto riferimento alla spiegazione fornita nel Commentario Biblico di Wycliffe. Ovviamente, non hanno una spiegazione propria, motivo per cui hanno usato la spiegazione di qualcun altro.

 
 

[Qualunque cosa nella cultura moderna sia simbolica del profondo affetto che i cristiani dovrebbero provare l'uno verso l'altro — un bacio sulla guancia, una calda stretta di mano, una stretta di entrambe le mani e altro — questo è l'equivalente del comando apostolico.]

Secondo il loro sostegno sul "santo bacio" — cui si sono basati dal libro dei protestanti — è un modo di salutare una persona. E il suo equivalente attuale è un "beso-beso" o un bacio sulla guancia o una stretta di mano. Loro hanno anche ammesso che questo è ciò che i loro fratelli e sorelle nella loro chiesa praticano.

Ma seguendo il filo del ragionamento che il nome "Iglesia ni Cristo" è il saluto con cui i loro fratelli dovrebbero salutarsi, la mia domanda è: quando si stringono la mano, o quando fanno un beso-beso o si baciano sulla guancia, si salutano con il nome “Iglesia ni Cristo”? Certo che no! Perché sanno in cuor loro che così facendo sembreranno ridicoli.

Questo mostra solo che i predicatori dell'INCM non capiscono nemmeno il loro versetto preferito, Romani 16:16, e parlano di cose che loro stessi non intendono.

Ripeto, Dio dà comprensione a un predicatore o pastore i cui insegnamenti vengono da Dio. Tale (predicatore) viene mandato da Dio a predicare.

Secondo Romani 10:15 (IRL);

E come predicheranno se non son mandati? . . .

I predicatori che non comprendono la Bibbia non sono mandati da Dio.

In realtà, c'è un altro predicatore vanaglorioso a Mindanao che afferma di essere il figlio di Dio e di possedere le anime di tutti gli uomini. Come i ministri dell'INCM, anche quest'uomo non sa di cosa sta parlando e le parole che escono dalla sua bocca non sono in consonanza con ciò che dicono le Sacre Scritture.

Cosa gli ha dato il coraggio per dire che lui possiede tutte le anime degli uomini? Biblicamente parlando, tutte le anime degli uomini sono di proprietà di Dio e non di un normale essere umano come lui.

Com’è scritto in Ezechiele 18:4 (IRL):

Ecco, tutte le anime sono mie; è mia tanto l'anima del padre quanto quella del figliuolo; l'anima che pecca sarà quella che morrà.

Il mio appello a tutti è per favore, non lasciatevi ingannare da questo tipo di predicatori. Non sono mandati da Dio; vi porteranno solo alla perdizione.

Possa Dio guidare e benedire tutti noi!

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.


0 commenti:

Sii Guidato nel Leggere la Bibbia

2/14/2021 0 Commenti


Un normale lettore della Bibbia che ha difficoltà a comprendere il Libro Sacro non dovrebbe scoraggiarsi perché questo normalmente accade, specialmente se non c'è nessuno con il dono della comprensione a guidarlo. Deve essere chiaro che, per leggere la Bibbia, è necessaria la guida di qualcuno che ha ricevuto il dono della comprensione da Dio.

Il Libro degli Atti dà un resoconto di un certo eunuco dall'Etiopia che era stato in grado di capire le Scritture quando Filippo venne in suo aiuto. Viene narrato che l'eunuco — un uomo di grande autorità poiché era responsabile di tutti i tesori di Candace, la regina degli Etiopi e anche un uomo di fede — era venuto a Gerusalemme per adorare Dio.

Mentre tornava a casa, leggeva il libro del profeta Isaia. E durante la lettura, aveva riscontrato parti che non aveva capito. Fu allora che lo Spirito Santo ordinò a Filippo di unirsi all'eunuco sul suo carro.

Atti 8:30-31 (IRL) dice:

30 Filippo accorse, l'udì che leggeva il profeta Isaia e disse: Intendi tu le cose che leggi?
31 Ed egli rispose: E come potrei intenderle, se alcuno non mi guida? E pregò Filippo che montasse e sedesse con lui.

Quando Filippo venne e lo sentì leggere il libro di Isaia, chiese all'etiope se stava capendo quello che stava leggendo. Egli rispose a Filippo: "E come potrei intenderle, se alcuno non mi guida?" Alla fine, chiese a Filippo di salire e sedersi con lui sul suo carro.

Atti 8:32-35 (IRL) dice:

32 Or il passo della Scrittura ch'egli leggeva era questo: Egli è stato menato all'uccisione come una pecora; e come un agnello che è muto dinanzi a colui che lo tosa, così egli non ha aperto la bocca.
33 Nel suo abbassamento fu tolta via la sua condanna; chi descriverà la sua generazione? Poiché la sua vita è stata tolta dalla terra.
34 E l'eunuco, rivolto a Filippo, gli disse: Di chi, ti prego, dice questo il profeta? Di se stesso, oppure d'un altro?
35 E Filippo prese a parlare, e cominciando da questo passo della Scrittura gli annunziò Gesù.

L'eunuco chiese a Filippo chi fosse "Egli" a cui si riferiva il profeta, che quest'ultimo paragonò a un agnello che rimase mite e senza lamentarsi mentre i suoi peli venivano tosati prima di essere macellato.

Filippo gli disse che l'agnello era il simbolo del Signore Gesù Cristo. E mentre viaggiavano, continuò a predicare all'eunuco del Signore Gesù Cristo. Come sappiamo, questo evento si era culminato con il battesimo dell'eunuco perché aveva capito e accettato con tutto il cuore tutto ciò che Filippo gli aveva predicato.

Il punto a cui sto cercando di arrivare è che la comprensione delle Scritture da parte dell'eunuco era stata possibile perché qualcuno che aveva avuto la saggezza che veniva da Dio, e quello era Filippo, gli spiegò tutte le cose.

In altre parole, non tutti gli uomini sono in grado di comprendere la Bibbia perché non tutti hanno ricevuto un dono di intendimento da Dio.

Matteo 19:11 (IRL) dice:

Ma egli rispose loro: Non tutti son capaci di praticare questa parola, ma quelli soltanto ai quali è dato.

La comprensione della parola di Dio viene da Dio; viene data da Dio. Ne consegue che a meno che una persona non sia stata dotata di comprensione da parte di Dio, non sarà in grado di comprendere le Sue parole scritte nella Bibbia.

Come accennato, non tutti ricevono questo dono, solo i predicatori di Dio. Quindi, se non sei un predicatore, è probabile che ci siano parti della Bibbia che troverai difficili da comprendere.

Ma è una storia diversa se sei un predicatore. Ci si aspetta che un predicatore abbia piena comprensione delle parole di Dio nella Bibbia. Deve vergognarsi se non ha ricevuto alcun dono da Dio. Se è così, allora non ha il diritto di predicare.

Ecclesiaste 12:10-11 (IRL) dice:

10 L'Ecclesiaste s'è applicato a trovare delle parole gradevoli; esse sono state scritte con dirittura, e sono parole di verità.
11 Le parole dei savi son come degli stimoli, e le collezioni delle sentenze sono come dei chiodi ben piantati; esse sono date da un solo pastore.

La comprensione delle parole di Dio viene prima data a un pastore o predicatore di Dio. E poi, questo predicatore o pastore, a sua volta, insegnerà alla congregazione che guida affinché anch'essa capisca le parole di Dio.

In questo modo, coloro che trovano difficoltà a comprendere la Bibbia potranno ora sviluppare apprezzamento e comprensione delle parole di Dio tramite l'aiuto del predicatore a cui Dio ha dotato di comprensione.

Assicurati di ascoltare solo un predicatore inviato da Dio, uno a cui Egli ha dotato di comprensione, affinché la tua salvezza non sia compromessa.

Possa Dio benedirvi tutti!

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Cosa Dice la Bibbia Sui Sogni?

2/14/2021 0 Commenti


Indipendentemente dall'età, dal sesso e dalla posizione sociale, tutte le persone sognano quando dormono.

I sogni che arrivano ad una persona possono variare. Possono essere divertenti, tristi, bizzarri, orribili o mistici; oppure possono anche riguardare qualcun altro o forse qualcosa di incredibile.

Inevitabilmente, ci sono momenti in cui un sognatore viene influenzato, o è sconcertato, dal sogno che ha avuto. Pertanto, è importante scoprire se i sogni che una persona sperimenta hanno un significato e un senso oppure no.

Ecclesiaste 5:3,7 (IRL) dice:

3 poiché colla moltitudine delle occupazioni vengono i sogni, e colla moltitudine delle parole, i ragionamenti insensati.
7 Poiché, se vi son delle vanità nella moltitudine de' sogni, ve ne sono anche nella moltitudine delle parole; perciò temi Iddio!

Apparentemente, non tutti i sogni hanno un significato. A volte, un sogno arriva a una persona perché la sua mente è stata impegnata a pensare a tanti problemi e preoccupazioni — per non parlare delle sue aspirazioni, desideri e altre sollecitudini nella vita — al punto che anche fino al momento in cui va a dormire, la sua mente è ancora occupata da quelle cose. I sogni che arrivano poi a questa persona di solito sono privi di senso e rilevanza e dovrebbero, quindi, essere prontamente rimossi dai suoi pensieri.

I sogni possono venire a un individuo addormentato molto spesso. Ciò che la scienza ha scoperto a riguardo è conforme a ciò che la Bibbia ha indicato come "moltitudine di sogni". Hanno scoperto che una persona in un sonno profondo sogna ogni 30 minuti; sfortunatamente, non tutti questi sogni vengono ricordati quando si sveglia.

Quante volte sogna un uomo mentre dorme?
Fonte: answers.com
 
Tutti sognano mentre dormono ma non tutti lo ricordano, quindi se le persone ti dicono che non hanno sogni, mentono o si sbagliano. Sì, ma non tutti li ricordano quando si svegliano.

Gli umani sognano ogni mezz'ora e raramente ricordano la maggior parte di loro ed è perché sono in totale sonno REM (che significa un sonno profondo con gli occhi che si muovono avanti e indietro sotto le palpebre chiuse).

Quando una persona è stressata, non si trova nel sonno REM totale (si rigira / si rivolta) ed è negli ultimi secondi appena prima di svegliarsi che un individuo può ricordare un sogno o gli incubi. Gli incubi sono causati dallo stress. Se un essere umano non sognasse, impazzirebbe. Il sogno libera la tensione nel corpo e nella mente.

Mentre è vero che molti dei sogni che le persone sperimentano sono privi di significato, poiché nascono principalmente dallo stress, dalla tensione e da altre preoccupazioni nella vita, è anche una verità biblica che ci sono sogni che sono significativi e meritano attenzione perché sono inviati da Dio.

Dio manda sogni al Suo popolo per dare loro dichiarazioni profetiche. Proprio come il sogno che il figlio di Giacobbe, Giuseppe, ebbe quando fu più giovane. Il suo sogno significava che un giorno avrebbe avuto il dominio sui suoi fratelli e che anche suo padre e sua madre si sarebbero inchinati davanti a lui (Genesi 37: 7-10, IRL).

In effetti, questo accadde perché giunse davvero il tempo in cui lui regnò ed ebbe potere sui membri della sua famiglia.

Un altro è il sogno che giunse all’altro Giuseppe, il marito di Maria, quando la sua mente era turbata nell'apprendere che Maria stava già portando un bambino nel suo grembo nonostante il fatto che non avesse ancora dormito con lei.

Matteo 1:18-20 (IRL) dice:

18 Or la nascita di Gesù Cristo avvenne in questo modo. Maria, sua madre, era stata promessa sposa a Giuseppe; e prima che fossero venuti a stare insieme, si trovò incinta per virtù dello Spirito Santo.
19 E Giuseppe, suo marito, essendo uomo giusto e non volendo esporla ad infamia, si propose di lasciarla occultamente.
20 Ma mentre avea queste cose nell'animo, ecco che un angelo del Signore gli apparve in sogno, dicendo: Giuseppe, figliuol di Davide, non temere di prender teco Maria tua moglie; perché ciò che in lei è generato, è dallo Spirito Santo.

Giuseppe pensava che Maria gli fosse stata infedele, motivo per cui stava contemplando di separarsi da lei. E poiché non voleva metterla in pubblica vergogna, intendeva di farlo in segreto.

Tuttavia, quella notte, un angelo del Signore lo visitò nei suoi sogni e gli disse di non perseguire ciò che aveva avuto intenzione di fare. Gli spiegò che la concezione di Maria era dello Spirito Santo, e non da un altro uomo. Il sogno di Giuseppe gli era servito come guida affinché non giudicasse male Maria e non prendesse una decisione sbagliata.

Sulla base delle situazioni date tratte dalla Bibbia, si può discernere che ci sono sogni inviati da Dio al Suo popolo per metterlo in guardia sulle cose che accadrà in futuro, per guidarlo nella sua condotta e anche per risparmiarlo da una tragedia imminente.

Avevamo un fratello nella Chiesa, fratello Nazario S. Regalado, che durante l'occupazione giapponese, fu incarcerato in una guarnigione. Ma mentre si trovava nel campo di concentramento giapponese, perse la sanità mentale.

E quando iniziò a fare cose folli nella sua cella di prigione, come scrivere sul muro usando le sue feci, i soldati giapponesi decisero di mandarlo in un istituto di salute mentale a Mandaluyong.

Diversi giorni dopo essere stato portato in una struttura di salute mentale, gli americani fecero un raid aereo nell'area in cui si trovava quella particolare guarnigione giapponese. Di conseguenza, l'intero campo fu annientato e nessuna creatura vivente fu lasciata in vita.

Sebbene sia stato un tragico incidente per tutti coloro che erano lì, tuttavia, significava salvezza per il nostro fratello in fede.

Ma prima che fratello Ariong (il suo soprannome) diventasse un prigioniero di guerra, sua madre aveva sognato che lui sarebbe diventato una mucca. Biblicamente parlando, una mucca è il simbolo di un predicatore; quindi, il suo sogno significava che suo figlio un giorno sarebbe diventato un predicatore. Tuttavia, non riusciva a capire come sarebbe stato possibile quando suo figlio era stato detenuto in una guarnigione giapponese e aveva perso la sanità mentale durante la detenzione.

Alla fine, avevano capito che tutto ciò che era accaduto a fratello Ariong aveva portato all’adempimento del sogno che sua madre aveva avuto su di lui. La sua follia temporanea doveva accadere e doveva essere mandato in un manicomio per non essere incluso tra coloro che sarebbero morti durante il raid aereo. La sua vita era stata risparmiata e la struttura di salute mentale in cui era stato portato gli era servito come rifugio.

Dopo un certo periodo di tempo guarì e tornò alla sua vita normale; infatti, divenne persino un membro della facoltà in una delle università di Bulacan. Soprattutto, divenne un operaio della Chiesa, o un predicatore, una realizzazione del sogno che aveva avuto sua madre. E non solo quello.

Quando io ero diventato il servitore generale della Chiesa, il fratello Nazario Regalado era diventato il segretario generale e il tesoriere. Indubbiamente, il sogno che aveva avuto la madre di fratello Ariong le era stato inviato da Dio.

Sebbene ci siano sogni che vengono inviati da Dio al Suo popolo, lasciatemi ribadire che non tutti i sogni vengono da Dio. Alcuni di loro provengono dal nemico di Dio e alcuni sono solo il risultato delle preoccupazioni dell'uomo e del pensiero eccessivo dei problemi e di altre preoccupazioni di questo mondo.

Ma per evitare di essere visitato da sogni inquietanti, è sempre meglio dire una breve preghiera a Dio prima di andare a dormire.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Qualità della Sposa di Cristo

2/03/2021 0 Commenti


Una cosa che molti predicatori oggi non riescono ad insegnare ai loro membri, specialmente a quelli dei gruppi Born Again, è il fatto che ci sono diversi tipi e diversi livelli di relazioni che un cristiano può avere con il Signore Gesù Cristo.

Primo, tra i cristiani e il Signore Gesù Cristo esiste una relazione signore-servitore. Cristo è il nostro signore o padrone e noi, cristiani, siamo i Suoi servitori.

Giovanni 13:16 (IRL) dice:

In verità, in verità vi dico che il servitore non è maggiore del suo signore, né il messo è maggiore di colui che l'ha mandato.

Un servitore non è maggiore del suo signore o padrone. Stando così le cose, ci si aspetta che lui segua ogni comando del suo signore, senza alcuna domanda. Come servitori di Cristo, noi dobbiamo sottometterci all'autorità del nostro Signore e dovremmo renderGli la nostra massima obbedienza.

Com’è scritto in Luca 9:23 (IRL):

Diceva poi a tutti: Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a se stesso, prenda ogni giorno la sua croce e mi seguiti.

Dobbiamo anche essere pronti a negare noi stessi e sopportare tutte le difficoltà che derivano dall'adempimento dei nostri compiti e obblighi. Il nostro obbligo principale non è fare ciò che vogliamo, ma fare ciò che il Signore vuole che facciamo. E una volta che abbiamo scoperto e dimostrato di essere servi fedeli e obbedienti, la nostra relazione con Cristo potrebbe progredire ad un livello superiore.

Giovanni 15:15 (IRL) dice:

Io non vi chiamo più servi; perché il servo non sa quel che fa il suo signore; ma voi vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutte le cose che ho udite dal Padre mio.

Lui potrebbe considerarci Suoi amici e non più servi, come avevano vissuto gli apostoli ei primi cristiani. Venne il tempo in cui Cristo non li trattò più come servi ma come amici. E questo potrebbe succedere anche a noi. La relazione signore-servo potrebbe eventualmente trasformarsi in amicizia, che è un tipo di relazione più elevato e migliore.

Oltre ad essere un amico, il Signore Gesù Cristo può anche essere un fratello maggiore per i cristiani.

Com’è scritto in Romani 8:29 (IRL):

Perché quelli che Egli ha preconosciuti, li ha pure predestinati ad esser conformi all'immagine del suo Figliuolo, ond'egli sia il primogenito fra molti fratelli;

Essendo il primogenito tra molti fratelli, può essere considerato il fratello maggiore dei cristiani.

Eppure, c'è ancora un altro tipo di relazione che è molto più grande e molto più profonda di quelle che abbiamo menzionato: possiamo essere la Sua fidanzata.

Tutti noi cristiani possiamo considerarci fidanzati da sposare Cristo. Siamo la sua fidanzata; Lui è il nostro fidanzato. Questa è una relazione che dobbiamo proteggere e apprezzare.

2 Corinzi 11:2 (IRL) dice:

Poiché io son geloso di voi d'una gelosia di Dio, perché v'ho fidanzati ad un unico sposo, per presentarvi come una casta vergine a Cristo.

Attualmente la Chiesa si sta preparando per il matrimonio che avrà luogo nella Nuova Gerusalemme (Apocalisse 10:7, IRL). Ci sarà una preparazione meticolosa perché come promessa sposa di Cristo, i cristiani devono essere presentati allo sposo, il Signore Gesù Cristo, come una vergine casta.

Com’è possibile?

Efesini 5:26-27 (IRL) dice:

26 affin di santificarla, dopo averla purificata col lavacro dell'acqua mediante la Parola,
27 affin di far egli stesso comparire dinanzi a sé questa Chiesa, gloriosa, senza macchia, senza ruga o cosa alcun simile, ma santa ed irreprensibile.

Mentre il giorno del matrimonio deve ancora venire, la Chiesa viene purificata e santificata. Cioè, ai fratelli nella Chiesa vengono continuamente insegnate le dottrine di Cristo, nonché modo giusto di vivere e comportarsi come cristiani. E questo processo di purificazione e santificazione inizia con il battesimo. Dopo aver accettato il santo battesimo, ci si aspetta che iniziamo a condurre una nuova vita, un tipo di vita che viene vissuta in conformità con le leggi e gli insegnamenti del Signore Gesù Cristo.

Romani 6:4 (IRL) dice:

Noi siam dunque stati con lui seppelliti mediante il battesimo nella sua morte, affinché, come Cristo è risuscitato dai morti mediante la gloria del Padre, così anche noi camminassimo in novità di vita.

Smetteremo di essere ciò che eravamo: se prima eravamo malvagi, ora smetteremo di fare cose malvagie; se eravamo abituati ai vizi, dovremmo rimuoverli repentinamente dal nostro sistema; e se prima eravamo sconsiderati, egoisti e irrispettosi anche nei confronti dei membri della nostra stessa famiglia, ora dobbiamo coltivare le virtù dell'altruismo, della compassione, della magnanimità e dell'amore.

Questo processo di purificazione e santificazione prepara i cristiani a un rapporto più stretto con Cristo. E questo è essere in unione con Lui. Saremo un solo corpo con Lui.

Efesini 5:30-32 (IRL) dice:

30 poiché noi siamo membra del suo corpo.
31 Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre e s'unirà a sua moglie, e i due diverranno una stessa carne.
32 Questo mistero è grande; dico questo, riguardo a Cristo ed alla Chiesa.

Arriveremo al punto in cui saremo uno con Cristo, come Adamo ed Eva erano uno quando divennero marito e moglie. Ma a differenza di Adamo ed Eva che avevano un'unione della carne, la Chiesa e Cristo avranno un'unione dello spirito.


Com’è scritto in 1 Corinzi 6:17 (IRL):

Ma chi si unisce al Signore è uno spirito solo con lui.

Coloro che hanno comunione con Cristo sono uno con Lui nello spirito, nella carne e in ogni cosa.

Ma mentre aspettiamo quell'unione in cielo, noi cristiani dobbiamo continuare a lavorare sulla nostra purificazione e santificazione finché non diventiamo incontaminati, senza grinze, santi e senza macchia. Queste sono le qualità della sposa con cui Cristo deve sposarsi: la Chiesa.

0 commenti:

"Relazione Personale" con Cristo? Spiacenti, (ma) è una Farsa!

2/03/2021 0 Commenti

 

Ciò che l'apostolo Paolo aveva scritto in Galati 1:10-11 (IRL) è stato il principio guida che ho seguito da quando ho iniziato a predicare fino ad ora. Dice:

10 Vado io forse cercando di conciliarmi il favore degli uomini, ovvero quello di Dio? O cerco io di piacere agli uomini? Se cercassi ancora di piacere agli uomini, non sarei servitore di Cristo.
11 E invero, fratelli, io vi dichiaro che l'Evangelo da me annunziato non è secondo l'uomo;

Poiché il Vangelo che l'apostolo Paolo predicava non era secondo l'uomo, dobbiamo aspettarci che non fosse inteso per compiacere gli uomini. Compiacere le persone e ottenere la loro approvazione non è mai diventata la preoccupazione principale di Paolo ogniqualvolta che predicava. In quanto servitore di Cristo, era più interessato a svolgere il suo compito di predicare il Vangelo il più fedelmente possibile.

Ed è esattamente quello che sto cercando di fare anche io, con l'aiuto di Dio. Il mio discorso potrebbe non essere gradevole né dolce per le orecchie degli altri, ma puoi essere certo che quello che sto dicendo è tutto basato sugli insegnamenti del Signore Gesù Cristo scritti nella Bibbia.

In effetti, gli insegnamenti del Signore Gesù Cristo non mirano a compiacere gli uomini. Infatti, sono in qualche modo in contrasto con il pensiero, lo stile di vita e i principi degli uomini.

Tuttavia, come l'apostolo Paolo, la mia dedizione non è nel compiacere le persone ma nel fare cose che piacerebbero al mio Signore, come annunciare il Vangelo ed esporre credenze e pratiche di altre religioni che sono contrarie o non fanno parte degli insegnamenti del Signore Gesù Cristo.

Un esempio è l'insegnamento dei diversi gruppi di Born Again sull'avere la cosiddetta relazione personale con Cristo. Lasciatemi dire chiaramente: questo insegnamento non fa parte del Vangelo del Signore Gesù Cristo insegnato dagli apostoli. E nella Bibbia non esiste una "relazione personale con Cristo".

Se comprendi il significato di "relazione personale", ti renderai conto che nella nostra era, è altamente improbabile per chiunque stabilire una relazione personale con Cristo poiché Egli non è più qui sulla Terra; Lui è in paradiso. Sono terminati i giorni in cui le persone potevano parlare con Lui e interagire con Lui personalmente.

Ma sebbene Cristo non sia più presente fisicamente, ciò non significa che non possiamo più avere una connessione o una relazione con Lui. Possiamo ancora farlo, ma solo in modo indiretto e non personale.

La Bibbia ha citato uno scenario particolare che dimostra che anche se una persona non ha avuto la possibilità di trattare o associarsi a Cristo personalmente, rendendo così impossibile per quella persona avere una relazione personale con Lui, tale persona potrebbe comunque essere in grado di sviluppare una connessione o una relazione con Cristo e può ancora essere salvata in base a determinate disposizioni. Questo è ciò che dice Matteo 25:32-49 (IRL):

32 E tutte le genti saranno radunate dinanzi a lui ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri;
33 e metterà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra.
34 Allora il Re dirà a quelli della sua destra: Venite, voi, i benedetti del Padre mio; eredate il regno che v'è stato preparato sin dalla fondazione del mondo.
35 Perché ebbi fame, e mi deste da mangiare; ebbi sete, e mi deste da bere; fui forestiere e m'accoglieste;
36 ui ignudo, e mi rivestiste; fui infermo, e mi visitaste; fui in prigione, e veniste a trovarmi.
37 Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai t'abbiam veduto aver fame e t'abbiam dato da mangiare? o aver sete e t'abbiam dato da bere?
38 Quando mai t'abbiam veduto forestiere e t'abbiamo accolto? o ignudo e t'abbiam rivestito?
39 Quando mai t'abbiam veduto infermo o in prigione e siam venuti a trovarti?
40 E il Re, rispondendo, dirà loro: In verità vi dico che in quanto l'avete fatto ad uno di questi miei minimi fratelli, l'avete fatto a me.
41 Allora dirà anche a coloro dalla sinistra: Andate via da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato pel diavolo e per i suoi angeli!
42 Perché ebbi fame e non mi deste da mangiare; ebbi sete e non mi deste da bere;
43 fui forestiere e non m'accoglieste; ignudo, e non mi rivestiste; infermo ed in prigione, e non mi visitaste.
44 Allora anche questi gli risponderanno, dicendo: Signore, quando t'abbiam veduto aver fame, o sete, o esser forestiere, o ignudo, o infermo, o in prigione, e non t'abbiamo assistito?
45 Allora risponderà loro, dicendo: In verità vi dico che in quanto non l'avete fatto ad uno di questi minimi, non l'avete fatto neppure a me.
46 E questi se ne andranno a punizione eterna; ma i giusti a vita eterna.
 

Questi versetti ci mostrano che avere una relazione personale con Cristo non è un requisito per la salvezza dell'uomo. Ci sono persone che avranno il privilegio di ereditare il regno di Dio nonostante l'assenza di tale relazione personale con Cristo di cui i gruppi Born Again parlano.

Come si vede nei versetti sopra, quelle persone non erano nemmeno consapevoli di aver compiuto una buona azione a Cristo perché non Lo avevano incontrato né visto personalmente. Ma in certi punti della loro vita, avevano dato qualcosa da mangiare e qualcosa da bere a una persona affamata e assetata che, a loro insaputa, è uno dei fratelli di Cristo. E quel semplice atto di gentilezza è già sufficiente per stabilire la loro relazione con il Signore Gesù Cristo.

C'è stato un incontro personale avvenuto tra loro e Cristo? C'era una relazione personale? Non ce n’è stata. La gentilezza e la compassione che avevano mostrato ai Suoi discepoli e agli ultimi dei Suoi fratelli erano sufficienti per saldare un legame tra loro e il Signore Gesù Cristo. E come segno di gratitudine e apprezzamento per ciò che avevano fatto, il Signore Gesù Cristo li renderà eredi del regno di Dio in cielo al giorno del giudizio.

Permettetemi di ribadire che in assenza della presenza fisica di Cristo non potete avere una relazione personale con Lui. Ma è ancora possibile sviluppare una relazione con Lui, anche se non in modo personale.

Invece, è attraverso l'amore, la cura e l'essere compassionevoli verso un compagno di fede in Cristo. Com’è menzionato in Matteo 25:40, ogni atto di gentilezza che una persona rende ai fratelli di Cristo viene automaticamente considerato come qualcosa fatto a Lui; Ne diventa il destinatario indiretto. E la tua buona azione non rimarrà senza compensazione perché alla fine sarai ricompensato con la vita eterna in paradiso.

Una relazione personale con Cristo? Spiacenti, non c'è niente di simile nella Bibbia! Sono le buone opere che facciamo ai fratelli del Signore Gesù Cristo che contano!

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

La Verità Biblica sulla Data della Nascita di Cristo

2/03/2021 0 Commenti


Praticamente tutte le religioni che affermano di essere cristiane fanno una grande celebrazione del Natale. Credono che il 25 dicembre sia il giorno in cui il Signore Gesù Cristo sia nato quando si è manifestato nella carne.

La domanda è: questa convinzione ha qualche base biblica? E Cristo ha comandato ai cristiani di celebrare questa data?

Per cominciare, celebrare il 25 dicembre o il Natale, non è menzionato nel Vangelo; non è un comandamento di Cristo. Quindi, se non è un comandamento di Cristo e se non è scritto nel Vangelo, i cristiani non dovrebbero osservarlo.

Secondo 1 Corinzi 4:6 (IRL):

Or, fratelli, queste cose le ho per amor vostro applicate a me stesso e ad Apollo, onde per nostro mezzo impariate a praticare il 'non oltre quel che è scritto'; affinché non vi gonfiate d'orgoglio esaltando l'uno a danno dell'altro.

La Bibbia ci ammonisce di non andare oltre ciò che è scritto. Significa che la nostra fede dovrebbe essere ancorata alle cose che sono state scritte nelle Sacre Scritture. Se non sono scritte, se sono semplicemente tradizioni artificiali, non dovrebbero essere assorbite o essere assimilate dai cristiani, non importa quanto spettacolari e sontuose possano essere. E poiché la Bibbia non ha nemmeno fatto il minimo riferimento al 25 dicembre come il compleanno di Cristo, non renderlo parte della tua fede. Non essere tra i miliardi di persone in tutto il mondo che fanno un gran clamore per questa data.

Siamo certi che Cristo non sia nato a dicembre perché durante questo mese Betlemme, la Sua città natale, viene coperta di neve. 


In base al racconto di Luca l'evangelista, alla vigilia della nascita di Cristo, c'erano dei pastori nel campo che vegliavano sulle loro pecore mentre pascolavano.

Luca 2:7-8 (IRL) dice:

7 ed ella diè alla luce il suo figliuolo primogenito, e lo fasciò, e lo pose a giacere in una mangiatoia, perché non v'era posto per loro nell'albergo.
8 Or in quella medesima contrada v'eran de' pastori che stavano ne' campi e facean di notte la guardia al loro gregge. Le pecore pascolavano nei campi; il che significa che c'erano erbe di cui potevano nutrirsi: erba, non neve. Pertanto, allora non sarebbe stato dicembre.

In primo luogo, nessun pastore sano di mente porterebbe fuori il suo gregge in una serata nevosa. Altrimenti sarebbero morti congelati — sia il pastore che il suo gregge.

È semplicemente molto frustrante che molte persone continuino a credere e ad accettare questo insegnamento inventato della Chiesa cattolica nonostante la loro ammissione che l'effettiva nascita di Cristo è davvero sconosciuta. Questo è stato scritto nell'enciclopedia cattolica, volume 2, pagina 607, che dice:

TRADUZIONE:
L’Enciclopedia Cattolica
VOLUME 2 / PAGINA 607
NATALE

La festa della nascita del Salvatore si chiama Natale. la Messa di Cristo. Si celebra il 25 dicembre ed è una delle feste principali dell'anno liturgico. Vedi ANNO DELLA CHIESA.

La data effettiva della nascita del Signore è sconosciuta e la sua commemorazione era generalmente inclusa nella Festa delle Manifestazioni (Epifania. 6 gennaio) durante i primi tre secoli dell’era Cristiana. Vedi EPIFANIA.

Storia. Intorno all'anno 330, tuttavia, la Chiesa di Roma assegnò definitivamente la celebrazione del 25 dicembre, per onorare Cristo, Luce del mondo e il vero Sole di Giustizia.

Questo era il giorno che era stato dedicato nella Roma pagana alla festa del dio sole ed era stato chiamato Compleanno del Sole Invitto.

Alla fine del IV secolo questa data romana della celebrazione della Natività era universalmente accettata da tutte le chiese, sia in Oriente che in Occidente.

Apparentemente, la data originale della loro celebrazione era il 6 gennaio, fino a quando il papa a Roma non l'ha cambiata in 25 dicembre, la stessa data in cui i romani pagani celebravano la loro festa in onore del loro dio sole, un falso dio.

Non è un grande insulto a Cristo, programmare una festa in Suo onore in una data che coincide con la festa per un falso dio? Quel che è peggio è che anche diversi gruppi protestanti così come le cosiddette organizzazioni evangeliche e cristiane, si sono uniti ai cattolici per celebrare il Natale, o la nascita di Cristo, il 25 dicembre.

In realtà, anche l'Iglesia ni Cristo di Manalo (INCM) crede nella storia inventata della Chiesa cattolica sul Natale. Questo nonostante il ripudio che il loro capo aveva fatto dei sacerdoti cattolici e dei pastori protestanti, dicendo che non erano da Dio, ma da satana o dal diavolo. Questa dura dichiarazione è stata pubblicata nella loro pubblicazione ufficiale, Pasugo, nell'agosto 1961. A pagina 39, si dice,

Traduzione:

In conclusione, dovremmo ripudiare i preti cattolici e i pastori protestanti perché sono ministri di satana. Dovremmo anche ripudiare la Chiesa cattolica e le diverse chiese protestanti perché non sono di Dio, ma di satana o del diavolo. 

Ironia della sorte, nonostante la rinuncia di Manalo alle chiese cattoliche e protestanti perché sono del diavolo, continuano a imitare e ad adottare le pratiche e le credenze dei cattolici e dei protestanti relative alla celebrazione del Natale.

La foto sotto mostra il 25° anniversario di matrimonio di uno dei ministri INCM. Ma, vi prego, prendete nota che sullo sfondo c'erano decorazioni natalizie e una foto di Babbo Natale.



In un altro numero di Pasugo nel 1969, una pubblicità che promuoveva i nuovi abiti che le loro consorelle vendevano era stata pubblicata a pagina 16. L'annuncio ingiungeva anche ai loro fratelli di fare acquisti presto, poiché il Natale si avvicinava rapidamente.

Traduzione:

Il Natale è vicino! Acquista subito, ora! Le sorelle Pilar Fernandez, Rosalinda Yadan e Ester Yadan hanno nuovi vestiti in saldo! 

No. D-E-F—Market of Obrero — Blumentritt, Manila  

Indirizzo di casa: —2722 Ave. Rizal  

Tel. 2-68-33


Non solo, credono anche nei tre re. Di sotto una foto dei loro tre fratelli di fede che hanno confrontato con i tre re.

Traduzione:

Non erano i tre Magi che venivano da luoghi diversi e seguivano la luce della stella che significava la nascita del Salvatore sulla terra, ma come i tre re, anche i tre uomini sopra hanno seguito la luce degli insegnamenti di Cristo attraverso la Sua chiesa.


Questa è follia. Non c'è verità nella credenza popolare che gli uomini che portarono doni al giovane Gesù fossero tre re. La possibilità che fossero re è molto remota perché i re non viaggiano da soli, senza alcun aiuto e senza scorta di sicurezza.

Ancora più importante, la Bibbia dice che erano uomini saggi, ma non menzionava quanti fossero. I cattolici hanno semplicemente ipotizzato che fossero tre in base al tipo di doni che sono stati dati al giovane Gesù: incenso, oro e mirra.

Ma perché i membri della Chiesa di Dio Internazionale non celebrano il 25 dicembre o il Natale? Perché non è vero che Cristo è nato quel giorno. Inoltre, la data del 25 dicembre era stata proprio assegnata dal papa a Roma per contrastare, o forse per competere, con la festa tenuta dai romani pagani in onore del loro dio sole. Come cristiani, non prendiamo parte a nulla di contaminato e associato al paganesimo e all'idolatria.

Tuttavia, non avere l'impressione che non celebriamo alcuna festa per Cristo. Al contrario, abbiamo molte celebrazioni in onore non solo del Signore Gesù Cristo, ma anche del Padre.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Il Sentiero Antico è per i Malvagi? Senti chi Parla.

2/03/2021 0 Commenti

Per la familiarità delle persone con il nostro programma radiofonico e televisivo Ang Dating Daan o The Old Path (Il Sentiero Antico) — il braccio/il ramo di trasmissione dei Membri della Chiesa di Dio Internazionale (MCGI) che annuncia gli insegnamenti di Dio e del Signore Gesù Cristo scritti nella Bibbia — alcune persone anche nelle Filippine chiamano la nostra congregazione con il titolo del nostro programma. Per loro, MCGI è Ang Dating Daan e viceversa.

Stando nelle frequenze radiofoniche da quattro decenni ormai, il programma Ang Dating Daan ha guadagnato molta popolarità e distinzione che molti dei nostri fratelli sono stati convertiti attraverso il loro patrocinio del cosiddetto programma. Coloro che si sintonizzano e ascoltano la mia predicazione sviluppano inevitabilmente la comprensione biblica e il desiderio di far parte della nostra congregazione. Quindi, senza alcuna esitazione, lasciano le rispettive religioni e si uniscono alla Chiesa di Dio Internazionale.

E poiché altre organizzazioni religiose sperimentano costantemente un esodo di membri a favore del nostro gruppo, i loro leader e uomini in prima linea hanno unito gli sforzi per diffamare la mia persona e la nostra organizzazione, il tutto nel loro desiderio di scoraggiare le persone dall'unirsi al MCGI, o Ang Dating Daan, come loro chiamano il nostro gruppo.

Una delle cose che usano contro di noi è l'affermazione di Elifaz il Temanita, nel Libro di Giobbe. Va ricordato che al culmine delle sofferenze di Giobbe per così tante afflizioni, Elifaz venne e lo rimproverò invece di dargli alcune parole consolatorie ed edificanti.

In Giobbe 22:15 (IRL), Elifaz chiese a Giobbe:

Vuoi tu dunque seguir l'antica via per cui camminarono gli uomini iniqui,

Cortesemente notate che quelle erano le parole di Elifaz e non di Dio. Elifaz stava chiedendo a Giobbe se avrebbe continuato a camminare sull’antica via (tradotto in filippino come "ang dating daan") su cui, secondo lui, si erano incamminati gli uomini iniqui.

Si può dedurre dalle parole di Elifaz che Giobbe stava percorrendo il sentiero antico, o ang dating daan; altrimenti, non gli avrebbe fatto quella domanda. Ma tenete presente che Giobbe non era malvagio. Infatti, Dio stesso lo aveva descritto come perfetto, retto, timorato di Dio e non un malfattore (Giobbe 1:8).

Dopo una lunga discussione e uno scambio di ragionamenti tra Giobbe ed Elifaz, Dio parlò con rabbia.

Giobbe 42:7 (IRL) dice:

Dopo che ebbe rivolto questi discorsi a Giobbe, l'Eterno disse a Elifaz di Teman: 'L'ira mia è accesa contro te e contro i tuoi due amici, perché non avete parlato di me secondo la verità, come ha fatto il mio servo Giobbe.

Dio era scontento e la sua ira si era accesa dalle cose che avevano detto Elifaz ei suoi due amici. Elifaz, quindi, può essere considerato un nemico di Dio perché aveva parlato di cose che erano contro la volontà di Dio.

In realtà, l'accusa di Elifaz che l’antica via era incamminata da uomini iniqui — motivo per cui stava esortando Giobbe a smettere di incamminarci — è contro la dichiarazione di Dio scritta nel libro di Geremia.

Geremia 6:16 (IRL) dice:

Così dice l'Eterno: Fermatevi sulle vie, e guardate, e domandate quali siano i sentieri antichi, dove sia la buona strada, e incamminatevi per essa; e voi troverete riposo alle anime vostre...

Molto chiaramente, per Dio, percorrere il sentiero antico, (o ang dating daan), non è un male. Infatti, Lui aveva persino istruito il Suo popolo ad incamminarsi per essa perché è lì che si trova la buona strada, ed è dove troveranno sollievo per le loro anime. Ne consegue anche che coloro che si incamminano nel sentiero antico non sono malvagi perché sono loro quelli che si attengono alle istruzioni di Dio. Sfortunatamente, i nostri detrattori che capiscono a malapena il contesto di Giobbe 22:15 lo usano contro di noi. Sfruttano le parole di Elifaz, un nemico di Dio, per far sembrare che coloro che fanno parte di Ang Dating Daan (riferendosi al nostro gruppo), siano malvagi. Questa è una grande bugia!

I membri della Chiesa di Dio Internazionale, o Ang Dating Daan, come lo chiamano in molti, non sono malvagi; in verità, i nostri fratelli sono noti per essere mansueti, compassionevoli, di buon cuore e timorati di Dio, e le persone con cui hanno avuto a che fare lo possono attestare.

Anche i documenti del tribunale possono attestare che non abbiamo alcun membro che sia un assassino, a differenza di altre religioni i cui membri uccidono brutalmente anche per ragioni insignificanti, come un alterco durante una partita di pallacanestro.

Questo è ciò che alcuni membri di una chiesa fondata nelle Filippine hanno fatto ai loro avversari in una partita di pallacanestro. Li hanno inflitti con forme bestiali di tortura fino a quando non si sono trovati senza vita, e hanno poi gettato i loro cadaveri nel fiume Pasig. In realtà, i leader della loro chiesa hanno utilizzato le loro risorse e connessioni per difenderli. Tuttavia, la Corte Suprema li ha giudicati colpevoli oltre ogni ragionevole dubbio. 

 

Noi non facciamo queste cose nella Chiesa di Dio. I nostri fratelli sono ben istruiti sulle virtù cristiane e sono un tutt'uno conl'amministrazione della Chiesa nel promuovere la fede, la speranza e l'amore a tutti gli uomini attraverso la predicazione del Vangelo e attraverso i servizi pubblici e le opere di carità che facciamo.

Certo, abbiamo molti detrattori, io, soprattutto. Tutti loro vogliono abbattermi; tutti vogliono farmi tacere perché la mia predicazione del Vangelo incontaminato semina il caos nelle loro rispettive organizzazioni. Nel momento in cui i loro membri iniziano ad ascoltare le mie trasmissioni, diventano inarrestabili nel trovare la via d'uscita dalla loro religione.

Al momento, la loro crociata è screditare me e il nostro gruppo, utilizzando diverse piattaforme di social media. Uno di loro mi ha persino accusato di aver semplicemente inventato delle storie nella mia predicazione. Questa è una bugia palese!


 

Predicare la falsità è una cosa che non ho mai fatto e che non farò mai. Ma invece di difendermi, preferirei lasciare che altre persone (che non conosco personalmente) e altre organizzazioni prestigiose parlino a mio favore se la mia predicazione è davvero priva di credibilità.

Ogni volta che predico, sia alla radio, alla televisione o ai social media, faccio in modo che tutto ciò che dico sia sempre reale, supportato da elementi di prova e basato sulla Bibbia; non ho mai inventato storie. Mi assicuro che le cose che dico siano sensate, pertinenti e illuminanti. In caso contrario, gruppi rinomati che premiano, non avrebbero accettato e riconosciuto i miei impegni.

Consentitemi di citare alcuni di questi riconoscimenti. Durante la terza edizione degli Open Mashable Awards nel 2009, il mio sito blog esoriano.wordpress.com è stato premiato come Most Educational to Follow (il più educativo da seguire); durante la quarta edizione del Gawad Amerika nel 2006, il nostro programma Ang Dating Daan è stato premiato come Most Informative Religious Program (il programma religioso più informativo); e durante la decima edizione del Gawad Amerika nel 2011, Ang Dating Daan è stato premiato come the Best Religious Program (il miglior programma religioso).

In effetti, questi riconoscimenti ci danno un immenso orgoglio e onore, tuttavia sappiamo che non avremmo potuto ottenerne nessuno se non con l'aiuto e la guida di Dio. Quindi, a Lui offriamo tutto l'onore e la gloria.

Poiché noi della Chiesa di Dio Internazionale siamo guidati dalle verità bibliche, siamo consapevoli che fino alla fine ci saranno ancora persone le cui principali preoccupazioni sono diffondere bugie, ingannare e fuorviare le persone e portarle alla perdizione.

Ma con l'aiuto di Dio, non permetteremo a queste persone di ostacolarci nel propagare il Vangelo e nell'incoraggiare i nostri simili ad incamminarsi sul sentiero antico, o per la buona via, come comandato da Dio, perché questo è il sentiero che li condurrà a salvezza.

A Dio sia la gloria.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

L'Unico Modo Sicuro per cui Dio Ascolterà Quando Chiameremo

1/27/2021 0 Commenti

Ci sono persone che hanno sviluppato l'idea che fintanto che pregano e invocano il nome del Signore, saranno già salvate. Ciò non è vero; stanno solo dando loro false speranze.

La verità è che anche se continui a pregare, anche se continui a invocare il nome del Signore, non sarai salvato se non adempirai alla Sua volontà.

Com’è scritto in Matteo 7:21 (IRL):

Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che è ne' cieli.

Per entrare nel regno dei cieli, devi fare la volontà del Padre; cioè, devi osservare i Suoi comandamenti e devi fare ciò che il Padre vuole che tu faccia.

Ecclesiaste 12:13 (ND) dice:

Ascoltiamo dunque la conclusione di tutto il discorso: «Temi DIO e osserva i suoi comandamenti, perché questo è il tutto dell'uomo».

Il dovere principale dell'uomo è obbedire ai comandamenti di Dio e non ai comandamenti e agli insegnamenti di diversi gruppi religiosi come la Chiesa cattolica. Se seguirai i loro insegnamenti inventati, come pregare il rosario per nove giorni consecutivi o la novena, camminare in ginocchio nelle navate delle cattedrali dalla porta dell'altare e inginocchiarsi davanti a immagini scolpite e statue e adorarle, (allora) tu non sarai salvato. Tutte queste pratiche, che i cattolici osservano, cadono nell'idolatria e sono in diretto contrasto con gli insegnamenti di Dio nella Bibbia. E sicuramente, tali pratiche non ti porteranno in paradiso.

Ricorda, per essere salvato e diventare un erede del cielo, devi obbedire ai comandamenti di Dio, non sfidarli. L'idolatria è una vera sfida al comandamento di Dio; statue e immagini scolpite non dovrebbero essere rese oggetti di culto, anche se sono d'oro e d'argento.

Atti 17:29 (IRL) dice:

Essendo dunque progenie di Dio, non dobbiam credere che la Divinità sia simile ad oro, ad argento, o a pietra scolpiti dall'arte e dall'immaginazione umana.

Anche solo pensare o presumere che la Divinità possa essere rappresentata in immagini scolpite e statue fatte d’oro, argento e pietra è molto sbagliato. Diventa molto peggio se ti inginocchi davanti a loro, offri fiori e accendi candele per loro e li preghi. Sfortunatamente, questo è esattamente ciò che i preti cattolici insegnano a fare ai loro seguaci: sostengono la pratica dell'idolatria.

L'idolatria è proibita da Dio. Tuttavia, il Suo divieto non è limitato all'adorazione di immagini scolpite; include scolpire le statue e immagini scolpite. Tale è anche un atto di sfida ai comandamenti di Dio.

Com’è scritto in Deuteronomio 5:8-9 (IRL):

8 Non ti fare scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù nel cielo o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra.
9 Non ti prostrare davanti a quelle cose e non servir loro, perché io, l'Eterno, il tuo Dio, sono un Dio geloso che punisco l'iniquità dei padri sopra i figliuoli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che m'odiano,

È Dio che dovresti adorare e non i falsi dèi. A quanto pare, adorare e riverire falsi dèi sono manifestazioni di odio verso Dio. Quindi, se professate di amare Dio, è a Lui che dovreste rendere la vostra adorazione, riverenza e devozione, non alle immagini scolpite.

Tuttavia, ciò che Dio proibisce alle persone di fare è ciò che i sacerdoti cattolici promuovono con zelo. In effetti, si stanno rendendo strumenti per trasformare la verità di Dio in una menzogna mentre insegnano alle persone ad adorare la creatura invece del Creatore.

Romani 1:25 (IRL) dice:

Che ha cambiato la verità di Dio in una menzogna, e ha adorato e servito la creatura più del Creatore, che è benedetto per sempre. Amen.

Quindi, invece di reindirizzare la tua fede e devozione alle creazioni di Dio simili a te, come Maria, gli apostoli e gli angeli, è al Creatore che le dovresti rendere. E invece di rivolgere le tue preghiere a queste persone, dovresti rivolgerle al Creatore.

Tieni presente, tuttavia, che non tutti coloro che invocano il nome del Signore entreranno nel regno dei cieli, ma solo coloro che si attengono ai comandamenti di Dio. In altre parole, è la tua obbedienza agli insegnamenti e ai comandamenti di Dio che ti qualificherà per entrare nel regno dei cieli.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

La Religione è Necessaria per Essere Salvati?

1/27/2021 0 Commenti

Molti predicatori oggi sono diventati così sconsiderati e irresponsabili che a malapena si preoccupano se gli insegnamenti che fanno credere e fanno accettare alle persone non sono più conformi agli insegnamenti del Signore Gesù Cristo scritti nella Bibbia.

Un esempio è il loro insegnamento che la religione non è più necessaria per salvare l'uomo. Ciò che è necessario, dicono, è che l'uomo abbia fede in Cristo, che accetti Lui ed ecco fatto che sarà salvato.

Questa è una grande bugia! Non è vero che la religione non è più necessaria. Infatti, la Bibbia menziona una religione pura e incontaminata che il Signore Gesù Cristo insegnò agli apostoli. Questo significa solo che la religione è necessaria e importante; altrimenti, il Signore Gesù Cristo non l'avrebbe insegnato.

Tuttavia, non tutte le religioni sono pure e incontaminate; molte di loro sono piene di impurità, indecenze e finzioni. Quindi, i loro seguaci non sono resi santi ma, invece, sono trasformati in un gruppo di ipocriti. Tali sono le religioni che possono essere considerate futili o inutili, poiché non riescono a rendere i loro membri degni di salvezza. La Bibbia descrive queste religioni come vane.

Giacomo 1:26 (IRL) dice:

Se uno pensa d'esser religioso, e non tiene a freno la sua lingua ma seduce il cuor suo, la religione di quel tale è vana.

Se qualcuno sembra essere religioso ma non trattiene la lingua e inganna persino il proprio cuore, la religione di quella persona è considerata vana o inutile.

Ma la religione pura e incontaminata che il Signore Gesù Cristo insegnò agli apostoli non è sicuramente vana e priva di senso. Pertanto, non dovrebbe essere rifiutata né dovrebbe essere considerata come non importante o non necessaria.

Giacomo 1:27 (IRL) dice:

La religione pura e immacolata dinanzi a Dio e Padre è questa: visitar gli orfani e le vedove nelle loro afflizioni, e conservarsi puri dal mondo.

Uno dei tratti distintivi di una religione pura è che si prende cura delle vedove e degli orfani — e coloro che praticano questa religione si mantengono immacolati dal mondo. Cioè, non si coinvolgono in vizi come il gioco d'azzardo, il bere, la droga e altri questioni terrene. Accettano il Signore Gesù Cristo e seguono i Suoi insegnamenti.

Accettare il Signore Gesù Cristo non dovrebbe essere solo un servizio a parole. Accettando Cristo, devi accettare anche le Sue parole e i Suoi insegnamenti, perché rifiutare i Suoi insegnamenti equivale a rifiutare anche Lui.

Com’è scritto in Giovanni 12:48 (IRL):

Chi mi respinge e non accetta le mie parole, ha chi lo giudica: la parola che ho annunziata è quella che lo giudicherà nell'ultimo giorno.

Ne consegue che se rigetti gli insegnamenti del Signore Gesù Cristo sulla religione, sulla Chiesa e sull'adorazione, in effetti stai rifiutando Cristo. E se rifiuti Cristo, non sarai salvato perché Lui è il Salvatore.

La religione pura e incontaminata insegnata da Cristo agli apostoli viene praticata nella Chiesa edificata dal Signore Gesù Cristo Stesso. Quindi, se senti pastori e predicatori dire che anche la Chiesa non è più necessaria, puoi star certo che certi predicatori parlano per ignoranza perché la Bibbia ci dice che il Signore Gesù Cristo ha edificato una Chiesa (Matteo 16:18).

Stanno implicando che il Signore Gesù Cristo abbia edificato qualcosa che non ha alcuna utilità o rilevanza per la salvezza? E cosa dà loro il diritto di annullare, o dichiarare nullo, ciò che il Signore Gesù Cristo aveva stabilito? Il fatto che Cristo abbia edificato una Chiesa significa solo che essa ha un ruolo vitale nella salvezza dell'uomo.

Ora, per giustificare la loro stupida affermazione che la religione e la Chiesa non sono più necessarie per ottenere la salvezza — perché secondo loro è sufficiente la fede in Cristo — questi predicatori citano la storia del ladro crocifisso con Cristo. Dicono che il ladro aveva solo creduto in Cristo, non aveva praticato alcuna religione e non si era unito alla Chiesa, eppure gli era stato promesso il paradiso.

Tuttavia, questi pastori non si sono resi conto che credere in Cristo, in particolare nelle Sue parole, era l'unica cosa che il ladro aveva potuto fare perché era già appeso alla croce e stava per morire.

Apparentemente, prima che arrivasse la sua ultima ora, il ladro ebbe la possibilità di ascoltare le parole pronunciate dal Signore Gesù Cristo mentre loro erano sulla croce. E per quello che aveva sentito, aveva creduto.

Significa che la fede del ladro in Cristo è stata suggerita dalle parole che aveva sentito da Lui e non dal Suo aspetto fisico. Perché durante quel periodo, non c'era nulla di maestoso nell'aspetto fisico di Cristo mentre era ferito, sanguinante e nudo.

Ricorda, gli ebrei avevano fatto spettacoli con le Sue vesti e, secondo Ebrei 6:6 (IRL), “e lo espongono ad infamia”, il che implica che fu messo in una situazione molto vergognosa e imbarazzante. E cos'altro potrebbe esserci di più imbarazzante e vergognoso che avere il tuo corpo nudo esposto al pubblico? Ma per le parole che aveva udito da Cristo mentre erano sulla croce, il ladro credette in Lui e così disse: "Gesù, ricordati di me quando sarai venuto nel tuo regno!". (Luca 23:42, IRL) E a lui, il Signore Gesù Cristo rispose: "Io ti dico in verità che oggi tu sarai meco in paradiso." (Luca 23:43, IRL)

Considerando le condizioni del ladro — era impotente appeso alla croce e stava morendo — e nel brevissimo tempo che gli restava da vivere, il ladro non poteva più permettersi di unirsi alla Chiesa o di praticare la religione. Ma se fosse stato liberato e gli fosse stata data la possibilità di vivere più a lungo, senza dubbio, il ladro si sarebbe sicuramente unito alla Chiesa edificata e guidata dal Signore Gesù Cristo e sarebbe diventato il Suo servitore.

Ma deve essere chiaro che l'invidiabile fortuna che era arrivata sulla via del ladro non potrà mai essere goduta o essere utilizzata da coloro che deliberatamente rifiutano e ignorano gli insegnamenti del Signore Gesù Cristo, anche se affermano di averlo accettato.

Che Dio ci benedica tutti!

0 commenti: