Felix Manalo: L’Ultimo, il Tardivo o il Messaggero Perso?


Una delle dottrine ingannevoli che la Chiesa di Cristo di Manalo insegna ai loro membri, e anche ai non membri ignari, è che Felix Manalo è l'ultimo messaggero dell'ultimo giorno. Questa affermazione particolare è stata persino pubblicata nella loro rivista ufficiale, Pasugo.

Con franchezza, dico che è una grande bugia! Perché? Perché Cristo è la fine; Lui è il primo ed è anche Lui l'ultimo. Disse: "Io sono l'Alfa e l'Omega".

È Cristo che Dio manderà per prendere i Suoi servi che saranno salvati. Questo è scritto nella Bibbia: manderà Cristo. Se Felix Manalo è l'ultimo messaggero, qual è l'opera di Cristo allora?

In realtà, l'opera di Cristo non è ancora finita.

GIOVANNI 4:32 (IRL) dice:

Ma egli disse loro: Io ho un cibo da mangiare che voi non sapete.

Qual è il cibo o la carne a cui si riferiva? GIOVANNI 4:34 (IRL) dice:

Gesù disse loro: Il mio cibo è di far la volontà di Colui che mi ha mandato, e di compiere l'opera sua.

Il Suo cibo è fare la volontà del Padre che Lo ha mandato e di compiere l’opera Sua. La Sua opera ancora non è finita. Infatti l’opera sarà ancora in corso durante il regno di Cristo nel periodo di mille anni e in quell’intervallo di tempo, l'ultimo nemico che Lui distruggerà sarà la morte.

Sarà mandato da Dio sulla terra per prendere i Suoi servi che saranno salvati. Regneranno per mille anni e dopo li condurrà nel regno dei cieli. Quindi l’opera di Cristo non è ancora finita.

La frase "ultimo messaggero dell'ultimo giorno", che hanno attribuito a Felix Manalo, è stata erroneamente usata dalla Chiesa di Cristo. Nel numero di gennaio 1976 della rivista Pasugo dell'INC di Manalo, questo è quello che hanno detto:


“Fratello Manalo è il vero messaggero di Dio in questo ultimo giorno. Lui ha un'elezione da Dio attraverso la profezia.”

In un'altra rivista Pasugo, la Lezione numero 8 delle principali dottrine credute dall'INC scritta da Eraño Manalo, diceva:


"Fratello Felix Manalo: Messaggero di Dio nell'ultimo giorno"

Questo è molto sbagliato!

GIOVANNI 6:44 (IRL) dice:

Niuno può venire a me se non che il Padre, il quale mi ha mandato, lo attiri; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno.

Ricordate che "l'ultimo giorno" è diverso da "gli ultimi giorni". Nella Bibbia, "l'ultimo giorno" è già la risurrezione dei morti. Quindi come può accadere che Manalo sia l'ultimo messaggero dell'ultimo giorno quando l'ultimo giorno è già la risurrezione dei morti? E poiché è già la risurrezione dei morti, a chi verrà inviato Felix Manalo? Il suo essere mandato sarebbe troppo tardi!

Ciò che la Bibbia ci dice è che il Padre invierà Cristo sulla terra per prendere i Suoi servitori che saranno salvati e governeranno sulla terra per mille anni. È evidente che per la Chiesa di Manalo non si verificherà il regno millenario di Cristo e dei santi sulla terra. O forse, sono davvero ignoranti di questo fatto biblico. Ecco perché quando mi hanno sentito dire che Cristo governerà sulla terra nel millennio, hanno parlato di me nella loro trasmissione televisiva con beffa e sarcasmo.


Michael Sandoval: "Spero che i membri del Sentiero Antico non si offendano. Spero che non siate caduti dai vostri posti quando Soriano ha detto che "il regno di Cristo è qui sulla terra". . . Come può accadere quando questa terra verrà bruciata?”

Quando Cristo verrà, la terra non sarà ancora bruciata! Solo dopo il millennio la terra verrà bruciata, ma mentre il millennio non è ancora finito questa terra rimane. Questa terra sarà ancora qui.

La convinzione dell'INC è che quando Cristo verrà, sarà già la fine. Ma per noi, la venuta di Cristo non è ancora la fine. Segna la prima risurrezione e l'inizio del Suo regno millenario. Coloro che risorgeranno quando Cristo verrà, governeranno per mille anni qui sulla terra. Pertanto questa terra rimarrà ancora.

APOCALISSE 20:4 (IRL) dice:

Poi vidi dei troni; e a coloro che vi si sedettero fu dato il potere di giudicare. E vidi le anime di quelli che erano stati decollati per la testimonianza di Gesù e per la parola di Dio, e di quelli che non aveano adorata la bestia né la sua immagine, e non aveano preso il marchio sulla loro fronte e sulla loro mano; ed essi tornarono in vita, e regnarono con Cristo mille anni.

Cosa succederà dopo il regno dei mille anni?

APOCALISSE 20:7-8 (IRL) dice:

7 E quando i mille anni saranno compiti, Satana sarà sciolto dalla sua prigione
8 e uscirà per sedurre le nazioni che sono ai quattro canti della terra, Gog e Magog, per adunarle per la battaglia; il loro numero è come la rena del mare.

Dopo il millennio, satana sarà sciolto dalla prigione. Deve essere chiaro che durante quel periodo di mille anni, satana è in prigione.

APOCALISSE 20:1-3 (IRL) dice:

1 Poi vidi un angelo che scendeva dal cielo e avea la chiave dell'abisso e una gran catena in mano.
2 Ed egli afferrò il dragone, il serpente antico, che è il Diavolo e Satana, e lo legò per mille anni,
3 lo gettò nell'abisso che chiuse e suggellò sopra di lui onde non seducesse più le nazioni finché fossero compiti i mille anni; dopo di che egli ha da essere sciolto per un po' di tempo.

Satana verrà gettato nell’abisso che chiuse e suggellò sopra di lui. Ma dopo il periodo di mille anni, sarà liberato.

Quello che sto cercando di sottolineare è che la terra continuerà ad esistere nel regno millenario di Cristo, così come quelli che Lui risorgerà nella prima risurrezione.

APOCALISSE 5:8-10 (IRL) dice:

8 E quando ebbe preso il libro, le quattro creature viventi e i ventiquattro anziani si prostrarono davanti all'Agnello, avendo ciascuno una cetra e delle coppe d'oro piene di profumi, che sono le preghiere dei santi.
9 E cantavano un nuovo cantico, dicendo: Tu sei degno di prendere il libro e d'aprirne i suggelli, perché sei stato immolato e hai comprato a Dio, col tuo sangue, gente d'ogni tribù e lingua e popolo e nazione,
10 e ne hai fatto per il nostro Dio un regno e de' sacerdoti; e regneranno sulla terra.

Ciò è contrario alla convinzione del ministro dell'INC, Michael Sandoval, che quando Cristo verrà, questa terra sarà già bruciata. No, questo non è vero!

Per provare ulteriormente che questa terra rimarrà, la Bibbia ci dice che quando Cristo verrà, uno sarà preso e l'altro sarà lasciato, come è scritto in Matteo 24:40-41 (IRL).

40 Allora due saranno nel campo; l'uno sarà preso e l'altro lasciato;
41 due donne macineranno al mulino: l'una sarà presa e l'altra lasciata.

Quando verrà il momento in cui Cristo verrà a prendere i Suoi santi, alcuni rimarranno. Quindi, la terra continuerà ad esistere perché alcuni saranno lasciati qui.

In realtà, una delle cose più meravigliose che accadranno sulla terra durante il periodo di mille anni è la predicazione del Vangelo in tutte le nazioni, liberamente. Al giorno d'oggi, non possiamo ancora predicare il Vangelo a tutto il mondo. Ci sono nazioni in cui non puoi predicare la Bibbia, altrimenti verrai ucciso. Qui ci sono anche luoghi sulla terra in cui Cristo non viene riconosciuto. Ma quando inizia il millennio, nulla può più ostacolare la predicazione del Vangelo a tutto il mondo. Arriva il periodo di mille anni, “E questo evangelo del Regno sarà predicato per tutto il mondo, onde ne sia resa testimonianza a tutte le genti; e allora verrà la fine.” (Matteo 24:14, IRL) Quella sarà la fine del periodo di mille anni; la fine del mondo.

Quindi la distruzione della terra avverrà solo dopo il millennio, non durante la venuta di Cristo, come credono i ministri dell'INC.

Molto chiaramente, la convinzione che la terra sarà già bruciata quando Cristo verrà è solo uno dei tanti insegnamenti erronei dell'INC di Manalo.

Inoltre, insegnano anche ai loro membri bugie, una delle quali riguarda l'anno in cui la loro organizzazione è iniziata davvero. Loro sostenevano che l'INC di Manalo iniziò il 27 luglio 1914, ma in verità la loro organizzazione iniziò davvero nel 1913, e ho i documenti per dimostrarlo.

Ho una copia di un invito che afferma che stavano già celebrando il loro quinto anniversario durante quell'anno, l'anno 1918.


Chiesa di Cristo
Manila, dicembre 1918
 
Vita e pace.
 
Signori, invitiamo rispettosamente vostro onore alla celebrazione del ringraziamento per il QUINTO ANNO di esistenza dell' "IGLESIA NI KRISTO" nelle Filippine e della LAYING ON OF HANDS (L’IMPOSIZIONE DELLE MANI) su Fratello Felix Manalo come pastore e ministro della chiesa. Si terrà al Sine "Gloria", numero 1649 Sande Street, Tondo (Manila) il 25 dicembre di quest'anno alle otto di mattina.
 
Speriamo che vostro onore onorerà la nostra celebrazione in tale data e ora.

Rispettosamente,

Ustino Casanova
Teodoro Santiago
Federico Inocencio

Chi imposterebbe le mani su Felix Manalo? Dallo stesso opuscolo, diceva:


"L'imposizione delle mani sul fratello Felix Manalo sarà fatta da vescovi e pastori di diverse chiese dell'isola e questi sono Alejandro Reyes, Victoriano Mariano, Gil Domingo, Guillermo Zarco, Nicolás Fajardo, Emiliano Quijano e Roque Bautista."

L'imposizione delle mani è stata eseguita da vescovi e pastori di diverse chiese. Cosa significa l'imposizione delle mani? Significa dare autorità. Pertanto, quelli che conferirono l'autorità a Felix Manalo furono i vescovi e i pastori di diverse chiese.

Quindi, come può Felix Manalo essere un messaggero di Dio quando quelli che lo imposero furono vescovi e pastori che in seguito egli stesso chiamò ministri del diavolo? In effetti, Manalo aveva persino ammonito i suoi membri di respingere tali sacerdoti e pastori perché erano del diavolo o di satana.

Nel numero dell’agosto 1961 del loro Pasugo, pagina 39, Manalo disse:


"Alla fine di questa pubblicazione dovremmo respingere i sacerdoti cattolici e i pastori protestanti perché sono ministri di Satana".

Mostra la mancanza di gratitudine di Manalo nei confronti di quei pastori che gli imposero le mani. Dopo averlo imposto, dopo aver ricevuto l'autorità da loro, Manalo volle che i suoi membri respingessero i sacerdoti cattolici e i pastori protestanti perché erano di satana.

Ma la cosa che voglio che voi prendiate nota è l'imposizione delle mani a Manalo, avvenuta nel 1918 e avvenuta nella celebrazione del loro quinto anniversario. Quindi, l'aritmetica semplice dimostrerà che l'INC in realtà iniziò nel 1913, e non nel 1914.

Un altro documento diceva:


"Felix Manalo ha iniziato ad adempiere la profezia di Dio sul suo ultimo messaggero che emergerà nell'estremo oriente all'epoca chiamato "estremità della terra". Ha introdotto per la prima volta la chiesa agli operai dell'Atlantico e Compagni del Pacifico. I suoi primi frutti furono battezzati sul fiume Pasig alla fine del 1913."

Come avrebbe potuto battezzare i suoi primi convertiti nel 1913, se iniziarono a esistere solo nel 1914? Se è vero che l'INC iniziò nel 1914, come mai i primi frutti della predicazione di Manalo furono battezzati nel 1913? Senza senso! Affermare che la loro organizzazione, Iglesia ni Cristo di Manalo, iniziò ad esistere nel 1914 è un'altra grande bugia!

A parte questo, i ministri dell'INC di Manalo stanno anche facendo credere ai loro membri che lo spirito di Dio abita nelle loro cappelle o case di culto.

La didascalia della foto dice: "Siamo chiamati dal Signore Dio a servirLo nel Corpo o nella Chiesa di Cristo. Dobbiamo adorarLo nella casa in cui abita il Suo Spirito, come la moderna casa di culto nella foto sopra."

Ancora una volta, questo non è vero! Questo è contro ciò che l'apostolo Paolo disse. San Paolo disse che Dio non abita nei templi fatti con le mani (Atti 17:24). Invece, Dio dimora nel cuore dell'uomo.

L'apostolo Paolo disse ai fratelli: "Non sapete voi che siete il tempio di Dio, e che lo Spirito di Dio abita in voi?" (1 Corinzi 3:16, IRL) Non disse: "Non sapete che abbiamo un tempio a Diliman e lo Spirito di Dio abita lì?” NO! Dire che lo Spirito di Dio abita nella loro cappella è contro la Bibbia!

Forse sono l'unico predicatore che ha prove delle bugie e degli insegnamenti contraddittori dell'INC. Ho dei ritagli di giornale raccolti da fra. Nicolas Perez, e in seguito mi furono affidati; e ho anche copie della loro rivista Pasugo del 1939. Uso tutti questi riferimenti per esporre le loro dottrine non bibliche per illuminare le menti delle persone in modo che non vengano più ingannate. Ecco perché loro sono molto arrabbiati con me e usano le loro risorse e connessioni non solo per screditarmi, ma anche per zittirmi.

Ma la mia battaglia non è una battaglia carnale. La mia battaglia è di sostenere la verità che insegna la Bibbia. E con l'aiuto di Dio, sono disposto a combattere questa battaglia fino alla fine.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

Perché Alcune Persone Vivono a lungo e In Pace?


Oggi viviamo in un'era in cui possiamo dire che la malvagità dell'uomo è aumentata a un certo livello mai immaginato prima. Stando così le cose, una persona normale a volte chiede perché Dio permetta ancora ai malfattori di vivere molto più a lungo. Perché non li annienta o li cancella dalla faccia della Terra? E invece di loro, perché non permettere ai giusti di prosperare e godersi una vita lunga e tranquilla?

Se facciamo riferimento alla Bibbia, Salmi 90:10 (IRL) menziona la possibile durata della vita di una persona. Dice:

I giorni de' nostri anni arrivano a settant'anni; o, per i più forti, a ottant'anni; e quel che ne fa l'orgoglio, non è che travaglio e vanità; perché passa presto, e noi ce ne voliam via.

Una persona può vivere fino all'età di settanta o ottanta anni, a seconda della sua forza corporea.

Ma a parte la forza fisica, un altro fattore che contribuisce alla lunga vita di una persona è il suo timore per Dio.

Come scritto in Proverbi 10:27 (IRL):

Il timor dell'Eterno accresce i giorni ma gli anni degli empi saranno accorciati.

Pertanto, Dio può prolungare la vita di una persona se teme Dio.

Tuttavia, questo non è sempre il caso. Non tutti coloro che godono una lunga vita sono persone timorate di Dio. Ci sono anche casi in cui Dio lascia vivere i malvagi più a lungo perché dà loro la possibilità di pentirsi e di cambiare cosicché abbiano anche loro una possibilità di salvezza. Dio non toglie loro ancora la vita nonostante la loro malvagità perché vuole che si ravvedano.

Ora, se ci sono persone malvagie che vivono a lungo, ci sono anche persone rette e giuste che muoiono giovani. Nella Bibbia ci sono persone giuste che morirono presto come Giovanni Battista e il Signore Gesù Cristo, che morirono entrambi prima di raggiungere i trentaquattro anni; lo stesso vale per l'apostolo Giacomo, anch'egli morì giovane.

Ma a parte queste personalità bibliche, siamo anche a conoscenza di storie di ragazzi innocenti che muoiono nei grembi delle loro madri; altri muoiono durante l'infanzia a causa di malattie congenite o talvolta a causa della negligenza e della crudeltà di altre persone.

La domanda che molti si pongono è: perché Dio permette la morte prematura dei giusti e degli innocenti?

Isaia 57:1 (IRL) dice:

Il giusto muore, e nessuno vi pon mente; gli uomini pii sono tolti via, e nessuno considera che il giusto è tolto via per sottrarlo ai mali che vengono.

Ci sono volte in cui Dio toglie abbastanza presto la vita di una persona buona o giusta per salvarla dal male che verrà dopo. Apparentemente, questo è il gesto di compassione e misericordia di Dio nei suoi confronti, poiché non vuole che sia colpita o corrotta dal male che sta per arrivare.

D'altra parte, Dio estende o prolunga la vita di coloro che Gli sono disobbedienti perché sta dando loro la possibilità di pentirsi e cambiare, il che è anche un gesto del Suo amore e della Sua misericordia nei loro confronti.

2 Pietro 3:9 (IRL) dice:

Il Signore non ritarda l'adempimento della sua promessa, come alcuni reputano che faccia; ma egli è paziente verso voi, non volendo che alcuni periscano, ma che tutti giungano a ravvedersi.

Dio non vuole che nessuno perisca, ecco perché dà ai malvagi la possibilità di ravvedersi per essere salvati.

Dobbiamo sempre ricordare che Dio è amore; è giusto e misericordioso. Se togliesse presto la vita a una persona giusta, o prolungasse la vita di una persona malvagia, possiamo essere certi che ci sia una ragione valida dietro ciò. E non spetta a noi mettere in discussione la Sua discrezione. Ma possiamo essere certi che qualunque sia la Sua decisione, è sempre indotta dalla giustizia, amore e misericordia.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

I Bambini Dovrebbero Essere Grati ai Loro Genitori


Perché alcuni bambini non riconoscono i sacrifici fatti dai loro genitori? Perché molti di loro non hanno nemmeno un senso di gratitudine?

Avere figli non riconoscenti e ingrati è qualcosa che fa pensare ai genitori di essere un fallimento in ciò che hanno fatto e che quello che fanno non sono ancora sufficienti.

Nella vita ci sono alcune realtà che dobbiamo accettare. Primo, non puoi davvero piacere a tutti, e secondo, non tutti hanno un senso di gratitudine.

Dobbiamo accettare il fatto che mentre ci sono persone che riconoscono e danno importanza a ogni favore e buona azione fatto a loro, ci sono anche quelli che non mostrano mai gratitudine e apprezzamento, anche se dai loro tutto ciò che hai. Perché? O non sono ancora soddisfatti di ciò che hai fatto e dato loro, oppure sono semplicemente ingrati.

Una canzone filippina fa, “Kahit konting pagtingin kung manggagaling sa‘yo ay labis ko nang ligaya dahil sa ikaw ay mahal ko.” [Anche un pochino di amore che verrà da te mi darà gioia immensa perché ti amo.]

Per qualcuno che ama, anche una piccola quantità d'amore proveniente dalla persona amata è sufficiente per renderlo felice. Quella piccola quantità di amore è molto apprezzata. Allo stesso modo, per i genitori che amano profondamente i loro figli, un semplice gesto di apprezzamento per quell'amore, proveniente dai figli, è abbastanza per illuminare la loro giornata, perché quel semplice gesto di apprezzamento manifesta che anche loro li amano.

Se entrambe l'amore e la gentilezza vengono date a qualcuno che ti ama, sicuramente quella persona le apprezzerebbe. E sicuramente anche quella persona ricambierà, nel senso che sarai amata e la tua gentilezza sarà valorizzata.

Quindi, se i tuoi figli ti amano, non daranno per scontato ogni atto di gentilezza, grande o piccolo, così come ogni tuo gesto d'amore. Invece, ti saranno sempre riconoscenti e grati. E ti daranno amore e ti mostreranno gentilezza in cambio.

Ma se i tuoi figli non ricambiano l'amore che dai loro, se non ti mostrano gratitudine e apprezzamento per tutte le cose buone che hai fatto loro, significa solo che non ti amano.

È una realtà triste, ma in realtà ci sono persone per natura ingrate.

LUCA 6:35 (IRL) dice:

Ma amate i vostri nemici, e fate del bene e prestate senza sperarne alcun che, e il vostro premio sarà grande e sarete figliuoli dell'Altissimo; poich'Egli è benigno verso gl'ingrati e malvagi.

La riconoscenza è una manifestazione di gratitudine. Quindi, essere irriconoscenti significa essere ingrati e non potrai mai accontentare persone di questo tipo.

Tuttavia, Dio ci ha comandato di essere riconoscenti.

COLOSSESI 3:15 (IRL) dice:

E la pace di Cristo, alla quale siete stati chiamati per essere un sol corpo, regni nei vostri cuori; e siate riconoscenti.

È molto importante che mostriamo gratitudine anche per i più piccoli atti di gentilezza resi a noi. Se hai un senso di gratitudine, se hai amore per gli altri, specialmente per i tuoi genitori, non mancherai mai di riconoscere le loro buone azioni e sacrifici.

Ascoltare una madre lamentarsi per l'ingratitudine di suo figlio è qualcosa che mi punge davvero il cuore perché so quanto una madre sacrifica per suo figlio.

Fin dalla mia infanzia, ho sofferto di asma. Ricordo che ogni volta che avevo attacchi di asma mia madre faceva di tutto per alleviare la mia sofferenza. Mi passava le mani sulla schiena mentre io ansimavo per respirare; ed era sempre al mio fianco, vegliava su di me. Le sarò per sempre grato per il suo amore e i suoi sacrifici.

Ecco perché provo compassione per le madri i cui figli non mostrano loro alcuna gratitudine. Implica che i loro figli non li amano abbastanza.

Ho anche figli e nipoti, quindi conosco la gioia per un genitore se le sue buone azioni vengono apprezzate. Ogni genitore vuole dare tutto ciò che il suo amato figlio o figlia desidera, a tal punto che a volte, per acquistarlo, deve fare alcuni sacrifici come mettere da parte i suoi bisogni personali. A volte, anche se desidera ardentemente un determinato cibo, non lo compra perché risparmia i soldi per ciò che desidera suo figlio.

Purtroppo, alcuni bambini non si rendono conto dei sacrifici che i loro genitori devono fare, specialmente le loro madri, solo per renderli felici.

È davvero deludente vedere bambini che sembrano aver dimenticato e stanno dando per scontato le difficoltà delle loro madri nel crescerli. Non riconoscono le notti insonni delle loro madri, che monitorano le loro condizioni, ogni volta che erano malati e le notti in cui le loro madri dovevano svegliarsi anche durante le ore piccole solo per dar loro da mangiare quando erano ancora neonati. E soprattutto i travagli che le madri hanno passato durante la gravidanza fino al giorno in cui hanno dato alla luce i loro figli, dove durante quel periodo le loro vite erano in pericolo.

E ciò che è molto demoralizzante è che quando crescono diventano persino irrispettosi.

Se ti capita di essere uno di questi bambini che difficilmente mostrano amore e gratitudine ai loro genitori, ti consiglio di cambiare. Ama i tuoi genitori mentre ne hai ancora l'opportunità. Non aspettare il momento in cui li inonderesti d'amore, ma non sono più in grado di sentirlo. Ora è il momento giusto per farli sentire quanto sono importanti per te.

Ma i bambini di questo tipo non sono ancora un caso senza speranza. C'è ancora una grande possibilità che cambieranno in meglio. Da essere irrispettosi, disobbedienti, ingrati, egoisti e indifferenti, possono ancora diventare bambini rispettosi, obbedienti, riconoscenti e amorevoli. Come? Se solo i loro genitori introdurranno loro alla parola di Dio e agli insegnamenti del Signore Gesù Cristo il prima possibile. La parola di Dio può fare miracoli; può facilmente modellare e affinare il carattere dei bambini.

Ascoltando gli insegnamenti di Dio e del Signore Gesù Cristo, con l'aiuto di Dio, questi bambini realizzeranno il loro grande debito verso i loro genitori e il modo giusto di trattarli. Svilupperanno un senso di gratitudine e apprezzeranno maggiormente i sacrifici dei loro genitori.

E soprattutto diventeranno grati e riconoscenti non solo ai loro genitori ma anche a Dio.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

Il Segno della Croce: Una Pratica Cattolica Senza Base Biblica


I membri della Chiesa cattolica si distinguono dai membri di altre denominazioni religiose per la loro aderenza non solo al culto dell'idolo, ma anche a determinati rituali e pratiche di cui essi stessi non hanno una chiara comprensione. Un esempio di questo è il segno della croce.

Perché i cattolici fanno il segno della croce? Cos’è il segno della croce?

Prima di tutto, vorrei chiarire che fare il segno della croce non è un comandamento di Dio. I cattolici non dovrebbero nemmeno farlo perché è sbagliato.

Secondo il libro sul catechismo della Chiesa cattolica, fare il segno della croce è una preghiera per la liberazione dai loro nemici.


Dice,

Che il Segno della Santa Croce
Sia un nostro scudo, Signore nostro Dio
contro i nostri nemici
Nel nome del Padre, e del Figlio,
E dello Spirito Santo. Amen

Un altro libro cattolico, Discourses on the Apostle's Creed (Discorsi sul Credo degli Apostoli), ha persino sottolineato il formidabile potere del segno della croce.


Dice,

E Santa Teresa afferma che Satana non aveva alcun potere sulla croce, né su alcun oggetto su cui sia stato tracciato il segno della croce. È l'arma più forte e potente del cristiano contro Satana.

Dicevano che, secondo Santa Teresa, l'arma più potente per conquistare satana è il segno della croce perché lui (satana) non ha potere sulla croce e su altri oggetti su cui è stato tracciato il segno della croce.

La domanda è: chi è questa Santa Teresa di cui stavano parlando? Non era nemmeno una predicatrice di Cristo! Eppure la Chiesa cattolica confida in ciò che ha detto.

Tuttavia, i membri della Chiesa cattolica sembrano essere confusi su quando dovrebbero fare il segno della croce e quale dovrebbe essere il loro intento nel farne uno.

Praticamente in tutte le occasioni, vedete i cattolici fare il segno della croce. Ogni volta che percepiscono un pericolo in agguato o quando sentono la presenza di uno spirito malvagio, fanno il segno della croce. Ogni volta che sono terrorizzati dal fragore di tuoni e dal lampo di fulmini, o ogni volta che sono spaventati dai fantasmi, fanno anche il segno della croce perché vogliono essere liberati dal pericolo incombente.

Ora, se fare il segno della croce significa che stanno pregando per la loro liberazione dal nemico e si tratta di un'arma molto potente contro satana, come affermato nei loro libri, perché i cattolici fanno anche il segno della croce ogni volta che vedono la statua di Maria, o all'interno della chiesa o durante le processioni? Significa che Maria è la loro nemica e stanno pregando per essere liberate da lei?

Perché fanno il segno della croce ogni volta che passano vicino a una chiesa? I servi di satana sono lì e vogliono essere liberati da loro? Anche il nemico è lì?

Prima di mangiare, fanno anche il segno della croce. Perché? Il diavolo è anche nel cibo che stanno per mangiare?

Quel che è peggio è che il segno della croce viene fatto anche da persone che fanno cose cattive. Fanno il segno della croce, non per pregare per la liberazione dal male, ma per il successo nell'esecuzione dei loro atti malvagi.

Un ladro fa il segno della croce prima di derubare una certa famiglia.


Nelle partite di boxing, un pugile, il cui obiettivo finale è quello di dare pugni mortali all'avversario, fa anche il segno della croce prima che inizi il combattimento. E quando finalmente mette fuori combattimento il suo avversario, fa un altro segno della croce. In tale occasione, come interpreterete il segno della croce del pugile?

Un borseggiatore che è riuscito a rubare il contenuto di una borsa da donna ha anche fatto il segno della croce prima di fuggire.


Il segno della croce è davvero una preghiera per la liberazione dal male? Se è così, perché i cattolici fanno il segno della croce anche di fronte a ciò che considerano santo e sacro, come le chiese e le statue di Maria e degli altri loro santi? Perché fanno il segno della croce prima e dopo aver fatto atti illeciti? Oppure, il segno della croce è un'espressione di gioia e gratitudine per aver compiuto con successo un atto malvagio?

Amati cattolici, sto richiamando la vostra attenzione. Per favore, provate a meditare su tutte queste cose. Sono sicuro che capite il punto a cui sto cercando di arrivare. Non dimenticate, fare il segno della croce non è un comandamento di Dio. CHE DIO VI BENEDICA!

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

Credere al Paradiso sulla Terra? Devi Essere Ingannato


È evidente che le persone di diverse religioni hanno un'idea molto vaga, a volte strana e illogica, di dove siano il Cielo o il Paradiso. Alcuni pensano che il Paradiso sia proprio qui sulla terra, mentre altri presumono che sia altrove.

Sicuramente, coloro che credono che il Cielo e il Paradiso siano proprio qui sulla terra si sbagliano gravemente. Possiamo dire che una tale credenza potrebbe essere un prodotto della loro immaginazione folle o un semplice risultato dei falsi insegnamenti che hanno sentito dai loro rispettivi predicatori che ignorano la Bibbia.

Per favore, non credete alle storie inventate di queste persone sul paradiso. Credete invece in ciò che dice la Bibbia. La Bibbia è affidabile; è precisa, completa e definita.

In realtà, nonostante i tentativi di alcune persone di screditare la Bibbia, nessuno è ancora riuscito a smentirla. Scienza, archeologia e storia hanno dimostrato che la Bibbia è autentica e parla della verità. È perché è venuto da Dio.

In effetti, la Bibbia menziona che il Cielo esiste.

GENESI 1:6-8 (IRL) dice:

6 Poi Dio disse: 'Ci sia una distesa tra le acque, che separi le acque dalle acque'.
7 E Dio fece la distesa e separò le acque ch'erano sotto la distesa, dalle acque ch'erano sopra la distesa. E così fu.
8 E Dio chiamò la distesa 'cielo'. Così fu sera, poi fu mattina: e fu il secondo giorno.

Il firmamento a cui si fa riferimento nei versetti sopra è il cielo che conosciamo; è il vasto spazio che vediamo sopra. Ma dobbiamo capire che ci sono tre cieli nella Bibbia e il più alto di questi tre è il terzo cielo, che chiamiamo Paradiso.

Il paradiso nel terzo cielo fu attestato dall'apostolo Paolo.

2 CORINZI 12:2, 4 (IRL) dice:

2 Io conosco un uomo in Cristo, che quattordici anni fa (se fu col corpo non so, né so se fu senza il corpo; Iddio lo sa), fu rapito fino al terzo cielo.
4 Iddio lo sa) fu rapito in paradiso, e udì parole ineffabili che non è lecito all'uomo di proferire.

L'apostolo Paolo fu rapito (in spirito) al terzo cielo, dove si trova il Paradiso. È lo stesso regno che è stato promesso dal Signore Gesù Cristo a coloro che saranno salvati. La Bibbia la chiama anche la Nuova Gerusalemme. E non è qui sulla terra!

Non c'è verità nell'affermazione di Apollo Quiboloy secondo cui la Nuova Gerusalemme è a Davao. Quello non è vero; non credetegli!

Ma molto prima che Quiboloy facesse quella stupida affermazione, altre religioni come i Testimoni di Geova avevano già ingannato molte persone sul fatto che il Paradiso fosse qui sulla terra.

Quella è una bugia! Il Paradiso è nei cieli; è il luogo in cui si trova il trono di Dio.

APOCALISSE 22:1-2 (GD) dice:

1 Poi egli mi mostrò un fiume puro d'acqua di vita, chiaro come cristallo, il qual procedeva dal trono di Dio, e dell'Agnello.
2 In mezzo della piazza della città, e del fiume, corrente di qua e di là, v'era l'albero della vita, che fa dodici frutti, rendendo il suo frutto per ciascun mese; e le frondi dell'albero sono per la guarigione delle genti.

Quando Giovanni fu catturato fino al terzo cielo, vide il trono di Dio, da dove scorreva un fiume puro d'acqua di vita. Vide anche che dall'altra parte del fiume v’era l’albero della vita.

Secondo l’APOCALISSE 2:7 (IRL), l'albero della vita è in Paradiso.

Chi ha orecchio ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese. A chi vince io darò a mangiare dell'albero della vita, che sta nel paradiso di Dio.

Molto chiaramente, dal racconto dato da Giovanni, il trono di Dio, l'albero della vita e il fiume dell'acqua della vita sono tutti in Paradiso.

Gli essere umani sono in grado di determinare quanto sono alti i cieli?

ISAIA 55:8-9 (IRL) dice:

8 Poiché i miei pensieri non sono i vostri pensieri, né le vostre vie sono le mie vie, dice l'Eterno.
9 Come i cieli sono alti al di sopra della terra, così son le mie vie più alte delle vostre vie, e i miei pensieri più alti dei vostri pensieri.

I cieli sono più alti della terra, secondo la parola di Dio. Questa affermazione è qualcosa che non è stato smentito da nessuno fino ad oggi. In effetti, fino ad ora, nonostante i sofisticati strumenti scientifici, nessun scienziato ha mai escogitato cifre esatte che indichino quanto sia alto il paradiso dalla terra. Anche il telescopio spaziale Hubble non è riuscito a misurare la distanza del cielo dalla terra, nemmeno il telescopio spaziale James Webb (JWST) che è un telescopio molto potente in quanto può raggiungere fino a 13 miliardi di anni luce dalla terra.

Dio disse: "Come i cieli sono alti al di sopra della terra, così son le mie vie più alte delle vostre vie, e i miei pensieri più alti dei vostri pensieri." Ecco perché finora nessuno ha mai raggiunto il cielo.

Il cielo e il paradiso non sono in questo mondo. Ricordate cosa disse il ladro al Signore Gesù Cristo mentre entrambi soffrivano sulla croce? Il ladro disse: ". . . Signore, ricordati di me, quando sarai venuto nel tuo regno." (LUCA 23:42, GD)

Se fosse vero che il Paradiso è qui sulla terra, perché il ladro dovrebbe ancora chiedere a Cristo di ricordarlo quando verrà nel Suo regno o in Paradiso?

Se fosse vero che il Paradiso è qui sulla terra, allora, il Signore Gesù Cristo avrebbe dovuto correggere l'espressione del ladro. Avrebbe dovuto dire al ladro: "Non preoccuparti, siamo già entrambi in Paradiso".

Ma invece, il Signore Gesù Cristo rispose al ladro ". . .Io ti dico in verità che oggi tu sarai meco in paradiso." (LUCA 23:43, IRL)

Ciò dimostra chiaramente che il Paradiso è in un altro posto. È da qualche parte al di fuori di questo mondo.

Per non essere fuorviati, credete nella parola di Dio. Non credete ai Testimoni di Geova; non credete a Quiboloy. Il Paradiso, o la Nuova Gerusalemme, non è qui su questa terra, e tanto meno, non è a Davao. Questa è una grande menzogna.

Non prendete in considerazione storie incongrue sul Cielo o sul Paradiso, inventate da falsi profeti. È meglio credere in Dio e nelle Sue parole, che sono riportate nella Bibbia. Se lo fate, non sarete mai ingannati e non sbaglierete mai. E soprattutto, non crederete mai che il Paradiso sia qui sulla Terra perché la Bibbia ci dice che è nel terzo cielo.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

Quanto Presto è la Venuta Imminente di Gesù Cristo


Dalle cose che sono osservabili in natura, come le stagioni, siamo avvertiti di certe eventualità. Ogni stagione è un indicatore di ciò che verrà.

Quindi, se vuoi scoprire quando verrà il Signore Gesù Cristo, puoi anche fare riferimento alle stagioni e ti verranno forniti segni chiari.

MATTEO 24:32-33 (IRL) dice:

32 Or imparate dal fico questa similitudine: Quando già i suoi rami si fanno teneri e metton le foglie, voi sapete che l'estate è vicina.
33 Così anche voi, quando vedrete tutte queste cose, sappiate che egli è vicino, proprio alle porte.

Le stagioni danno segni. Quindi è importante che siamo in grado di leggere e comprendere i segni che rivelano.

Ad esempio, nelle Filippine, cresce un certo albero da frutto chiamato "siniguelas". Se vuoi scoprire quando l'albero delle "siniguelas" porterà frutti, devi essere attento ai cambiamenti che avvengono nell'albero. Il primo segno che vedrai è che l'albero sta perdendo le sue foglie. Quando l'albero sarà praticamente spoglio delle foglie, in seguito farà crescere fiori che appassiranno dopo un certo periodo di tempo. E una volta che i fiori si saranno completamente seccati, appariranno i frutti.

Nei paesi che vivono le quattro stagioni, le persone vedono anche segni dati dalla natura che dicono loro l'imminenza di una stagione particolare.

Ad esempio, prima che arrivi l'inverno, le foglie degli alberi cambiano colore; dal verde, diventano gialle e marroni. Dopo qualche tempo, appassiscono e cadono. In altre parole, la stagione autunnale segna l'inizio di un'altra stagione che è l'inverno. E dopo l'inverno arriva la primavera, in cui la germinazione di nuove foglie è uno dei segni da vedere; e dopo la primavera arriva l'estate.

Lo stesso principio si applica alla venuta del Signore Gesù Cristo. Quando Lui starà per venire, non dobbiamo solo osservare i segni nella natura, ma anche prendere nota delle cose che stanno accadendo intorno a noi. Cristo ha citato eventi specifici che sicuramente accadranno e che sicuramente non sfuggiranno alla nostra attenzione. E una volta che li vediamo, dobbiamo capire che quelli sono segnali della Sua venuta.

Cosa sono quelli?

MATTEO 24:6-8 (IRL) dice:

6 Or voi udirete parlar di guerre e di rumori di guerre; guardate di non turbarvi, perché bisogna che questo avvenga, ma non sarà ancora la fine.
7 Poiché si leverà nazione contro nazione e regno contro regno; ci saranno carestie e terremoti in varî luoghi;
8 ma tutto questo non sarà che principio di dolori.

Il Signore ci ha fornito molti segni come guerre e rumori di guerre, conflitti tra nazioni e regni, carestie e pestilenze che infetteranno umani e animali.

E tutte queste cose stanno già accadendo in questa dispensazione sebbene, forse, non ancora ai massimi livelli, ma ciò nonostante stiamo assistendo al modo in cui queste cose vengono ora realizzate.

Oggi gli umani sono esposti a diversi tipi di pestilenze fatali per l'umanità. Ad esempio, ora ci sono malattie che provengono da animali come l'influenza aviaria; c'è anche il virus Ebola che ha avuto origine in Africa. E secondo gli scienziati, il virus Ebola proviene dal sangue dei pipistrelli e questo virus è stato acquisito perché alcuni africani mangiano i pipistrelli.

A parte questi, c'è anche l'epatite B, C e D, l'AIDS e molti altri.

Altri segni comprendono la carestia, i terremoti in diversi luoghi e la rivolta di nazioni contro le altre nazioni.

E poiché ora stiamo vedendo come accadono questi eventi nel nostro tempo, possiamo dire che per la Sua venuta non ci vorrà molto.

Dato che siamo stati predetti dei segni della Sua venuta, come cristiani coscienziosi, dobbiamo fare in modo che prima che arrivi quel giorno, dobbiamo aver fatto i preparativi necessari. Assicurati di aver fatto tutto ciò che devi fare per essere sicuro della tua salvezza. Assicurati di trascorrere la tua vita al servizio di Dio.

ECCLESIASTE 12:3 (IRL) dice:

Ma ricordati del tuo Creatore nei giorni della tua giovinezza, prima che vengano i cattivi giorni e giungano gli anni dei quali dirai: 'Io non ci ho più alcun piacere';

È meglio che inizi a servire Dio mentre sei ancora giovane. Rispettare la Sua volontà; seguire i Suoi comandamenti.

ECCLESIASTE 12:13 (ND) dice:

Ascoltiamo dunque la conclusione di tutto il discorso: «Temi DIO e osserva i suoi comandamenti, perché questo è il tutto dell'uomo».

Sviluppa il timore in Dio e l'obbedienza ai Suoi comandamenti. In realtà, l'unico servizio che puoi rendere a Dio è seguire i Suoi comandamenti. Ed è nel tuo adempimento dei Suoi comandamenti che meriterai la salvezza.

ECCLESIASTE 12:14 (ND) dice:

Poiché DIO farà venire in giudizio ogni opera, anche tutto ciò che è nascosto, sia bene o male.

Dio giudicherà l'umanità. Ha un tempo fissato per questo; è inevitabile. Quindi, se ti preoccupi della tua salvezza, servi Dio; e servire Dio significa obbedire ai Suoi comandamenti. Se stai spendendo la tua vita al servizio di Dio, se stai rispettando le Sue parole, hai una grandissima possibilità di salvezza.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

Ti Senti Senza Speranza? Prega per la Provvidenza Divina


Una persona che prova un profondo sentimento di disperazione perché non è riuscito a trovare una soluzione ai suoi problemi o non è in grado di far fronte alle difficoltà che sta attraversando, pensa che togliersi la vita o suicidarsi sia l'unico modo per uscire dalla situazione.

Poiché il numero di casi di suicidio in tutto il mondo continua ad aumentare, non si può fare a meno di preoccuparsi. Una delle principali preoccupazioni di molte persone è focalizzata sull'inevitabile conseguenza del suicidio. Vogliono scoprire se c'è ancora perdono che attende i suicidi, o se hanno ancora una possibilità di salvezza, o se sono già condannati a soffrire all'inferno per l'eternità.

Se mi chiedessero cosa ci aspetta per coloro che si sono suicidati, mi dispiace ma non sono in grado di giudicare. In primo luogo, non li conosco; non so cosa gli passasse per la testa; non conosco le circostanze che hanno attraversato; praticamente non ne so nulla. Ma soprattutto, la Bibbia non mi dà alcun diritto di giudicare su di loro; invece, la Bibbia ha proibito alla vera Chiesa di Dio di giudicare coloro che sono al di fuori della sua giurisdizione.

1 CORINZI 5:13 dice:

Que' di fuori li giudica Iddio. Togliete il malvagio di mezzo a voi stessi.

È Dio che giudica coloro che sono al di fuori della Chiesa di Dio, secondo la Bibbia. Per cui, è meglio affidare la maggior parte dei suicidi al giudizio di Dio.

Se una persona che ha commesso un atto discutibile, per esempio, è un membro della Chiesa di Dio, sarei in grado di prendere una decisione o un giudizio prudente sul suo caso perché, noi, nella Chiesa, abbiamo i registri dell'obbedienza dei fratelli alle dottrine di Cristo, come la loro partecipazione ai nostri raduni della congregazione e il modo in cui vivono le loro vite.

Tra i membri della Chiesa di Dio esiste un'autentica cura reciproca. Se disobbediscono agli insegnamenti del Signore Gesù Cristo, se conducono una vita ribelle, vengono riferiti all'amministrazione della Chiesa. E se qualcuno è stato segnalato per la sua disobbedienza o misfatto, la sua attenzione viene immediatamente richiamata. Questo non è per renderlo un argomento di ridicolo e gossip, ma per essere corretto o ricevere un'azione disciplinare, se necessario. Questo perché non vogliamo che nessuno dei fratelli si smarrisca o continui a fare cose contrarie alla volontà di Dio.

Se non viene fatta alcuna lamentela su un particolare membro, significa che quel membro rispetta fedelmente le dottrine di Cristo. E se dico che ha una grande possibilità di salvezza, non violerei la parola di Dio in quanto è uno di noi nella Chiesa; non è un estraneo.

Ogni volta che un membro dà voce a una denuncia o un'accusa, nei confronti di un altro membro, l'amministrazione della Chiesa lo affronta secondo le disposizioni contenute nella Bibbia.

1 TIMOTEO 5:19 dice:

Non ricevere accusa contro un anziano, se non sulla deposizione di due o tre testimoni.

La semplice accusa non è abbastanza. Il reclamo o l'accusa dovrebbe essere attestato da almeno due o tre testimoni.

In realtà, ci sono fratelli che sono stati nella Chiesa per molto tempo e ancora, nulla di negativo è stato riportato su di loro.

TITO 1:6-7 dice:

6 quando si trovi chi sia irreprensibile, marito d'una sola moglie, avente figliuoli fedeli, che non siano accusati di dissolutezza né insubordinati.
7 Poiché il vescovo bisogna che sia irreprensibile, come economo di Dio; non arrogante, non iracondo, non dedito al vino, non manesco, non cupido di disonesto guadagno,

Ci sono membri che non trasgrediscono la legge di Cristo. Di conseguenza, non sono mai stati soggetti ad alcuna azione disciplinare.

Perché sto citando questo? Questo è solo per mostrarti che, nella Chiesa di Dio, giudichiamo solo quelli che sono in mezzo a noi. Siamo in grado di esprimere un giudizio sui nostri fratelli e sorelle erranti perché abbiamo una base per farlo. Basiamo sempre la nostra decisione su prove documentali e testimoniali. Ma non lo facciamo a coloro che sono al di fuori della Chiesa di Dio perché, secondo la Bibbia, è Dio che li giudica.

Questo è il motivo per cui non posso dare una risposta categorica sul fatto che una persona che si è suicidata possa ancora essere perdonata ed essere salvata o se è già stata condannata, perché non fa parte della nostra organizzazione.

I fratelli nella Chiesa di Dio sono istruiti sull'essenza della vita e sul fine ultimo dell'esistenza umana. Inoltre, instillata nei loro cuori è la paura in Dio. Questo è il motivo per cui posso affermare coraggiosamente che nessun membro fedele di questa organizzazione penserebbe mai di togliersi la vita, non importa quanto grandi siano le probabilità. I nostri fratelli possono essere poveri in termini di cose materiali ma sono pieni di speranza.

Come sappiamo, il suicidio deriva da un forte sentimento di disperazione, proprio come quello che fu vissuto da Giuda Iscariota. Vedendosi in una situazione molto disperata dopo aver tradito il Signore Gesù Cristo, Giuda Iscariota si impiccò.

La Bibbia ha una storia di persone che si suicidarono per la disperazione a causa della loro disobbedienza a Dio. A parte Giuda Iscariota, anche Saul, il re di Israele, si suicidò dopo che Dio lo aveva condannato per essere ribelle.

I resoconti biblici ci mostrano che le persone che si suicidarono furono tutte malvagie e disubbidienti a Dio.

Ma se obbedirai a Dio, non ti deprimerai mai, non perderai mai la speranza e non penserai mai di suicidarti.

Finché una persona vive, è naturale che sperimenti fallimenti e problemi che a volte sono deprimenti. Tuttavia, Dio ci insegna un modo per affrontare le nostre preoccupazioni e problemi quotidiani.

FILIPPESI 4:6-7 dice:

6 Il Signore è vicino. Non siate con ansietà solleciti di cosa alcuna; ma in ogni cosa siano le vostre richieste rese note a Dio in preghiera e supplicazione con azioni di grazie.
7 E la pace di Dio che sopravanza ogni intelligenza, guarderà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù.

Non essere depresso; non essere in ansia per nulla. Tutto ciò che devi fare è pregare e la pace di Dio, che supera ogni comprensione, manterrà i vostri cuori e i vostri pensieri attraverso Cristo Gesù.

Con questa dichiarazione biblica molto confortante, come penserai mai di ucciderti? Sebbene si dica che la depressione sia uno dei fattori di rischio per il suicidio, le preghiere potrebbero contrastare tale rischio. Le preghiere potrebbero essere il nostro potente antidoto alla depressione; e le preghiere potrebbero contrastare i pensieri suicidi.

Spero tu capisca perché non voglio giudicare coloro che si sono suicidati. È perché Dio ci proibisce di giudicare coloro che sono al di fuori della Chiesa di Dio.

Non siamo come la chiesa di Manalo che ha condannato tutti coloro che sono fuori la loro chiesa. Il leader precedente di quella chiesa, Eraño Manalo, aveva formulato dichiarazioni in cui non vi è salvezza al di fuori della loro chiesa e che coloro che sono fuori la loro chiesa non saranno mai eredi del cielo perché sono già condannati a soffrire nel lago di fuoco.


“ALAM KO NA MARAMI PONG HINDI SANG-AYON SA MGA KAIBAYO NATIN SA PANANAMPALATAYA. HINDI SILA PAPAYAG, IGLESIA NI CRISTO LANG ANG TAGAPAGMANA! HINDI SILA PAPAYAG, TAYO LANG ANG TINUBOS! EH PERO, MGA KAPATID, MAY KATUBUSAN HO BA SA LABAS? KAYA HINDI PWEDE, MAGMANA NGA SA LABAS NG IGLESIA. . . PANO KA PAGMAMANAHIN EH SENTINSYADO KA SA APOY!”

Tradotto:
"SO CHE MOLTI, CONTRO LA NOSTRA FEDE, NON ACCETTERANNO. NON SARANNO D’ACCORDO, CHE SOLO LA CHIESA DI MANALO SARÀ L’EREDITARIO! NON SARANNO D’ACCORDO, CHE SAREMO SOLO NOI GLI EREDI! MA FRATELLI, CHI È FUORI HA REDENZIONE? PER CUI NON È POSSIBILE, CHE CHI È FUORI LA CHIESA EREDITI...COME POTRAI EREDITARE SE SEI GIÀ CONDANNATO?"

Tale pronuncia particolare si rifletteva anche in un articolo scritto da Eduardo Manalo nella loro pubblicazione ufficiale, Pasugo, giugno 1976, pagina 9) in cui diceva anche che coloro che si trovano fuori la loro chiesa non saranno salvati.


Giudicare anche coloro che sono al di fuori della tua giurisdizione manifesta grave crudeltà ed è una vera e propria sfida alla parola di Dio.

In realtà, la chiesa di Manalo ha anche accusato la chiesa cattolica e le diverse chiese protestanti di essere di satana.


Mi rifiuto di giudicare coloro che sono fuori la Chiesa perché è Dio che li giudicherà.

Voglio ribadire che, nella Bibbia, coloro che si sono suicidati furono tutti in uno stato di disperazione e furono tutti disobbedienti a Dio. Ma se sei obbediente a Dio, non perderai mai la speranza.

Segui la prescrizione della Bibbia. Ogni volta che i problemi ti assillano, tutto ciò che devi fare è pregare Dio e Lui ti darà pace. Non rendere mai il suicidio un'opzione. Affida a Dio i tuoi problemi e preoccupazioni; puoi sempre contare su di Lui.

Quando senti che tutti ti fraintendono e nessuno si prende cura di te, non dimenticare che c'è Dio che si prende sempre cura e capisce. Non smettere mai di implorare la Provvidenza Divina. AMEN.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.