Della Moralità e Pena di Morte


L'imposizione della pena di morte su alcuni crimini è qualcosa che non è veramente nuovo. In realtà, la pena di morte è uno degli insegnamenti originali della Bibbia; viene da Dio.

Permettetemi di citare alcuni esempi che dimostrerebbero che la pena di morte era già stata attuata fin dal tempo di Mosè e degli israeliti.

Durante quel tempo, chiunque disprezzasse o fosse stato ribelle contro la legge di Mosè sarebbe morto senza pietà sotto due o tre testimoni.

EBREI 10:28 dice:

Uno che abbia violato la legge di Mosè, muore senza misericordia sulla parola di due o tre testimoni.

Disprezzare la legge di Mosè è un reato che veniva penalizzato con la morte, in particolare con la lapidazione.

Tuttavia, se il peccato commesso era qualcosa di molto grave, un'altra forma di pena di morte veniva applicata a quella persona. Sarebbe stato bruciato con il fuoco come scritto in LEVITICO 20:14, che dice:

Se uno prende per moglie la figlia e la madre, è un delitto; si bruceranno col fuoco lui e loro, affinché non si trovi fra voi alcun delitto.

Quindi, se un uomo prende per sua moglie sia la figlia che sua madre allo stesso tempo, tutti loro tre saranno bruciati con il fuoco. Tutti loro saranno uccisi bruciando.

Oltre ad essere bruciati dal fuoco, c'erano quelli che erano appiccati ad un albero. 

DEUTERONOMIO 21:22-23 dice:

22 E quand'uno avrà commesso un delitto degno di morte, e tu l'avrai fatto morire e appiccato a un albero,
23 il suo cadavere non dovrà rimanere tutta la notte sull'albero, ma lo seppellirai senza fallo lo stesso giorno; perché l'appiccato è maledetto da Dio, e tu non contaminerai la terra che l'Eterno, il tuo Dio, ti dà come eredità.

Sulla base dei versetti citati, c'erano diversi modi di eseguire la pena di morte: lapidando, bruciando e appiccando ad un albero.

Ma deve essere chiaro che, se mai avessero imposto la pena di morte in quel periodo, lo stavano facendo sotto la guida di Dio, perché Israele era una nazione teocratica. Nella sua interezza, era stato governato da Dio. Il governo di Israele era guidato da un re o dai profeti come Mosè, o come i giudici che Dio aveva promosso in Israele. Questo è il motivo per cui Israele fu una nazione teocratica. E sotto la forma teocratica del governo di Israele, in cui i profeti di Dio furono guidati dagli angeli per decidere, fu imposta la pena di morte.

Nel nostro tempo attuale, ciò che abbiamo sono nazioni democratiche che sono governate dalle persone. E in una democrazia ciò che prevale è la regola della maggioranza. Quindi, solo da questo aspetto, possiamo già vedere che c'è una grande differenza tra democrazia e teocrazia.

Oggi le nazioni non sono affatto teocratiche, ecco perché è troppo rischioso imporre la pena di morte perché non è più Dio, né gli angeli, né le persone giuste che stanno giudicando un accusato, ma i giudici che sono spesso influenzati dal denaro e potere. È molto spaventoso persino pensare che una persona debba essere uccisa da un plotone di esecuzione, o da una camera a gas, non perché sia realmente colpevole del crimine imputato contro di lui ma perché il giudice è stato corrotto e influenzato dai ricchi e potenti.

Sono favorevole all'applicazione della pena di morte oggi? NO, non lo sono. Il sistema giudiziario di molti paesi oggi è guidato e influenzato da persone empie e, stando così le cose, c'è una grande possibilità che possano arrivare a un verdetto ingiusto ed erroneo.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

Troppo Depresso? Abbi Fiducia e Abbi Fede in Dio


Le cose sfavorevoli o spiacevoli che accadono nella vita, come la perdita di una persona cara, contrarre una malattia grave e incurabile, problemi finanziari, ecc., Se non gestiti correttamente, si ritiene contribuiscano ad aumentare la vulnerabilità di una persona alla depressione.

Le persone che hanno ceduto alla depressione di solito manifestano il pessimismo, una sensazione di tristezza e vuoto, e una bassa autostima che a volte portano a ferirsi e, peggio, a suicidarsi. Non c'è da meravigliarsi se ascoltiamo spesso storie di persone che, nonostante siano ricche e famose, si sono suicidate a causa della depressione. Hanno messo fine alle loro vite perché pensavano che il suicidio, o la morte, fosse la loro unica via di fuga dalla profonda disperazione che provano.

Ma un CRISTIANO, che è un fedele servo di DIO, non soffrirà mai di depressione. Per FEDE, un cristiano può superare tutti i tipi di depressione e tutte le ansie della vita.

FILIPPESI 4:6-7(Giovanni Diodati) ci dice:

6 Non siate con ansietà solleciti di cosa alcuna; ma sieno in ogni cosa le vostre richieste notificate a Dio, per l'orazione e per la preghiera, con ringraziamento.
7 E la pace di Dio, la qual sopravanza ogni intelletto, guarderà i vostri cuori, e le vostre menti, in Cristo Gesù.

Sicuramente, avete familiarità con la storia di Lazzaro, un mendicante che aveva vissuto tutti i tipi di difficoltà durante la sua vita. Forse aveva anche molte preoccupazioni. Non aveva soldi; non aveva niente da mangiare; non aveva una casa propria; gli sono state negate tutte le cose materiali della vita.

LUCA 16:20-22 dice:

20 e v'era un pover'uomo chiamato Lazzaro, che giaceva alla porta di lui, pieno d'ulceri,
21 e bramoso di sfamarsi con le briciole che cadevano dalla tavola del ricco; anzi perfino venivano i cani a leccargli le ulceri.
22 Or avvenne che il povero morì e fu portato dagli angeli nel seno d'Abramo; morì anche il ricco, e fu seppellito.

La morte è inevitabile. Indipendentemente dal fatto che tu sia ricco o povero, educato o analfabeta, sei decretato a morire. L'onore e il prestigio di una persona non lo esentano dal morire. La Bibbia ci dice che la morte fa parte della volontà di Dio per l'uomo.

EBREI 9:27 dice:

E come è stabilito che gli uomini muoiano una volta sola, dopo di che viene il giudizio,

La nostra vita sulla terra ha una fine; moriremo tutti. Ma la Bibbia ci dice che c'è un'altra vita che verrà – c'è la vita eterna.

E forse, Lazzaro sapeva tutto su quello per cui non gli importava di tutte le ansie della vita. Ricordate, oltre alla mancanza di cose materiali, Lazzaro ha sofferto di dolore fisico perché era pieno di piaghe che pure i cani leccavano anche quelle piaghe. Lui tollerò tutto questo fino alla sua morte. Non ci sono documenti che ci dicono che le sue sofferenze erano state alleviate. Morì con le piaghe, morì un mendicante e morì sfortunato.

Ma Lazzaro credette in Dio; lui aveva fede in Dio. Ecco perché, quando morì, fu portato dagli angeli nel seno di Abramo. Significa che avrà una vita eterna in paradiso, proprio come uno dei ladri che fu crocifisso insieme al nostro Signore Gesù Cristo. Anche a lui fu promesso da Cristo il conforto in paradiso.

LUCA 23:42-43

42 E diceva: Gesù, ricordati di me quando sarai venuto nel tuo regno!
43 E Gesù gli disse: Io ti dico in verità che oggi tu sarai meco in paradiso.

La nostra storia non finisce qui sulla terra. Se ti preoccupi di morire, la depressione si insinuerà nel tuo sistema. Ma se guarderai alla morte da una prospettiva diversa, ti preparerai anche a questo e non troverai difficoltà ad accettarlo perché è stabilito che gli uomini muoiano una volta sola.

L'età non è sempre un fattore di morte. Ci sono persone che muoiono nel pieno della loro vita come Giovanni Battista che morì quando aveva circa 33 o 34 anni; allo stesso modo, il Signore Gesù Cristo aveva poco più di 30 anni quando morì.

Tuttavia, c'è qualcosa sul morire che dobbiamo capire.

ISAIA 57:1 dice:

Il giusto muore, e nessuno vi pon mente; gli uomini pii sono tolti via, e nessuno considera che il giusto è tolto via per sottrarlo ai mali che vengono.

Se sei una persona giusta, Dio causerà la tua morte. Dio, che sa tutto, è un Dio amorevole e misericordioso. Potrebbe toglierti la vita prima degli altri per risparmiarti il ​​male che ti verrà in seguito. Quindi, se, ad esempio, ti fosse stata diagnosticata una malattia incurabile e ti fosse stato detto che non avresti vissuto molto a lungo, accettalo perché è la volontà del nostro Creatore. Dio non intende che viviamo sulla terra per sempre. Ci ha promesso un paradiso, un posto molto bello di pace e tranquillità, dove potremmo vivere eternamente con Lui e con il Signore Gesù Cristo.

D'altra parte, se sei una persona terrena e pensi solo alle cose sulla terra, la morte è qualcosa che potrebbe causare disgusto e ansia. Ma non dimentichiamo ciò che Dio ha detto nel libro di Filippesi: "Non siate con ansietà solleciti di cosa alcuna; ma sieno in ogni cosa le vostre richieste notificate a Dio, per l'orazione e per la preghiera, con ringraziamento. E la pace di Dio, la qual sopravanza ogni intelletto, guarderà i vostri cuori, e le vostre menti, in Cristo Gesù." 

La pace di Dio supera la comprensione dei medici, chirurghi, medici che ti hanno detto che i tuoi giorni sono contati. Se hai fiducia in Dio, sarai libero dalle ansie e non intratterrai pensieri suicidi. 

Morire, con la prontezza di affrontare il tuo Creatore, è come laurearsi in un'università con il massimo dei voti. Se sei un credente di Dio e di Cristo, morire è come finire un corso. Pertanto, è qualcosa che non dovremmo temere. Secondo la Bibbia, morire in Cristo significa vivere per sempre. 

Moriremo tutti. So che è qualcosa che molte persone non troveranno facile da accettare. Ma questo è nella Bibbia.

ECCLESIASTE 9:5 dice:

Difatti, i viventi sanno che morranno; ma i morti non sanno nulla, e non v'è più per essi alcun salario; poiché la loro memoria è dimenticata.

Tutti gli uomini viventi hanno un presagio che, un giorno, moriranno. Ma non dovremmo permettere che la paura della morte governi e controlli tutto il nostro essere. Moriremo quando Dio vuole che moriamo. Il Signore Gesù Cristo lo ha garantito in MATTEO 10:29 che dice:

Due passeri non si vendon essi per un soldo? Eppure non ne cade uno solo in terra senza del Padre vostro.

Se i passeri non moriranno senza la volontà del Padre, quanto più gli umani sono più importanti di quei piccoli uccelli! Gli esseri umani, come noi, sono molto importanti per Dio. In Marco 8:36 il Signore Gesù Cristo disse: "E che giova egli all'uomo se guadagna tutto il mondo e perde l'anima sua?" Ovvero, il mondo intero non è abbastanza per te per salvare la tua anima e la tua anima è molto più importante di tutto il mondo.

Nessuno di noi morirà senza la volontà o il consenso del Padre.

Non preoccupiamo le nostre menti con i pensieri della morte. Invece, preoccupiamoci di ciò che verrà dopo la morte. Ci darà la pace della mente e del cuore se moriremo nella fede nel nostro Signore Gesù Cristo.

I cristiani e i servi di Dio vivono davvero delle sofferenze, ma non soffrono né di depressione né pensano di farsi del male o di suicidarsi.

GIOBBE, ad esempio, aveva sofferto tremendamente, ma non era mai stato depresso. Accettò il suo destino con tutto il cuore anche quando sua moglie lo stava già ridicolizzando per essere rimasto saldo nella sua fede in Dio.

GIOBBE 2:9-10 dice:

9 Ma lascia stare Iddio, e muori!'
10 E Giobbe a lei: 'Tu parli da donna insensata! Abbiamo accettato il bene dalla mano di Dio, e rifiuteremmo d'accettare il male?' - In tutto questo Giobbe non peccò con le sue labbra.

In un altro versetto, GIOBBE 1:21, questo è ciò che disse Giobbe:

'Nudo sono uscito dal seno di mia madre, e nudo tornerò in seno della terra; l'Eterno ha dato, l'Eterno ha tolto; sia benedetto il nome dell'Eterno'.

Qualunque cosa ci accada non incolpiamo Dio. Crediamo sempre che Egli è un Dio compassionevole. Se credi di essere un figlio di Dio, credi anche che Egli si preoccupa veramente di te. Dio si prende cura di noi più di quanto ci prendiamo cura di noi stessi.

Collegato all’articolo: Il Segreto nel Lottare Contro la Depressione

 Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

La Verità Biblica sulla Sola Fede, Buone Opere e Salvezza

 
Forse una delle personalità più ricordate nel Nuovo Testamento è il ladro che fu crocifisso insieme al Signore Gesù Cristo, non per altro, a causa dell'invidiabile assicurazione di salvezza che non di meno il Signore Gesù Cristo gli ha dato nella sua ultima ora.

Ricorda, prima che il ladro morisse, credette che Gesù fosse il Salvatore e Gli chiese persino di ricordarlo quando sarebbe entrato nel Suo regno. E Cristo gli disse in quel momento che sarebbe stato con Lui in paradiso.

LUCA 23:42-43
42 E Gesù gli disse: Io ti dico in verità che oggi tu sarai meco in paradiso.
43 Ora era circa l'ora sesta, e si fecero tenebre per tutto il paese, fino all'ora nona, essendosi oscurato il sole.

Tristemente, molti predicatori hanno capitalizzato questo incidente particolare per convincere la gente che, per meritare la salvezza, è sufficiente credere e avere fede. Aggiungerebbero persino che la salvezza è il dono di Dio per l'uomo, quindi non ci sarebbe più bisogno per l'uomo di fare opere buone per ottenerla. Ancora una volta, farebbero riferimento a quel particolare ladro che non ha fatto nulla di buono nella sua vita, eppure ha guadagnato l'assicurazione di Cristo che sarebbe stato con Lui in paradiso semplicemente perché ebbe creduto.

Inoltre, secondo quei predicatori, la giustizia dell'uomo è come un abito lordato a Dio, citando il profeta Isaia. Quindi, nessuna quantità di buone opere potrebbe mai far apparire una persona giusta agli occhi di Dio, perché la sua giustizia è proprio come un abito lordato per Lui.

Certamente, questi sono tutti insegnamenti molto sbagliati. Per favore, permettetemi di chiarire la questione.

Prima di tutto, andiamo su ciò che dice Isaia 64:6 e vedete voi stessi come quei predicatori avevano grossolanamente frainteso il versetto.

ISAIA 64:6
Tutti quanti siam diventati come l'uomo impuro e tutta la nostra giustizia come un abito lordato; tutti quanti appassiamo come una foglia, e le nostre iniquità ci portan via come il vento.

Il versetto afferma le parole di persone che furono sepolte nelle iniquità; facevano la loro propria giustizia.

Dobbiamo renderci conto che ci sono due tipi di giustizie nella Bibbia. C'è ciò che la Bibbia menziona come la giustizia di Dio, che è dikaiosune in greco, che significa giustizia, equità; d'altra parte, c'è anche la cosiddetta propria giustizia dell'uomo.

ROMANI 10:3 (Giovanni Diodati)
Poichè, ignorando la giustizia di Dio, e cercando di stabilir la lor propria giustizia, non si sono sottoposti alla giustizia di Dio.

Ci sono persone che ignorano la giustizia di Dio. Invece di sottomettersi alla giustizia di Dio, stabiliscono la loro propria giustizia.

Isaia 64:6 si riferiva a se stessi, gli israeliti, che furono trasgressori della legge di Dio. Dissero: "Tutti quanti siam diventati come l'uomo impuro e tutta la nostra giustizia come un abito lordato; tutti quanti appassiamo come una foglia, e le nostre iniquità ci portan via come il vento." Furono molto, molto lontani da Dio. Non ebbero nessun documento di alcuna buona azione, quindi paragonarono se stessi con foglie che appassiscono e con vento che passa ma non lascia alcun segno.

Ora, confrontiamola con le parole dell'apostolo Paolo nel libro di ROMANI 3:10-12, che dice:

10 siccome è scritto: Non v'è alcun giusto, neppure uno.
11 Non v'è alcuno che abbia intendimento, non v'è alcuno che ricerchi Dio.
12 Tutti si sono sviati, tutti quanti son divenuti inutili. Non v'è alcuno che pratichi la bontà, no, neppur uno.

Loro furono tra le persone che dimenticarono Dio nelle loro vite. Nessuno di loro cercò Dio, e nessuno di loro lo comprese (senza includere l'apostolo Paolo, ovviamente). Loro furono il tipo di persone la cui giustizia fu come un abito lordato agli occhi di Dio.

MA SE stai facendo la giustizia di Dio e SE ti stai sottomettendo alla giustizia di Dio, sarà ancora come essere un abito lordato?

MATTEO 6:33 dice:

Ma cercate prima il regno e la giustizia di Dio, e tutte queste cose vi saranno sopraggiunte.

La tua giustizia è preziosa agli occhi di Dio se ciò che stai facendo è la Sua giustizia, invece della tua giustizia.

C'è una grande differenza tra la giustizia dell'uomo e la giustizia del Signore. C'è una differenza tra cielo e terra, tra i due.

In che modo Dio considera una persona che sta facendo la propria giustizia, e non la Sua giustizia?

LUCA 16:15 dice:

Ed egli disse loro: Voi siete quelli che vi proclamate giusti dinanzi agli uomini; ma Dio conosce i vostri cuori; poiché quel che è eccelso fra gli uomini, è abominazione dinanzi a Dio.

È abominazione; è proprio come un abito lordato ai suoi occhi.

EFESINI 6:6 dice:

non servendo all'occhio come per piacere agli uomini, ma, come servi di Cristo, facendo il voler di Dio d'animo;

Ci sono uomini graditi che fanno la loro propria giustizia per essere visti dagli uomini. Eppure, ciò che è nel loro cuore è abominazione agli occhi di Dio.

Per arrivare a una corretta interpretazione della parola di Dio nella Bibbia, devi considerare lo spirito all'interno dell'intera Bibbia stessa. Non dovresti prendere nulla fuori dal contesto. Devi essere nel contesto del versetto, del capitolo, del libro e dell'intera Bibbia.

Ci sono leader religiosi, specialmente i Battisti, che hanno interpretato la Bibbia fuori dal contesto. Quindi, dicono: "Non dobbiamo più fare buone opere; le buone opere non sono più necessarie perché, anche se fai delle buone opere, sono proprio come degli abiti lordati agli occhi di Dio. "Tale è un'interpretazione errata delle Scritture! NON è la verità, e non sarà MAI la verità.

È vero che la fede potrebbe salvarci, proprio come accadde al ladro sulla croce – sebbene fosse un criminale, fu giustificato a causa della fede che gli crebbe nel cuore pochi minuti prima di morire. Passarono solo pochi minuti prima della sua morte, non un'ora o due ore prima della sua morte, quando iniziò a credere nel Signore Gesù Cristo. Infatti, durante la loro prima e seconda ora sulla croce, insieme con l'altro ladro, anche lui derise il Signore Gesù Cristo.

MARCO 15:32 dice:

Il Cristo, il Re d'Israele, scenda ora giù di croce, affinché vediamo e crediamo! Anche quelli che erano stati crocifissi con lui, lo insultavano.

Ci furono solo due ladri che furono crocifissi insieme al Signore Gesù Cristo. Uno fu alla Sua sinistra e l'altro alla Sua destra. Basandosi sul racconto di Marco, disse "loro", intendendo, entrambi Lo derisero e Lo insultarono. Ma prima che morissero, uno dei ladri vide e sperimentò cose che alla fine aprirono la sua mente.

In LUCA 23:39-42, dice:

39 E uno de' malfattori appesi lo ingiuriava, dicendo: Non se' tu il Cristo? Salva te stesso e noi!
40 Ma l'altro, rispondendo, lo sgridava e diceva: Non hai tu nemmeno timor di Dio, tu che ti trovi nel medesimo supplizio?
41 E per noi è cosa giusta, perché riceviamo la condegna pena de' nostri fatti, ma questi non ha fatto nulla di male.
42 E diceva: Gesù, ricordati di me quando sarai venuto nel tuo regno!

Quello fu il momento in cui il ladro professò la sua fede. Disse: "Gesù, ricordati di me quando sarai venuto nel tuo regno!" Quella frase fu un'espressione di fede. E quella gli bastò per essere salvato perché ebbe solo ancora pochi minuti da vivere; e non sarebbe stato più in grado di fare qualcosa di buono.

MA per noi, che non siamo crocifissi, basterà semplicemente avere fede e non fare più buone opere per essere salvati? Se avessi solo un'ora di vita da vivere dopo aver iniziato a credere nel Signore Gesù Cristo, allora la tua fede sarà sufficiente per la tua salvezza. MA SE tu vivi per un altro giorno, o un'altra settimana, o un altro mese, o un altro anno, dopo aver creduto nel Signore Gesù Cristo, la tua fede non sarà più sufficiente per meritare la salvezza. Devi fare qualcosa oltre ad avere solo fede.

2 PIETRO 1:5-9 (Nuova Riveduta) dice:

5 Voi, per questa stessa ragione, mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede la virtù; alla virtù la conoscenza;
6 alla conoscenza l'autocontrollo; all'autocontrollo la pazienza; alla pazienza la pietà;
7 alla pietà l'affetto fraterno; e all'affetto fraterno l'amore.
8 Perché se queste cose si trovano e abbondano in voi, non vi renderanno né pigri, né sterili nella conoscenza del nostro Signore Gesù Cristo.
9 Ma colui che non ha queste cose, è cieco oppure miope, avendo dimenticato di essere stato purificato dei suoi vecchi peccati.

Dopo essere stati purificati dai nostri peccati, la nostra fede deve essere seguita dall'obbedienza. Alla nostra FEDE dobbiamo aggiungere la virtù; alla virtù la conoscenza; alla conoscenza l'autocontrollo; all'autocontrollo la pazienza; alla pazienza la pietà; alla pietà l'affetto fraterno; e all'affetto fraterno l'amore.

Quindi, se vivrai per un altro giorno, o di più, la tua fede non sarebbe sufficiente per salvarti. La vostra FEDE dovrebbe essere accompagnata con le opere di obbedienza al Signore.

1 CORINZI 13:13 dice:

Or dunque queste tre cose durano: fede, speranza, carità; ma la più grande di esse è la carità.

Nella versione di Nuova Riveduta dice: "Ora dunque queste tre cose durano: fede, speranza, amore; ma la più grande di esse è l'amore."

Non dice che la più grande di queste è la fede. No! L'amore è più grande della fede; e l'amore non deve essere assente nella fede. La fede deve essere accompagnata con amore e speranza. Se toglierai l'amore, anche se hai fede, non sarai nemmeno salvato.

1 CORINZI 13:1-3 dice:

1 Quand'io parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, se non ho carità, divento un rame risonante o uno squillante cembalo.
2 E quando avessi il dono di profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e avessi tutta la fede in modo da trasportare i monti, se non ho carità, non son nulla.
3 E quando distribuissi tutte le mie facoltà per nutrire i poveri, e quando dessi il mio corpo ad essere arso, se non ho carità, ciò niente mi giova.

La fede non è abbastanza per una persona per essere salvata. Per quanto riguarda il ladro sulla croce, sì, la sua fede bastò. Non poté fare più nulla ma solo avere fede. Non poté più mostrare amore; non poté più fare buone opere perché non ci fu più tempo per lui. Non poté più unirsi alla congregazione per poter cantare inni e lodi al Signore. Ricorda, cantare le lodi al Signore è una cosa buona agli occhi di Dio.

SALMI 92:1 dice:

Buona cosa è celebrare l'Eterno, e salmeggiare al tuo nome, o Altissimo;

Il ladro sulla croce, con una gamba rotta e con mani e piedi inchiodati, non poté più farlo come stava patendo un forte dolore e stava morendo. Ma datogli un altro giorno, o un altro mese, sicuramente, quel ladro avrebbe fatto buone opere.

2 TIMOTEO 3:17 dice:

affinché l'uomo di Dio sia compiuto, appieno fornito per ogni opera buona.

Essendoti dato il tempo e l'opportunità, devi fare buone opere. E le tue buone opere, come uomo di Dio, non sono abiti lordati ai Suoi occhi. Perché? Perché fai buone opere con Dio; non puoi farle da solo.

FILIPPESI 2:13 (Nuova Riveduta) dice:

infatti è Dio che produce in voi il volere e l'agire, secondo il suo disegno benevolo.

Il disegno di Dio è il Suo volere. Per poter fare la volontà di Dio, Dio deve essere con te; Cristo deve essere con te. Altrimenti, fallirai.

Come scritto in GIOVANNI 15:5:

Io son la vite, voi siete i tralci. Colui che dimora in me e nel quale io dimoro, porta molto frutto; perché senza di me non potete far nulla.

Pertanto, se sei in grado di fare le buone opere che Dio ti ha comandato di fare, questa è una manifestazione che Dio è con te. Possiamo fare una buona opera perché Dio è con noi; lontano da Lui non possiamo fare nulla.

Quindi, come osa quella gente dire che le nostre buone opere sono proprio come abiti lordati agli occhi di Dio quando facciamo quelle buone opere con Lui! Se la giustizia che stiamo facendo è la giustizia di Dio, e la stiamo facendo con il Suo aiuto, tale non sarebbe mai e poi mai come un abito lordato ai Suoi occhi.

EBREI 6:10 dice:

poiché Dio non è ingiusto da dimenticare l'opera vostra e l'amore che avete mostrato verso il suo nome coi servizî che avete reso e che rendete tuttora ai santi.

Le buone opere fatte con l'amore non possono essere come abiti lordati agli occhi di Dio.

La Chiesa Battista, i cui pastori e leader non vogliono fare opere buone, ha grossolanamente interpretato erroneamente le Scritture nell'insegnare ai loro membri che basta la sola fede; che quella sola fede può salvare, e che non c'è più bisogno di fare opere buone perché le buone opere sono come abiti lordati agli occhi di Dio.

Se è vero che la fede, meno le opere buone, è sufficiente per essere salvati, perché, allora chiedete ai vostri membri di dare la decima? Il dare una decima non è un’opera buona? Come mai accusate i vostri membri di rubare Dio se non danno la decima? Questo mostra solo quanto erroneamente avete interpretato la Bibbia. La vostra interpretazione è un'interpretazione dell'anti-Cristo. Perché ciò che Cristo vuole è che facciamo buone opere finché viviamo. E sono le nostre buone opere che ci qualificheranno per ereditare la vita eterna.

MATTEO 7:24-25 dice:

24 Perciò chiunque ode queste mie parole e le mette in pratica sarà paragonato ad un uomo avveduto che ha edificata la sua casa sopra la roccia.
25 E la pioggia è caduta, e son venuti i torrenti, e i venti hanno soffiato e hanno investito quella casa; ma ella non è caduta, perché era fondata sulla roccia.

È imperativo che facciamo ciò che disse il Signore Gesù Cristo. Sapete che tutto ciò che il Signore Gesù Cristo disse e tutti gli esempi che pose sono tutte buone opere. Disse: ama il tuo nemico. Dagli qualcosa da mangiare quando ha fame e qualcosa da bere quando ha sete. Quelle sono buone opere. E per quelle buone opere che fai, il Signore Gesù Cristo disse: "chiunque ode queste mie parole e le mette in pratica..." Significa, chiunque faccia la Sua opera. "...sarà paragonato ad un uomo avveduto che ha edificata la sua casa sopra la roccia. E la pioggia è caduta, e son venuti i torrenti, e i venti hanno soffiato e hanno investito quella casa; ma ella non è caduta..."

Se quelli che fanno le Sue opere, che sono tutte opere buone, sono paragonati a uomini avveduti, quelli che non vogliono farle sono paragonati a uomini sciocchi.

MATTEO 7:26-27 dice: "E chiunque ode queste mie parole e non le mette in pratica" (come i pastori battisti), "sarà paragonato ad un uomo stolto che ha edificata la sua casa sulla rena. E la pioggia è caduta, e son venuti i torrenti, e i venti hanno soffiato ed hanno fatto impeto contro quella casa; ed ella è caduta, e la sua ruina è stata grande."

Quindi c'è una grande caduta che è imminente per coloro che non vogliono fare buone opere. Invece, dicono semplicemente: "Io credo in te; Ti accetto come mio personale Signore e salvatore; Hallelujah! Basta dare la decima e sarai salvato." Questi sono solo gli insegnamenti dei pastori battisti, ma non sono la vera verità nella Bibbia! La vera verità nella Bibbia è che dobbiamo lavorare; dobbiamo fare buone opere per essere salvati dalla nostra fede.

GIACOMO 2:22 dice:

Tu vedi che la fede operava insieme con le opere di lui, e che per le opere la sua fede fu resa compiuta;

La fede senza opere è morta, come scritto in GIACOMO 2:26:

Infatti, come il corpo senza lo spirito è morto, così anche la fede senza le opere è morta.

Come puoi essere salvato da una fede morta? La fede della Chiesa Battista è morta perché non vogliono più fare buone opere.

Le buone opere dovrebbero essere accompagnate dalla fede e la fede dovrebbe essere accompagnata da buone opere. Sono le buone opere che fai che renderebbero perfetta la tua fede. Come?

FILIPPESI 2:12 dice:

Così, miei cari, come sempre siete stati ubbidienti, non solo come s'io fossi presente, ma molto più adesso che sono assente, compiete la vostra salvezza con timore e tremore;

Cosa significa "ubbidienti"? Li avevano elaborati; avevano messo in atto le sue parole, i suoi comandamenti, le ammonizioni e gli insegnamenti.

Dobbiamo davvero lavorare, e le opere che dobbiamo fare sono le buone opere che Dio vuole che facciamo. Non sarai salvato se non farai buone opere.

La tua fede può essere sufficiente per la salvezza se vivrai ancora per un paio di minuti, quando non hai più la possibilità di fare una buona opera. Ma se vivi ancora per un altro giorno, un altro mese o un altro anno, dopo aver ricevuto la fede, allora devi CRESCERE in Cristo. E crescere in Cristo è imparare come fare le buone opere – le buone opere che sono state date come esempio dal Signore Gesù Cristo. E le buone opere che hai fatto ti qualificheranno per la salvezza.

 MATTEO 25:32-40 dice:

32 E tutte le genti saranno radunate dinanzi a lui ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri;
33 e metterà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra.
34 Allora il Re dirà a quelli della sua destra: Venite, voi, i benedetti del Padre mio; eredate il regno che v'è stato preparato sin dalla fondazione del mondo.
35 Perché ebbi fame, e mi deste da mangiare; ebbi sete, e mi deste da bere; fui forestiere e m'accoglieste;
36 fui ignudo, e mi rivestiste; fui infermo, e mi visitaste; fui in prigione, e veniste a trovarmi.
37 Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai t'abbiam veduto aver fame e t'abbiam dato da mangiare? o aver sete e t'abbiam dato da bere?
38 Quando mai t'abbiam veduto forestiere e t'abbiamo accolto? o ignudo e t'abbiam rivestito?
39 Quando mai t'abbiam veduto infermo o in prigione e siam venuti a trovarti?
40 E il Re, rispondendo, dirà loro: In verità vi dico che in quanto l'avete fatto ad uno di questi miei minimi fratelli, l'avete fatto a me.

Quindi, quelli che sarebbero diventati eredi del regno del Signore Gesù Cristo sono quelli che hanno fatto buone opere. Come si fa a dire ora che le buone opere non siano più necessarie?

In realtà, fare buone opere può essere un modo per la salvezza degli uomini che non hanno fede. Non hanno fede perché non hanno avuto la possibilità di ascoltare.

ROMANI 10:17 dice:

Così la fede vien dall'udire e l'udire si ha per mezzo della parola di Cristo.

Nondimeno, LORO saranno accettati come giusti agli occhi di Dio, al giorno del giudizio, a causa delle buone opere che hanno fatto.

ROMANI 2:13-15 dice:

13 poiché non quelli che ascoltano la legge son giusti dinanzi a Dio, ma quelli che l'osservano saranno giustificati.
14 Infatti, quando i Gentili che non hanno legge, adempiono per natura le cose della legge, essi, che non hanno legge, son legge a se stessi;
15 essi mostrano che quel che la legge comanda è scritto nei loro cuori per la testimonianza che rende loro la coscienza, e perché i loro pensieri si accusano od anche si scusano a vicenda.

L'apostolo Paolo stava parlando delle persone che non avevano fede perché NON avevano sentito la legge. (Come sappiamo, la fede nasce dall'udire della parola di Dio. Romani 10:17 dice: "Così la fede vien dall'udire e l'udire si ha per mezzo della parola di Cristo.") E poiché non avevano ascoltato la legge, NON avevano conosciuto Gesù. Sono morti senza aver sentito Gesù; morirono prima che la Bibbia venisse stampata; morirono in un luogo e in un tempo in cui la Bibbia non era ancora disponibile.

Ma NONOSTANTE ciò, adempiono per natura le cose della legge, cioè fanno la bontà che è nella legge. E per questo, sono giustificati. L'apostolo Paolo lo spiegò ulteriormente in 1 TIMOTEO 4:10, che dice:

Poiché per questo noi fatichiamo e lottiamo: perché abbiamo posto la nostra speranza nell'Iddio vivente, che è il Salvatore di tutti gli uomini, principalmente dei credenti.

Pertanto, c'è la possibilità che coloro che non credono possano essere salvati SE, nonostante il fatto che non abbiano sentito alcuna legge, adempiono le cose buone contenute nella legge. Quindi, anche se non avevano visto né Cristo né ascoltato i Suoi insegnamenti, sono ancora considerati giustificati a causa delle buone opere che avevano fatto, come nutrire gli affamati, dare qualcosa da bere agli assetati, vestire i bisognosi, ecc. Per questi sono state trovate buone azioni degne di ereditare il regno di Dio.

Che cosa si dice di quelli che si rifiutano di fare buone opere, come i battisti? Cosa dirà loro Cristo?

MATTEO 25:41-45 dice:

41 Allora dirà anche a coloro dalla sinistra: Andate via da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato pel diavolo e per i suoi angeli!
42 Perché ebbi fame e non mi deste da mangiare; ebbi sete e non mi deste da bere;
43 fui forestiere e non m'accoglieste; ignudo, e non mi rivestiste; infermo ed in prigione, e non mi visitaste.
44 Allora anche questi gli risponderanno, dicendo: Signore, quando t'abbiam veduto aver fame, o sete, o esser forestiere, o ignudo, o infermo, o in prigione, e non t'abbiamo assistito?
45 Allora risponderà loro, dicendo: In verità vi dico che in quanto non l'avete fatto ad uno di questi minimi, non l'avete fatto neppure a me.

Questa è la pena per coloro che non vogliono fare buone opere. Chiaramente, il rifiuto di fare buone opere ti squalificherà dall'ereditare il regno di Dio, anche se tu affermi di avere fede. La fede da sola NON è sufficiente per la salvezza. Non paragonarti al ladro che è stato inchiodato sulla croce e a cui è stato promesso la salvezza dal Signore Gesù Cristo, perché la sua condizione era diversa dalla tua. Le sue mani e piedi erano inchiodati e lui aveva pochi minuti da vivere, mentre le tue mani e piedi sono liberi, e hai tutta la tua vita davanti a te per fare buone opere.

Se hai fede, accompagnala con buone azioni per meritare la salvezza ed essere anche erede del regno di Dio.

 Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

Altri Motivi per Credere che la Bibbia è la Parola Ispirata di Dio


Ovunque andiamo, ci sono sempre persone che dubitano che la Bibbia sia davvero un libro ispirato, o se sia stata davvero creata dall'ispirazione di Dio.

Sicuramente, la Bibbia è ispirata da Dio. In effetti, la Bibbia si definisce un libro ispirato. Nella Bibbia greca, la parola ispirazione è theopneustos, che significa divinamente respirato. Significa che c'è un respiro divino che ha benedetto la Bibbia come libro.

In 2 TIMOTEO 3:16, dice:

Ogni Scrittura è ispirata da Dio e utile ad insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia,

L'apostolo Paolo stava spiegando a Timoteo che tutti i manoscritti e le scritture esistenti durante il loro tempo erano ispirati da Dio; sono stati dati dall'ispirazione di Dio. E poiché sono stati ispirati da Dio, ne consegue che anche loro hanno avuto la Sua approvazione. Se sono approvati da Dio, significa che la Bibbia contiene verità approvate divinamente, verità che nessun uomo potrebbe mai smentire. La verità nella Bibbia sta saldamente a terra e non può essere mossa dalla saggezza umana.

Per più di cinque decenni del mio ministero, ho incontrato così tanti non credenti della Bibbia. Mi sono persino imbattuto in atei che non credono in Dio. Ma mentre spiegavo loro la mia base nel credere alla Bibbia, alla fine sono stati convertiti e si sono convinti che la Bibbia proviene davvero da Dio. In realtà, non esiste nessun altro libro sulla terra che sia ispirato da Dio eccetto la Bibbia o le Sacre Scritture.

Le scritture usate dagli israeliti, i cristiani del primo secolo, erano state preservate per raggiungere il nostro tempo. Ci sono copie del Papyrus Oxyrhynchus, che è stato scritto nel terzo secolo dell’era comune. Furono i più antichi manoscritti scritti in greco che risalgono al terzo secolo. Abbiamo anche il Codex Sinaiticus, il Codex Vaticanus, il Codex Washingtonianus, il Codex Alexandrinus e molti altri codici, che furono scritti a mano, già nel terzo e quarto secolo, da persone che volevano preservare la parola di Dio. In quei tempi, la macchina da stampa non era ancora stata inventata, quindi furono tutti scritti a mano. Oggi questi manoscritti sono ospitati in diverse biblioteche del mondo.

La Bibbia è divinamente ispirata; contiene prove che proviene da un Essere Superiore, e non solo da essere umani comuni come noi. Parla di verità che nessuno potrebbe smentire. Per dimostrarlo, lasciate che vi citi alcuni esempi.

Nella prima parte della storia umana, la gente credeva che la terra fosse piatta. Ma, circa 2.600 anni fa, fu già scritto nella Bibbia che la terra è rotonda.

ISAIA 40:22 dice:

Egli è colui che sta assiso sul globo della terra, . . .

La Bibbia ci dice che c'è un assiso sul globo della terra, e Dio è seduto su quel cerchio della terra. Pertanto, già 2.600 anni fa, la Bibbia ci ha fornito l'informazione che la terra è di forma sferica. Tuttavia, gli uomini si sono resi conto che era davvero tondo, e non piatto, solo quando Apollo 11, una nave spaziale dagli Stati Uniti, scattò una foto della terra dallo spazio. La foto scattata da Apollo 11 è diventata una prova fisica che dà conferma a quanto fu stato detto nel libro del profeta Isaia che la terra è sferica. Questo dimostra solo che la Bibbia è un libro ispirato di Dio, e la Bibbia ci dice cose molto prima che siano scoperte dagli uomini.

Fonte: http://www.airspacemag.com/issues/2007/december-january/FEATURE-FirstPhoto.php

La Bibbia dice anche di un tunnel che fu costruito durante il tempo del re Ezechia di Israele; fu costruito prima del tempo del Signore Gesù Cristo. Molto recentemente, è stato scoperto che un tale tunnel esiste davvero, e le pareti del tunnel portano i nomi delle persone che furono responsabili della sua costruzione. Questo, ancora, dimostra che la Bibbia è un libro divino ispirato da Dio.


Durante il tempo del Signore Gesù Cristo, quando parlava con gli ebrei, menzionò di una moneta. Chiese loro quale immagine fosse incisa sulla moneta, e gli risposero, era l'imperatore romano. Recentemente, hanno scoperto tali monete in Samaria e in altre parti del Medio Oriente, e le monete, in effetti, portano l'iscrizione delle immagini di Cesare Augusto e Tiberio Cesare, gli imperatori romani che regnarono durante la vita del nostro Signore Gesù Cristo qui in terra. Dimostrando la correttezza del racconto nel libro di Matteo in cui a Cristo veniva chiesto se fosse lecito rendere omaggio a Cesare. Il Signore Gesù Cristo rispose: Rendete dunque a Cesare quel ch'è di Cesare, e a Dio quel ch'è di Dio. (Matteo 22:21).


Campioni di monete che circolarono durante il tempo del Signore Gesù Cristo che sono stati dissotterrati dagli archeologi, anche un campione della moneta, o acaro, che fu dato dalla vedova al tesoriere per aiutare (Marco 12:42), sono prove fisiche che dimostrano la veridicità di quei racconti biblici. E dimostrano ulteriormente che la Bibbia è stata scritta dall'ispirazione dello Spirito Santo.

Ora, come convincere i non credenti a credere nel nostro Dio?

Il Dio dei cristiani è reale. Il Dio dei cristiani è attestato dalle Sue creazioni. Se solo i non credenti usassero il loro buon senso, sarebbero lasciati senza scelta se non quella di credere nell'esistenza di Qualcuno che ha creato tutto.

ROMANI 1:19-20 dice:

19 infatti quel che si può conoscer di Dio è manifesto in loro, avendolo Iddio loro manifestato;
20 poiché le perfezioni invisibili di lui, la sua eterna potenza e divinità, si vedon chiaramente sin dalla creazione del mondo, essendo intese per mezzo delle opere sue;

Questo è uno dei miei versi preferiti nella Bibbia. È molto ispirato dallo spirito di Dio e nessuno può smentire la veridicità del verso. Come comprendiamo l'esistenza di Dio? Si vedon chiaramente sin dalla creazione del mondo, essendo intese per mezzo delle opere sue. Nessuno può scusarsi per non credere in Dio. Tutto ciò che deve fare è guardare le Sue creazioni, e da essi, sarà in grado di comprendere l'esistenza di Dio e l’eterna potenza.

Una delle creazioni di Dio è il sole. Il sole è il fornitore di calore e luce sulla terra, secondo Genesi 1:14-17. Come proviamo l’eterna potenza di Dio attraverso il sole? Se bruciassi una foresta per produrre un incendio, probabilmente potresti avere un incendio per una settimana. Dopo una settimana, la foresta sarebbe consumata, quindi il calore, la luce e il fuoco sparirebbero.

D'altra parte, il sole è lì da miliardi di anni, eppure non è mai consumato. Non diventa più piccolo, invece, la sua tendenza è di diventare più grande quando diventa un gigante rosso, secondo la scienza. La domanda è: come fa il sole a mantenere il suo potere? È attraverso la comprensione di Dio; è attraverso la Sua saggezza.

Al giorno d'oggi, l'uomo ha già un'idea di come funziona il sole. C'è ciò che chiamiamo energia nucleare nel sole, il potere del nucleo dell'atomo. Qualche tempo fa pensavamo che l'atomo fosse la parte più piccola della cellula, ma molto recentemente la scienza ha scoperto che ci sono parti ancora più piccole dell'atomo. E gli scienziati dicono addirittura che l'atomo è anche un universo a parte. L'atomo si rivela essere un'entità molto grande. Sebbene l'atomo sia molto, molto piccolo, ci sono particelle anche più piccole come il nucleo, i protoni, i neutroni, ecc. È la collisione delle parti dell'atomo che produce quella che chiamiamo energia nucleare. E questo è esattamente ciò che sta accadendo sulla superficie del sole. Questo è il motivo per cui il sole non viene mai consumato anche dopo aver prodotto calore e dato luce alla terra per miliardi di anni.

Il sole è un esempio dell’eterna potenza di Dio. Mostra l'enorme ed inesauribile potenza del suo Creatore. Milioni di anni sono passati nella storia del sole ma fino ad ora non è consumato. E secondo studi scientifici, il sole è ancora in grado di emettere calore e luce sulla terra per i prossimi cinque miliardi di anni.

In realtà, anche osservando e analizzando le cose che ci circondano, anche il nostro stesso fisico, non dubiteremmo dell’eterna potenza del nostro Creatore. Se tu guardassi attentamente le tue mani, le tue dita, scoprirai la grande saggezza di Colui che le ha create. Le nostre dita non hanno le stesse lunghezze e dimensioni, ma nel momento in cui svolgeranno la loro funzione, come raccogliere o tenere qualcosa, realizzerete che nessun dito è superiore o inferiore. Ogni dito è importante. E lavorano in armonia l'uno con l'altro, indipendentemente dalla loro lunghezza e dimensione.

E le nostre unghie? Hanno anche la loro funzione. Quando una parte del tuo corpo prude, le unghie le gratta e tu vieni sollevato dal prurito.

Ma la cosa più meravigliosa delle nostre mani è che serve da identificazione.

GIOBBE 37:7 dice:

Rende inerte ogni mano d'uomo, onde tutti i mortali, che son opera sua, imparino a conoscerlo.

Nella scienza delle impronte digitali, Galton, un pioniere nello studio delle impronte digitali, ha affermato che non ci sono due impronte digitali uguali su questo pianeta. Ora ci sono più di sette miliardi di persone che abitano la terra, e non due di loro hanno le stesse impronte digitali, nemmeno i gemelli siamesi.

Queste sono solo alcune delle prove schiaccianti che dimostrano come l’eterna potenza di Dio si manifesta nelle Sue creazioni.

Convincere i non credenti a credere in Dio non sarebbe poi così difficile. Tutto ciò che devono fare è osservare da vicino le cose che li circondano, la meravigliosa relazione delle cose in natura, il vasto universo e persino il modo in cui i loro stessi fisici sono stati modellati. Se solo fossero fedeli a se stessi, sicuramente riconoscerebbero che dietro a tutto c'è un Creatore molto intelligente. E invece di dubitare della Sua esistenza, Lo avrebbero sicuramente riverito e creduto in Lui.

Comprendere tutto ciò darebbe loro più che sufficienti ragioni per credere nel Dio Onnipotente dei Cristiani – il nostro Dio. Sono cristiano e sono orgoglioso di esserlo. A DIO SIA LA GLORIA!

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

Comprendere le Parole di Dio nella Bibbia è un Dono


Le persone che sono alla ricerca della verità sono solitamente preoccupate di scoprire quale tra le religioni e chi tra i tanti predicatori abbia la genuina comprensione della Bibbia.

È stata un'osservazione comune di molti che le diverse organizzazioni religiose variano nelle loro interpretazioni della Bibbia. Quindi, non hanno potuto fare a meno di chiedere se esista un approccio corretto che porti un lettore alla corretta comprensione della Bibbia. In primo luogo, qualcuno, con la sua saggezza e intelligenza, è in grado da solo di comprendere la Bibbia e sarebbe in grado di arrivare alla corretta interpretazione di ciò che la Bibbia dice?

Fin dall'inizio, lasciatemi dire chiaramente: la Bibbia ha una sua interpretazione, e la comprensione della Bibbia non può essere raggiunta solo con la capacità dell'uomo. Nessuna quantità di comprensione umana potrebbe essere sufficiente per conoscere il vero significato delle parole di Dio.

SALMI 94:11 dice:

L'Eterno conosce i pensieri dell'uomo, sa che son vanità.

I pensieri dell'uomo sono tutti vanità agli occhi di Dio. Non sono niente.

1 CORINZI 1:19 dice:

Io farò perire la sapienza dei savî, e annienterò l'intelligenza degli intelligenti.

Non importa quanto sia intelligente una persona, la sua comprensione è nulla quando si tratta della parola di Dio. Comprendere la parola di Dio non è acquisita dalle istituzioni di apprendimento stabilite dagli uomini; né è tramandata da una persona all'altra da alcuno. La capacità di comprendere le parole di Dio nella Bibbia è un dono di Dio; in breve, viene dato da Dio. Non possiamo mai comprendere il significato completo delle parole di Dio nella Bibbia a meno che Dio non ci dia la comprensione.

PROVERBI 1:23 dice:

Volgetevi a udire la mia riprensione; ecco, io farò sgorgare su voi lo spirito mio, vi farò conoscere le mie parole...

Per noi, per conoscere la parola di Dio, abbiamo bisogno dello Spirito di Dio. Perché abbiamo bisogno dello Spirito?

1 CORINZI 2:11 dice:

Infatti, chi, fra gli uomini, conosce le cose dell'uomo se non lo spirito dell'uomo che è in lui? E così nessuno conosce le cose di Dio, se non lo Spirito di Dio.

Le cose di Dio sono conosciute dallo Spirito di Dio, e mediante lo Spirito capiremo la parola di Dio.

1 CORINZI 2:10 dice:

Ma a noi Dio le ha rivelate per mezzo dello Spirito; perché lo spirito investiga ogni cosa, anche le cose profonde di Dio.

L'uomo potrebbe comprendere le cose profonde di Dio solo attraverso l'intervento dello Spirito di Dio. L'approccio che le altre religioni impiegano nel loro studio della parola di Dio non è che un approccio umano. Si basano principalmente sulla propria sapienza. Non c'è da meravigliarsi che siano tutti ingannati. In realtà, essi non arriveranno mai alla corretta comprensione e alla corretta interpretazione della parola di Dio se si affidano solo alla propria sapienza.

1 CORINZI 1:20-21 dice:

20 Dov'è il savio? Dov'è lo scriba? Dov'è il disputatore di questo secolo? Iddio non ha egli resa pazza la sapienza di questo mondo?
21 Poiché, visto che nella sapienza di Dio il mondo non ha conosciuto Dio con la propria sapienza, è piaciuto a Dio di salvare i credenti mediante la pazzia della predicazione.

A causa della sapienza del mondo, non avevano conosciuto Dio. Apparentemente, la sapienza umana è persino un ostacolo alla comprensione della volontà di Dio. Non puoi usare solo la sapienza umana per capire la volontà di Dio. La parola di Dio potrebbe essere compresa dagli uomini solo attraverso l'intervento dello Spirito di Dio. È lo Spirito che interpreta la Bibbia, e non qualcun altro.

Ecco perché noi, nella Chiesa di Dio, facciamo sempre affidamento sulla guida e sull'intervento dello Spirito Santo. Grazie a Dio, grazie all'intervento del Suo Spirito, non siamo mai fuorviati nella nostra comprensione dei Suoi comandamenti e insegnamenti, così come della Sua santa volontà.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

Mangiare, o Non Mangiare carne di Maiale?


È un abominio mangiare carne di maiale? Questa è una domanda comune di persone che sono state fuorviate e a cui è stato fatto credere che la legge di Mosè è ancora in vigore nonostante il fatto che siamo già nella dispensazione cristiana.

In effetti, agli israeliti fu proibito di mangiare certe carni, e una delle quali è del maiale.

LEVITICO 11:2-8 dice:

2 'Parlate così ai figliuoli d'Israele: Questi sono gli animali che potrete mangiare fra tutte le bestie che sono sulla terra.
3 Mangerete d'ogni animale che ha l'unghia spartita e ha il piè forcuto, e che rumina.
4 Ma di fra quelli che ruminano e di fra quelli che hanno l'unghia spartita, non mangerete questi: il cammello, perché rumina, ma non ha l'unghia spartita; lo considererete come impuro;
5 il coniglio, perché rumina, ma non ha l'unghia spartita; lo considererete come impuro;
6 la lepre, perché rumina, ma non ha l'unghia spartita; la considererete come impura;
7 il porco, perché ha l'unghia spartita e il piè forcuto, ma non rumina; lo considererete come impuro.
8 Non mangerete della loro carne e non toccherete i loro corpi morti; li considererete come impuri.

Se guarderai attentamente i versetti, realizzerai che il Signore istruì Mosè a parlare e ad insegnare ai figli di Israele i Suoi comandamenti. In altre parole, i comandamenti che Dio diede a Mosè furono destinati agli israeliti e non a tutti i popoli.

Durante il tempo di Noè, fu anche loro dato un comandamento riguardo a ciò che dovettero mangiare.

GENESI 9:3 dice:

Tutto ciò che si muove ed ha vita vi servirà di cibo; io vi do tutto questo, come l'erba verde;

Dio non fece alcuna esclusione alla carne che Noè poté mangiare. Tutto ciò che si muove ed ha vita vi servirà di cibo, disse a Noè. Quindi, egli poté mangiare carne di maiale.

L'unico divieto dato a Noè fu di non mangiare sangue. Quindi, se doveva macellare una bestia per il suo cibo, doveva lasciare che il sangue di quella bestia fosse versato per terra. La stessa cosa fu vera durante il tempo di Adamo ed Eva.

GENESI 1:28-30 dice:

28 E Dio li benedisse; e Dio disse loro: 'Crescete e moltiplicate e riempite la terra, e rendetevela soggetta, e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e sopra ogni animale che si muove sulla terra'.
29 E Dio disse: 'Ecco, io vi do ogni erba che fa seme sulla superficie di tutta la terra, ed ogni albero fruttifero che fa seme; questo vi servirà di nutrimento.
30 E ad ogni animale della terra e ad ogni uccello dei cieli e a tutto ciò che si muove sulla terra ed ha in sé un soffio di vita, io do ogni erba verde per nutrimento'. E così fu.

Ad Adamo ed Eva, e ai loro discendenti, fu detto da Dio che tutto ciò che si muove sulla terra è stato dato per essere loro nutrimento.

Ma quando Dio scelse gli israeliti come Suo popolo, quando li portò fuori dalla loro schiavitù in Egitto, ci furono specifici comandamenti che Dio diede loro. E uno di questi comandamenti fu il divieto di mangiare carne di maiale.

Dobbiamo ricordare che gli israeliti vissero in Egitto per 430 anni senza la legge di Dio. Furono abituati a mangiare il tipo di cibo che gli egiziani mangiavano, come il maiale, per esempio. Ma quando furono liberati dal faraone tiranno, al raggiungimento della Terra Santa, certi divieti su ciò che potevano mangiare e ciò che non dovevano mangiare furono pronunciati da Dio per loro da osservare. E il consumo di carne di maiale, o dei porci, fu uno dei divieti dati a loro.

Ma secondo l'apostolo Paolo, quei comandamenti dati agli israeliti furono solo comandamenti temporali che non erano destinati a durare fino all'infinito, o fino alla nostra dispensazione. Erano considerati comandamenti temporali perché la loro efficacia aveva dei limiti.

EBREI 9:10 dice:

poiché si tratta solo di cibi, di bevande e di varie abluzioni, insomma, di regole carnali imposte fino al tempo della riforma.

I divieti su carne, bevande, varie abluzioni e regole carnali furono loro imposti solo fino al tempo della riforma.

Ci fu un tempo stabilito in cui quei comandamenti sarebbero stati riformati. Da chi? Niente meno che dal Signore Gesù Cristo, Lui stesso. Quando il Signore Gesù Cristo venne, purificò tutti quelli che erano stati considerati abomini e impuri durante il tempo degli israeliti — il che significa che il divieto di mangiare carne di maiale cessò di avere effetto.

Come scritto dall'apostolo Paolo in 1 TIMOTEO 4:4-5, dice:

4 Poiché tutto quel che Dio ha creato è buono; e nulla è da riprovare, se usato con rendimento di grazie;
5 perché è santificato dalla parola di Dio e dalla preghiera.

Per determinare l'efficacia di un particolare comandamento, è importante considerare l'elemento temporale. È vero che mangiare il maiale fu un abominio tra gli israeliti durante il tempo di Mosè. Tuttavia, la dispensazione degli israeliti è finita; siamo ora nella dispensazione cristiana. I comandamenti e gli insegnamenti che sono ora in vigore sono quelli del Signore Gesù Cristo. 

COLOSSESI 2:16 dice:

Nessuno dunque vi giudichi quanto al mangiare o al bere, o rispetto a feste, o a novilunî o a sabati,

Il tempo di Mosè è finito. ATTI 13:39 dice:

e per mezzo di lui, chiunque crede è giustificato di tutte le cose delle quali voi non avete potuto esser giustificati per la legge di Mosè.

La giustificazione non verrà dalla legge di Mosè, ma dalla legge del nostro Signore Gesù Cristo. Ecco perché consideriamo la legge di Mosè ormai obsoleta perché fu sostituita dalla legge di Cristo.

La legge era stata cambiata quando il sacerdozio era cambiato.

EBREI 7:12 dice:

Poiché, mutato il sacerdozio, avviene per necessità anche un mutamento di legge.

Permettetemi di ribadire che la legge concernente la proibizione delle carni e delle bevande, di varie abluzioni e delle regole carnali, fu imposta solo fino al tempo della riforma, che si riferisce alla venuta del Signore Gesù Cristo. E fu il Signore Gesù Cristo che cambiò la legge.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

Nell'Era Cristiana, il Nostro Sommo Sacerdote è il Signore Gesù Cristo, non Mosè


È abbastanza frustrante che anche se siamo già nella dispensazione cristiana molte persone sono ancora influenzate dalle leggi di Mosè, al punto che se trovano la suddetta legge incoerente con lo stato delle cose, nella realtà, la loro tendenza è mettere in discussione l'autenticità della Bibbia.

Per esempio, secondo la legge di Mosè, la lepre era stata classificata come impura e, quindi, non dovrebbe essere mangiata perché "rumina e non ha l’unghia spartita". In linea con tale divieto, qualcuno mi ha chiesto se tale pronunciamento non metterebbe a repentaglio l'autenticità della Bibbia nella misura in cui, in realtà, le lepri hanno unghie spartite e non rimuginano.

Prima di tutto, permettimi di darti un'idea delle leggi date da Dio, attraverso Mosè, agli israeliti, che sono le prime persone a servire Dio.

Nell'epistola dell'apostolo Paolo agli Ebrei, una delle cose importanti che scrisse riguardava i divieti su ciò che dovevano e non dovevano mangiare o ingerire.

EBREI 9:10 dice:

poiché si tratta solo di cibi, di bevande e di varie abluzioni, insomma, di regole carnali imposte fino al tempo della riforma.

C'erano ordinanze riguardanti cibi, bevande e varie abluzioni, o purificazioni del corpo che erano state imposte loro fino al momento della riforma, il che implica che c'era un tempo stabilito in cui queste leggi sarebbero state riformate. C'era un tempo stabilito da Dio che queste leggi sarebbero state sostituite da un'altra serie di leggi. E quel tempo fissato era arrivato, secondo l'apostolo Paolo in EBREI (Nuova Riveduta) 7:12, che dice:

Poiché, cambiato il sacerdozio, avviene necessariamente anche un cambiamento di legge.

Quindi, era necessario cambiare la legge perché c'era stato un cambiamento nel sacerdozio. EBREI 3:1-3 dice:

1 Perciò, fratelli santi, che siete partecipi d'una celeste vocazione, considerate Gesù, l'Apostolo e il Sommo Sacerdote della nostra professione di fede,
2 il quale è fedele a Colui che l'ha costituito, come anche lo fu Mosè in tutta la casa di Dio.
3 Poiché egli è stato reputato degno di tanta maggior gloria che Mosè, di quanto è maggiore l'onore di Colui che fabbrica la casa, in confronto di quello della casa stessa.

I versetti ci dicono chiaramente che il sommo sacerdote che fu sostituito era Mosè, e il suo sostituto fu il Signore Gesù Cristo. In quei versetti, l'apostolo Paolo stava parlando agli ebrei che si convertirono al cristianesimo durante il primo secolo della nostra era, e non agli ebrei che rimasero nella loro religione ebraica. Stava dicendo loro che il nostro apostolo e sommo sacerdote della nostra professione è il Signore Gesù Cristo. Cristo fu trovato più glorioso di Mosè come sacerdote. Quindi, fu chiamato Sommo Sacerdote della nostra professione.

Quando il sacerdozio fu cambiato, ci fu anche la necessità di cambiare la legge. E la legge che fu sostituita fu la legge amministrata da Mosè. Fu sostituita da un'altra legge.

ATTI 13:39 dice:

e per mezzo di lui, chiunque crede è giustificato di tutte le cose delle quali voi non avete potuto esser giustificati per la legge di Mosè.

La legge di Mosè fu giudicata insufficiente per giustificare i credenti nell'era cristiana perché, nell'era cristiana, la giustificazione si basa sul Signore Gesù Cristo. In altre parole, la fede dei cristiani deve essere basata sulla legge di Cristo e non sulla legge di Mosè.

Cerchiamo di essere definiti. A cosa si fa riferimento come legge di Mosè?

MALACHIA 4:4 dice:

Ricordatevi della legge di Mosè, mio servo, al quale io diedi in Horeb, per tutto Israele, leggi e prescrizioni.

Quindi, era la legge data da Dio a Mosè sulla montagna. In particolare, qual era quella legge?

ESODO 31:18 dice:

Quando l'Eterno ebbe finito di parlare con Mosè sul monte Sinai, gli dette le due tavole della testimonianza, tavole di pietra, scritte col dito di Dio.

Furono le leggi che furono contenute nelle due tavole di pietra, che erano state scritte con il dito di Dio. E quelle leggi includevano statuti e sentenze.

DEUTERONOMIO 4:13 dice:

Ed egli vi promulgò il suo patto, che vi comandò di osservare, cioè le dieci parole; e le scrisse su due tavole di pietra.

Pertanto, la legge di Mosè che viene riferito furono i dieci comandamenti. E queste leggi, insieme con gli statuti e le sentenze, furono destinate agli israeliti. Per esempio, ci furono statuti su cosa mangiare, cosa non mangiare, cosa bere e cosa non bere che gli israeliti dovettero osservare.

Ma nel nostro tempo, non abbiamo problemi su cosa mangiare e cosa non mangiare. Nel Nuovo Testamento, c'è un'altra legge che è stata spiegata dal Signore Gesù Cristo.

In MARCO 7:19, dice:

perché gli entra non nel cuore ma nel ventre e se ne va nella latrina? Così dicendo, dichiarava puri tutti quanti i cibi.

Il Signore Gesù Cristo dichiarò che il tipo di cibo che agli Israeliti era stato proibito di mangiare non entra nel cuore, ma solo nel ventre. Ed Egli aveva epurato, o purificato, tutti questi. L'apostolo Paolo spiegò in 1 TIMOTEO 4:4-5:

4 Poiché tutto quel che Dio ha creato è buono; e nulla è da riprovare, se usato con rendimento di grazie;
5 perché è santificato dalla parola di Dio e dalla preghiera.

Quindi, anche se si trattasse di maiale, che era considerato impuro durante il tempo degli israeliti, nell’era cristiana, quando il sacerdozio era stato cambiato da Mosè al Signore Gesù Cristo, quelle carni che erano state dichiarate come impure sono state epurate, o purificate, dal Signore Gesù Cristo. Sono santificati dalla parola di Dio, dal decreto di Dio e dalla preghiera. Attraverso il potere della preghiera e della parola di Dio, quelle cose che erano state considerate abominevoli sono purificate. Pertanto, non vi è più alcun problema nel mangiare carne di maiale, o carne da quelli che non ruminano, o da quelli che non hanno l’unghia spartita o il piede forcuto.

Ricorda che siamo nell'era cristiana. Il nostro maestro è il Signore Gesù Cristo, e non Mosè. Se siamo veramente cristiani e crediamo di vivere nell’era cristiana, dobbiamo fare riferimento agli insegnamenti del Signore Gesù Cristo e non a Mosè. Mosè non è più il nostro sommo sacerdote, ma il Signore Gesù Cristo. La rivelazione che il Signore Gesù Cristo porta con sé è la rivelazione che dobbiamo ricevere ora.

EBREI 1:1-2 dice:

1 Iddio, dopo aver in molte volte e in molte maniere parlato anticamente ai padri per mezzo de' profeti,
2 in questi ultimi giorni ha parlato a noi mediante il suo Figliuolo, ch'Egli ha costituito erede di tutte le cose, mediante il quale pure ha creato i mondi;

Dio aveva parlato ai padri attraverso i profeti, ma in questi ultimi giorni, ci parla attraverso Suo Figlio. Quindi, se vogliamo conoscere le parole e gli insegnamenti di Dio, li apprenderemo attraverso Suo Figlio, non attraverso Mosè. Ma se continui ad osservare le leggi di Mosè, sei sulla strada sbagliata. Sei fuori tempo; sei fuori posto.

LEVITICO 11:1-7 dice:

1 Poi l'Eterno parlò a Mosè e ad Aaronne, dicendo loro:
2 'Parlate così ai figliuoli d'Israele: Questi sono gli animali che potrete mangiare fra tutte le bestie che sono sulla terra.

Se sei un meticoloso lettore della Bibbia, fin dal versetto 2, ti renderai conto che, se sei un americano o un filippino, non sei parte coinvolto perché quelle parole furono solo per gli israeliti.

3 Mangerete d'ogni animale che ha l'unghia spartita e ha il piè forcuto, e che rumina.
4 Ma di fra quelli che ruminano e di fra quelli che hanno l'unghia spartita, non mangerete questi: il cammello, perché rumina, ma non ha l'unghia spartita; lo considererete come impuro;
5 il coniglio, perché rumina, ma non ha l'unghia spartita; lo considererete come impuro;
6 la lepre, perché rumina, ma non ha l'unghia spartita; la considererete come impura;
7 il porco, perché ha l'unghia spartita e il piè forcuto, ma non rumina; lo considererete come impuro.

A questo punto, permettimi di dare alcuni chiarimenti riguardo al versetto 6 perché questa è la parte che viene messa in discussione da un lettore della Bibbia. Secondo lui, ciò che il versetto afferma è una sfida all'autenticità della Bibbia perché ciò che ha detto è contrario alla realtà. Ha affermato che la lepre non dovrebbe essere mangiata perché rumina e non ha l’unghia spartita quando, in verità, le lepri hanno i piedi forcuti e non ruminano.

Permettetemi di chiarire che ciò che agli israeliti era proibito mangiare erano animali, o bestie, che ruminano e hanno l’unghia spartita. Queste due caratteristiche devono essere presenti in una particolare bestia. Se una caratteristica è assente, quindi, non dovrebbe essere mangiato. Nel caso di una lepre, i suoi zoccoli sono divisi ma non ruminano, così agli israeliti fu proibito di mangiarlo.

Ma, concedendo che Levitico 11:6 avrebbe dovuto descrivere la lepre in senso inverso, cioè, non rumina e ha l’unghia spartita, dopotutto, non renderebbero il divieto sbagliato. Ciononostante non deve ancora essere mangiato perché manca una delle caratteristiche di una bestia o di un animale da mangiare.

In effetti, ci sono persone che sfidano l'autenticità della Bibbia. Sono quelli che non considerano l'errore umano. Danno sempre la colpa alla Bibbia per gli errori che potrebbero essere stati commessi dalle persone che hanno fatto la sua traduzione.

In realtà, le persone che mettono in dubbio l'autenticità della Bibbia non finiranno mai per sollevare questioni contro la Bibbia. Lasciatemi citare un esempio. La Bibbia ha classificato i pipistrelli come uccelli perché gli uccelli volano con le loro ali e i pipistrelli volano perché sono anche alati. Così ora, le persone che cercano di screditare la Bibbia accusano la Bibbia di parlare di bugie perché, secondo loro, i pipistrelli non sono uccelli ma mammiferi. Ammettiamo che un pipistrello è classificato come un mammifero, la domanda è, chi ha fatto la classificazione e quando è stata fatta la classificazione?

Ricorda che quando fu scritta la Bibbia non c'erano ancora classificazioni sul fatto che una creatura fosse un mammifero, o un rettile o un uccello. La classificazione è avvenuta solo molto recentemente, nello specifico, migliaia di anni dopo che la Bibbia fu scritta. E la classificazione è stata fatta solo dall’uomo. Chi sapeva dei mammiferi durante il tempo di Mosè? La parola "mammifero" fu coniata da Linneo solo nel XVIII secolo, mentre il libro di Levitico fu scritto più di 3000 anni fa (1512) da Mosè nel deserto del Sinai. Quindi, come ti aspetteresti che la Bibbia classifichi il pipistrello come un mammifero quando la parola mammifero fu coniata solo nel 1758?

Quindi, quella volta, la Bibbia era assolutamente corretta quando classificò il pipistrello come un uccello perché vola.

Ma anche se nella legge di Mosè esistessero o meno affermazioni che non corrispondono in realtà alle attuali caratteristiche di certi animali, come nel caso della lepre, per me sono immateriali. Tuttavia, la lepre era giustamente inclusa tra gli animali che gli israeliti non dovevano mangiare perché le sue caratteristiche non riuscivano a soddisfare le qualità di una bestia o di un animale che potevano mangiare. Anche se la lepre ha i piedi forcuti, tuttavia, non rumina, quindi gli israeliti non avrebbero dovuto mangiarla.

Ma nella misura in cui non siamo sotto la legge di Mosè ma della legge di Cristo, non c'è praticamente alcun bisogno che noi ci preoccupiamo del tipo di cibo a cui fu proibito di mangiare agli israeliti. Primo, non siamo tra gli israeliti guidati da Mosè, quindi il divieto non ci riguarda; secondo, Cristo purificò tutto ciò che era considerato impuro durante il tempo degli israeliti; e terzo, attraverso il potere della preghiera, il nostro cibo potrebbe essere santificato.

Non dimentichiamo che il nostro Sommo Sacerdote oggi è il Signore Gesù Cristo. Ed è meglio non dubitare dell'autenticità della Bibbia.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.