Componenti di Prove che Sfatano l'Idea della Trinità come una Dottrina Cristiana

4/18/2019 0 Commenti


Molti pastori contemporanei di religioni diverse insegnano che Dio il Padre, Gesù, il Figlio e lo Spirito Santo hanno la stessa autorità.


Questo non è vero! Questo non è biblico!

Permettetemi di ribadire che la mia convinzione si basa sulla Bibbia, e la Bibbia ci dice che non sono della stessa autorità. 1 Corinzi 11:3 dice:

Ma io voglio che sappiate che il capo d'ogni uomo è Cristo, che il capo della donna è l'uomo, e che il capo di Cristo è Dio.

Il capo di Cristo è Dio. Quindi Dio è più alto di Cristo. In una sistemazione normale, un padre è più alto di suo figlio; l'autorità del padre è maggiore di quella del figlio. La contesa di alcune persone è che il figlio raggiunge la stessa autorità del padre quando muore. Questo potrebbe essere vero tra gli umani, tra i mortali. Ma il punto è che il Padre di Gesù Cristo non è morto, e non morirà mai perché è immortale. Quindi rimarrà per sempre il Padre e Gesù rimarrà sempre il Figlio; e il Padre sarà sempre più alto del Figlio.

Non sto degradando il Figlio; credo nel Figlio. Ma voglio che voi consideriate ciò che il Figlio disse sulla Sua grandezza e di Suo Padre. Giovanni 14:28 dice:

Avete udito che v'ho detto: 'Io me ne vo, e torno a voi'; se voi m'amaste, vi rallegrereste ch'io vo al Padre, perché il Padre è maggiore di me.

Nessuna altra dichiarazione potrebbe essere più chiara di quella proveniente dal Figlio stesso. Disse, il Padre è maggiore di me. Come contesterai questa affermazione? Come osa il gruppo dell’Unitarianismo dire che il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo sono tutti uguali? Neanche lo Spirito Santo è maggiore del Padre; lo Spirito Santo è anche sotto il potere del Padre. Perché lo dico? È perché il Signore Gesù Cristo, il Figlio, può inviare lo Spirito Santo. E secondo il nostro Signore Gesù Cristo, colui che manda è maggiore di colui che è mandato. Giovanni 13:16 dice:

In verità, in verità vi dico che il servitore non è maggiore del suo signore, né il messo è maggiore di colui che l'ha mandato.

Il Signore Gesù Cristo fu mandato dal Padre. Se è stato mandato, ciò lo rende maggiore o uguale al Padre che lo ha mandato? Ovviamente no! Come menzionato nel versetto, colui che manda è maggiore di quello mandato. Anche lo Spirito Santo viene mandato dal Padre. Quindi, cosa implica? Il Padre è più grande del Figlio e dello Spirito Santo.

L'apostolo Paolo testimoniò anche che il Padre è la massima autorità di tutti.

1 Corinzi 15:24-28 dice:

24 poi verrà la fine, quand'egli avrà rimesso il regno nelle mani di Dio Padre, dopo che avrà ridotto al nulla ogni principato, ogni potestà ed ogni potenza.
25 Poiché bisogna ch'egli regni finché abbia messo tutti i suoi nemici sotto i suoi piedi.
26 L'ultimo nemico che sarà distrutto, sarà la morte.
27 Difatti, Iddio ha posto ogni cosa sotto i piedi di esso; ma quando dice che ogni cosa gli è sottoposta, è chiaro che Colui che gli ha sottoposto ogni cosa, ne è eccettuato.
28 E quando ogni cosa gli sarà sottoposta, allora anche il Figlio stesso sarà sottoposto a Colui che gli ha sottoposto ogni cosa, affinché Dio sia tutto in tutti.

Quando verrà la fine, dopo che il Figlio ha annullato ogni regola, autorità e potere, dopo aver sconfitto tutti i nemici, e l'ultimo dei quali è la morte, Cristo consegnerà il regno a Dio Padre. Ciò significa che il Figlio sarà sotto l'autorità del Padre. Pertanto, non sono la stessa autorità.

In effetti, ci sono cose che appartengono solo al Padre. Atti 1:7 dice:

Egli rispose loro: Non sta a voi di sapere i tempi o i momenti che il Padre ha riserbato alla sua propria autorità.

Quella fu la risposta data dal Signore Gesù Cristo agli apostoli quando glieLo chiesero, è egli in questo tempo che ristabilirai il regno ad Israele? Quindi, il tempo e il momento sono sotto il solo potere di Dio Padre. Non è stato dato al nostro Signore Gesù Cristo di nominare tempi o momenti. Appartiene solo a Dio.

Anche la prossima venuta del Signore Gesù Cristo sulla terra non è nota a Lui. Disse: Nessuno lo sa, solo il Padre. Cristo non è al corrente del giorno o dell'ora della Sua venuta. È solo il Padre che lo sa.

Spero che i versetti citati siano più che sufficienti per dimostrare che il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo non sono di pari autorità.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Le Profezie che Accertano chi Dio Sceglierà come Suo Messaggero

4/12/2019 0 Commenti


I SAMUELE 16:7-8
7 Ma l'Eterno disse a Samuele: 'Non badare al suo aspetto né all'altezza della sua statura, perché io l'ho scartato; giacché l'Eterno non guarda a quello a cui guarda l'uomo: l'uomo riguarda all'apparenza, ma l'Eterno riguarda al cuore'.
8 Allora Isai chiamò Abinadab, e lo fece passare davanti a Samuele; ma Samuele disse: 'L'Eterno non s'è scelto neppure questo'.

Molte persone, specialmente quelli che si considerano superiori agli altri, o la loro razza superiore rispetto alle altre razze, trovano difficile accettare il fatto che Dio scelga un uomo comune, da una razza inferiore, per diventare il Suo messaggero. Per essere più specifici a riguardo, non possono credere che Dio scelga un filippino come messaggero.

In realtà, i messaggeri di Dio sono persone che non ti aspetteresti che sarebbero state scelte da Dio. Gli standard di Dio nel scegliere sono diversi dagli standard umani. Chiunque, a prescindere dalla sua razza, potrebbe essere un messaggero di Dio perché Egli non ha riguardo alla qualità delle persone. Come scritto in Atti 10:34:

Allora Pietro, prendendo a parlare, disse: In verità io comprendo che Dio non ha riguardo alla qualità delle persone;

Se conosci il Dio della Bibbia, non Lo metteresti in dubbio. Nessuno Gli comanda e nessuno dovrebbe interrogarLo. Potrebbe scegliere un americano, o un australiano, o un italiano, o un inglese, o un tedesco, o chiunque come Suo messaggero. Non importa quale sia la sua nazionalità. Dio può scegliere da qualsiasi nazione e fargli il Suo messaggero, ma, naturalmente, con disposizioni specifiche. Come scritto in Atti 10:35:

ma che in qualunque nazione, chi lo teme ed opera giustamente gli è accettevole.

Credo che questo particolare versetto sia sufficiente per rispondere alle persone che si chiedono se mi qualifico come messaggero di Dio. Non devo glorificarmi; tutto ciò che devo fare è leggere ciò che dice la Bibbia.

Secondo il versetto, in qualunque nazione, chi lo teme. Questa è una delle disposizioni, deve essere timorato di Dio. Se c'è una cosa di cui posso assicurarti, è che temo Dio. Un'altra disposizione è, ed opera giustamente. Questo è esattamente ciò che sto facendo, opero giustamente; faccio ciò che Dio mi sta dicendo di fare. Per tutta la vita ho provato e perseverato ad operare giustamente. Apparentemente, potrei passare i requisiti per diventare il messaggero di Dio.

Tuttavia, ci sono profezie bibliche che squalificano gli americani per diventare il messaggero di Dio. Non sto insultando gli americani e la nazione americana, ma se avete intenzione di rispettare le profezie contenute nella Bibbia, la salvezza inizierà dall'oriente, rendendo gli orientali qualificati. E io vengo dall’oriente!

Malachia 1:11 (Nuova Riveduta) dice:

Ma dall'oriente all'occidente il mio nome è grande fra le nazioni; in ogni luogo si brucia incenso al mio nome e si fanno offerte pure; perché grande è il mio nome fra le nazioni", dice il SIGNORE degli eserciti.

Questa profezia faceva riferimento ai pagani, non agli ebrei. È per i gentili. I gentili sono le nazioni al di fuori di Israele.

La Bibbia ci parla di una sequenza di eventi, dall'oriente all'occidente il mio nome è grande fra le nazioni; quindi, la predicazione di quanto grande sia il nome del Signore Dio non verrà da Israele ma dall'oriente, da dove sorge il sole. L'annuncio della grandezza del nome del Signore inizierà dall'oriente.

Zaccaria 8:7 (Nuova Riveduta) ha una profezia collaterale:

Così parla il SIGNORE degli eserciti: "Ecco, io salvo il mio popolo dalla terra d'oriente e dalla terra d'occidente;

Il versetto afferma chiaramente che la salvezza inizierà dall'oriente. Un'altra profezia collaterale è in Isaia 24:15 che dice:

'Glorificate dunque l'Eterno nelle regioni dell'aurora, glorificate il nome dell'Eterno, l'Iddio d'Israele, nelle isole del mare!'

Le Filippine sono composte da isole - isole del mare, litorali del mare. E non c'è nessun paese in oriente come le Filippine in termini di fede della gente nel nome del Signore Dio di Israele. Nella nostra parte del globo, in paesi come la Cina, Singapore, Malesia, Giappone, Indonesia, India, il nome del Signore Dio di Israele non è popolare. Non glorificano il nome del Signore Dio, ma invece lodano altri nomi, come Buddha, Scinto, Confucio e molti altri. È solo nelle Filippine che il Signore Dio è glorificato. Sebbene le Filippine non siano esclusivamente una nazione cristiana, perché altri filippini praticano altre religioni, resta il fatto che ci sono persone nelle Filippine che glorificano il nome del Signore Dio di Israele. E posso umilmente affermare che è la nostra congregazione a farlo. 

Le profezie ci dicono che ci sarebbe un messaggero di Dio dall'oriente proprio perché il nome del Signore Dio non sarebbe proclamato tra i gentili se non ci fosse alcun messaggero.

Credo che nelle Filippine qualcuno si qualificherà come il messaggero di Dio! Vengo dall'Est, dalle Filippine, e sto predicando la gloria del Dio di Israele. Ma non voglio esaltare me stesso, né pretendere di essere qualcuno di speciale. Io non sono niente. Ma molto chiaramente le Filippine si qualificano per essere un luogo da cui il messaggero di Dio venga, perché è in oriente che l'opera di salvezza inizierà negli ultimi giorni.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti:

Come Perdoniamo Coloro che ci Hanno Fatto Torto?


I fisici dicono che per ogni azione c'è sempre una reazione uguale o contraria. Questo è particolarmente vero in termini di natura umana. Gli esseri umani reagiscono agli stimoli. La natura umana stabilisce che se qualcuno ci ha fatto qualcosa di buono o qualcosa di favorevole, ricambiamo questo gesto come un segno del nostro apprezzamento per la bontà che ci è stata resa. Trattiamo bene quella persona; facciamo a lei anche del bene. Ma se qualcuno ci ha fatto del male, ci vendichiamo facendgli anche del male. A volte si giunge al punto che, anche dopo tanti anni che sono passati, quell'offesa rimane indimenticabile, implicando che il responsabile dell’offesa non è stato neanche perdonato.

Ma come reagirebbe un cristiano se qualcuno commettesse un peccato contro di lui o se qualcuno gli avesse fatto un’offesa?

Prima di tutto, la giusta reazione di un cristiano è essere felici. Se qualcuno ha peccato contro di te, devi essere felice perché Dio ti sta dando un'opportunità di perdonare. Il Padre ha permesso a quella persona di farti del male perché Lui vuole che tu impari la virtù di essere un perdonatore. Questo può sembrare strano per gli altri, ma questo è biblico. In realtà, trarremo beneficio dal perdonare i nostri trasgressori perché, così facendo, anche noi meriteremo il perdono di Dio per i peccati che abbiamo commesso.

MATTEO 6:14 dice:

Poiché se voi perdonate agli uomini i loro falli, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi;

Il Padre esercita sempre la giustizia. Lui dà ciò che ci è dovuto.

MATTEO 5:7 dice:

Beati i misericordiosi, perché a loro misericordia sarà fatta.

Se mostri misericordia agli altri, anche Dio sarà misericordioso con te. Se perdoniamo, perdonerà anche noi.

Se qualcuno ti ha fatto un torto, non essere arrabbiato perché questa è un'opportunità che il Padre ti sta dando per perdonare, affinché tu sia perdonato, perché anche tu commetti peccati. 

ECCLESIASTE 7:20 dice:

Certo, non v'è sulla terra alcun uomo giusto che faccia il bene e non pecchi mai.

Tutti gli uomini peccano, persino gli uomini santissimi che hanno vissuto sulla terra avevano peccato. Questo è, naturalmente, escluso il Signore Gesù Cristo perché anche quando si manifestò nella carne, non commise alcun peccato. Ma gli uomini più santi che vissero sulla terra, come Giobbe, Daniele, Noè, Abramo, Maria e Giuseppe e tutti gli altri santi registrati nella Bibbia per i loro valori e fede, commisero anche loro dei peccati. Quindi, nessun uomo è senza peccato agli occhi di Dio. Ma imparando come perdonare, possiamo essere irreprensibili attraverso la grazia del perdono di Dio.

In realtà, non ti sarà difficile perdonare se ti rendessi conto che perdonando i tuoi trasgressori ti stai facendo un grande favore. Meriterai la misericordia di Dio; meriterai il Suo perdono.

Imparare a perdonare è imparare ad amare te stesso. Se ti ami, penseresti sempre a ciò che è meglio per te. E vincere il perdono di Dio è una delle cose migliori che possano mai accadere ad una persona. Amen.

Questo blog è stato tradotto con cura nella lingua Italiana dai nostri traduttori nei limiti delle proprie capacità. Tuttavia, questo non assicura l’esattezza nella traduzione delle informazioni per varie ragioni. Se ci dovessero essere differenze nella lingua originale, la versione originale in inglese è quella a cui fare riferimento.

0 commenti: